Depositphotos (djedzura)
Adattati i modelli di piani di protezione per le scuole pubbliche.
CANTONE
16.10.20 - 15:360

Adattati i piani di protezione per le scuole pubbliche: dai 12 anni obbligo di mascherina sui trasporti speciali

Anche nelle scuole postobbligatorie cantonali gli allievi dovranno indossarle

BELLINZONA - Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) ha deciso che, a partire da lunedì 19 ottobre, nelle scuole postobbligatorie cantonali sarà obbligatorio l’uso generalizzato delle mascherine. L’uso obbligatorio della mascherina per gli allievi dai 12 anni sui trasporti scolastici di linea sarà inoltre esteso anche ai trasporti scolastici speciali.

Ieri è stata comunicata alle direzioni d'istituto delle scuole cantonali la versione aggiornata dei modelli di piani di protezione delle scuole postobbligatorie e della scuola dell’obbligo. 

Queste le principali novità:

Per le scuole dell’obbligo: sui trasporti scolastici, siano essi di linea o speciali, è obbligatorio l’uso della mascherina dal compimento dei 12 anni di età. Sono dispensati dall’obbligo della mascherina unicamente gli allievi che per motivi medici non possono indossarla. Gli allievi tenuti all’obbligo della mascherina dovranno provvedere personalmente a procurarsela per il suo uso sui trasporti scolastici. «La misura è volta a uniformare il trattamento degli allievi su tutti i trasporti scolastici, siano essi di linea o speciali». Questi ultimi sono utilizzati attualmente da circa 2’500 allievi, soprattutto di scuola media. 

Per le scuole postobbligatorie: è obbligatorio indossare la mascherina dentro e fuori l’istituto scolastico (in tutti gli spazi chiusi – aule, laboratori, ecc. – e nei sedimi esterni alla scuola), anche se si possono mantenere le distanze fisiche. Per quanto possibile, il distanziamento di almeno 1.5 metri tra persone (tra allievi, tra docenti, e tra allievi e docenti) va comunque sempre garantito. La mascherina può essere tolta solo una volta seduti al tavolo della mensa o nelle aule scolastiche messe a disposizione per i pasti, limitatamente al tempo necessario per mangiare. La misura presa, in particolare l’estensione dell’obbligo a tutti gli spazi chiusi e ai sedimi esterni alla scuola, permette di tutelare maggiormente allievi, docenti e personale attivi nell’ordine scolastico finora maggiormente toccato da casi positivi e quarantene, ponendo così le basi per il proseguo dell’insegnamento in presenza (secondo lo scenario 1).
La misura presa è inoltre volta a uniformare le misure degli istituti scolastici postobbligatori cantonali (licei, scuola cantonale di commercio, scuole professionali), dove già attualmente era in molti casi in vigore l’obbligo d'indossare la mascherina.

«Il DECS ricorda che dall’inizio dell’anno scolastico 2020/2021 a oggi nelle scuole pubbliche del Canton Ticino (scuola dell'infanzia, scuole elementari, scuole medie, scuole medie superiori e scuole professionali), grazie alle misure prese e al funzionamento dei piani di protezione, circa 48'500 allievi e 5'800 docenti possono frequentare quotidianamente la scuola in presenza». Le persone temporaneamente assenti per isolamento (se positive al coronavirus) o quarantena (per precauzione), una volta terminato il periodo a casa, rientrano regolarmente a scuola, aggiungono da Bellinzona. «DECS e DSS continuano a vigilare sulla situazione e sono pronti ad adattare le misure qualora ciò si rendesse necessario. Allievi e docenti sono invitati a rispettare le indicazioni contenute nei piani di protezione che finora hanno dato buoni risultati».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fapio 1 anno fa su tio
Stiamo cadendo nel ridicolo, il risultato finale, per chi non l'avesse ancora capito, è quello che la mascherina verrà introdotta in tutti i locali chiusi indistintamente se negozi, bar, uffici, scuole, ecc. Qualcuno mi potrebbe spiegare perché il governo che tanto aveva avuto coraggio in primavera, ora non le tira più fuori e va avanti a piccoli passettini (che tra l'altro confondono solo la gente, ogni giorno una regola nuova)? Per non parlare della Berna federale che non è capace di imporre un bel niente? Intanto mr. covid19 se la ride e sguazza in giro ancora un po'... PS: non è che le mascherine siano la liberazione da tutti i mali, di sicuro però male non fanno e contengono almeno in parte la bestia schifosa che c'è in giro da ormai una decina di mesi.
fapio 1 anno fa su tio
Stiamo cadendo nel ridicolo, il risultato finale, per chi non l'avesse ancora capito, è quello che la mascherina verrà introdotta in tutti i locali chiusi indistintamente se negozi, bar, uffici, scuole, ecc. Qualcuno mi potrebbe spiegare perché il governo che tanto aveva avuto le pa..e in primavera, ora non le tira più fuori e va avanti a piccoli passettini (che tra l'altro confondono solo la gente, ogni giorno una regola nuova)? Per non parlare della Berna federale che non è capace di imporre un bel niente? Intanto mr. covid19 se la ride e sguazza in giro ancora un po'... PS: non è che le mascherine siano la liberazione da tutti i mali, di sicuro però male non fanno e contengono almeno in parte la bestia schifosa che c'è in giro da ormai una decina di mesi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
25 min
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
2 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
4 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
18 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
19 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
20 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
23 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile