Keystone
CANTONE
07.10.20 - 18:470

Modifiche della Legge: albergatori e ristoratori non ci stanno

Lanciata una petizione per agire maggiormente sulla LEAR (Legge sugli esercizi alberghieri e la ristorazione)

Secondo i promotori, il Governo dovrebbe snellire la LEAR, in aiuto alla categoria in difficoltà a causa del Covid-19

BELLINZONA - In Gran Consiglio si sta lavorando sulle modifiche della Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (LEAR).

Le discussioni attuali però non soddisfano tutti, e un gruppo di esercenti e ristoratori del Canton Ticino ha lanciato una petizione: "Revisione della LEAR: il Ticino come i Grigioni!".

Gli attuali cambiamenti proposti dal Governo «sono minimi e non rispondono adeguatamente alle necessità della nostra categoria», sostengono i promotori, che vorrebbero invece agire su due strade: «sburocratizzare» e snellire la LEAR, dando maggior fiducia al settore e sostenendolo nella ripresa dopo le difficoltà legate al Covid-19, e «abolire la costosa e poco utile patente di gerente».

Infatti, per gli esercenti, la LEAR è «una legge severa che in nessun altro Cantone è così draconiana», e che limita in maniera eccessiva la libertà imprenditoriale, mettendo gli esercenti ticinesi in svantaggio rispetto alla concorrenza estera o di altri Cantoni.

Al centro del dibattito la figura del gerente: «Il Ticino è uno dei pochi Cantoni a prevedere degli esami cantonali per la gerenza di un locale pubblico», spiegano i proponenti della petizione, «ma gerente non significa qualità, e un simile onere penalizza sia gli esercenti che i consumatori».

Un esempio pratico: «Si pensi che oggi, in Ticino, per aprire un locale è necessario seguire la scuola esercenti e sottoporsi all’esame cantonale: una procedura che implica costi per almeno 10mila franchi, oltre ad una perdita di guadagno pari a circa 3 mesi lavorativi».

Gli esercenti mettono poi l'accento sull'importanza del settore per l'economia ticinese, e le difficoltà di garantire lo stipendio ai migliaia di dipendenti. «Se da un lato la recessione economica e la minor disponibilità di spesa dei cittadini ha ridotto drasticamente le potenziali entrate, dall’altro lo Stato non aiuta di certo» affermano i promotori.

L'obiettivo finale della petizione è di far conoscere le reali aspettative della categoria, per muoversi a favore della variante di una nuova regolamentazione più snella e meno burocratica.

I promotori invitano infine i colleghi a sottoscrivere la petizione, e di contattare per qualsiasi dubbio o domanda l’indirizzo petizione.lear@gmail.com.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MrBlack 1 mese fa su tio
Chissà perché chiedono di abolirla..ah già con il confine così vicino farebbe comodo per sostituire anche i gerenti....bene avanti così...
Desi Moro 1 mese fa su fb
Allora togliete anche la patente auto.....
Pedraita Maurizio 1 mese fa su fb
Ogni mestiere ha un diploma, quindi..... 😎
Niccoló Del Curto 1 mese fa su fb
Pedraita Maurizio Si, ma solo in Ticino è cosi
Pedraita Maurizio 1 mese fa su fb
Niccoló Del Curto e allora?
Pedraita Maurizio 1 mese fa su fb
Ossignur🙄
tip75 1 mese fa su tio
rimettete il numero chiuso per paese è l economia ripartirà, e la patente e’ il minimo del requisito
tip75 1 mese fa su tio
ahahhaha ma va già che ci siamo abolite anche la patente per le auto...
albertolupo 1 mese fa su tio
Non mi sembra che il livello della ristorazione dei Grigioni sia così nettamente inferiore di quella ticinese...
seo56 1 mese fa su tio
Sarebbe ora
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
7 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
7 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
9 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
11 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
12 ore
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
13 ore
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
CANTONE
14 ore
Altre 27 persone ricoverate, i pazienti dimessi sono 18
Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi accertati sono stati 323. Si tratta della cifra più alta delle ultime tre settimane.
CANTONE
15 ore
Se un funzionario del Cantone cambia sesso
Il Dipartimento del territorio ha gestito per la prima volta la transizione di un dipendente. E se l'è cavata molto bene
FOTO E VIDEO
ASCONA
16 ore
«Una nuvola di fumo nero». Pompieri sul posto
Le fiamme sono divampate da un magazzino sito in via Delta.
FOTO E VIDEO
CANTONE
17 ore
Bianco Ticino. E non mancano i disagi al traffico
L'allerta (di grado 4) sarà in vigore fino a domenica a mezzogiorno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile