tipress
CANTONE
01.10.20 - 06:010
Aggiornamento : 11:59

Merlot "Uniti" troppo caro: «Margini da usurai, fate attenzione»

La denuncia parte dal direttore di Ticinowine: «Alcuni ristoratori non rispettano gli accordi. Segnalatemeli»

Per ora due le segnalazioni di esercenti un po' troppo avidi. Conconi: «Sono liberi di comprare altri vini. Ma questo va venduto al prezzo stabilito»

LUGANO - Una bottiglia di vino al ristorante, in taluni casi, può far lievitare sensibilmente il conto. Lo sa bene Ticinowine che, proprio per rendere appetibili e concorrenziali i vini ticinesi, ha realizzato l’etichetta “Uniti” per dei merlot da offrire a un prezzo stabilito. Che, tuttavia qualcuno non sta rispettando. 

«Si tratta di un progetto di solidarietà sostenuto dal Centro di Competenze Agroalimentari Ticino (CCAT) e che vede collaborare il settore della ristorazione e quello viticolo», spiega Andrea Conconi, direttore di Ticinowine. «Assieme a GastroTicino abbiamo fissato questo prezzo, che può variare dai 22 ai 25 franchi a bottiglia. Ciò per avvicinare il consumatore ai vini ticinesi e andare a fare concorrenza ai vini esteri». 

A questa iniziativa partecipano ben 14 produttori di vini che hanno deciso di apporre l’etichetta “Uniti” sul loro merlot. «Un progetto a termine - spiega Conconi -, ma che certamente non è pensato per mera speculazione». 

Proprio questo è il motivo che è costato un’arrabbiatura al direttore di Ticinowine. «C’è chi non sta rispettando l’accordo - sottolinea -. Per ora ho ricevuto due segnalazioni. In un caso il Merlot Ticino DOC Uniti veniva venduto in un ristorante a 38 franchi la bottiglia. Sono deluso da questo, definiamolo “professionista”, che si è preso una marginalità da usuraio». 

«Purtroppo - prosegue Conconi - la persona che me l'ha segnalato non ha voluto comunicare il nominativo del ristorante». Il caso, però, non è isolato. «Peggio ancora - incalza l’esperto di viticoltura ed enologia -, il ristorante che lo vendeva a 9 franchi il bicchiere, quando al massimo dovrebbe costarne 4. Se un ristoratore non vuole partecipare all’iniziativa non è obbligato. Ma a questo punto ha due scelte: o non compra questo vino o, se lo fa e non rispetta gli accordi lo svergogno». 

Conconi non ha nessuna intenzione di tacere, anzi. «Chiunque di voi trovasse in un esercizio pubblico il Merlot Ticino DOC Uniti a un prezzo superiore ai 25 franchi la bottiglia, o quattro franchi al bicchiere, è invitato a comunicarmelo. Anche via Messenger. Solo così posso intervenire per evitare abusi. Questo anche nel rispetto di quei ristoratori che si stanno impegnando a far ripartire il settore».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Doda 1 anno fa su tio
Avete proprio ragione..porto un ospite straniero a mangiare tipico a Mendrisio..alla fine si fa un vero e proprio apericena,perché le carni erano tutte d'importazione,cosa che mi ha fatto vergognare.. quindi dicevo ,alla fine si fa un apericena..in due a salumi e cipolline,merlo ticinese 37 la bottiglia..totale dell'ape,125 fr da fuori di testa! Mai più!!! Mi sono vergognata! Un salametto,un pezzetto di formaggio,un vassoio di affettati ticinesi.cipolline e cetrioli,un dolcetto,misero direi..e la bottiglia locale! Un furto legalizzato! E poi ci si lamenta che si va oltre confine..andavo in un ristorante di lusso!!!
GI 1 anno fa su tio
Sono sempre stupito quando "lanciano il sasso e nascondono la mano".....non serve a niente se non vengono comunicati i nomi dei ristoratori !!!!!
Heinz 1 anno fa su tio
Soluzione banale: pompano il prezzo? Non lo compro.
Evry 1 anno fa su tio
I vinificatori devono pretendere meno guadagni !!!! i viticoltori fanno già fatica a stare in piedi !!
Didimon 1 anno fa su tio
Bene. Ristoratori strozzini e usurai
Maxy70 1 anno fa su tio
Meno male che qualcuno se ne accorge! Quei ristoranti sono da boicottare e sarebbe bello che ci fosse una lista nera ufficiale con nome e indirizzo. Parliamo anche dell'acqua? Una bottiglia sul tavolo costa più della confezione da 6 per 1.5 l al supermercato! Non tutti i ladri sono in galera!
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@Maxy70 Se non fanno il nome è un po’ difficile boicottare, lo puoi fare solo se ci vai e vedi il prezzo del vino. In ogni caso, conosco bene il mondo della ristorazione per questioni di lavoro (non lavoro nel settore, io lavoro in banca) e ti posso assicurare che la maggior parte dei ristoratori fanno piuttosto fatica ad arrivare a fine mese. È normale che l’acqua, il caffè o il tè lo facciano pagare tanto. Il problema, piuttosto, è che in Ticino ci sono troppi ristoranti per rapporto al numero di abitanti e questi innesca tutta una serie di dinamiche negative. In generale io quando esco a cena o a pranzo cerco di scegliere dei locali dove mangio bene e sono servito bene, così non ho la sensazione di essere gabbato. Molti di noi poi fanno il paragone con l’Italia e si scandalizzano per i prezzi praticati in Ticino. Però queste stesse persone non fanno lo stesso ragionamento quando si tratta di parlare del proprio salario. In quel caso va bene guadagnare tanto e nessuno dice: “come sono fortunato, in Italia chi fa il mio mestiere guadagna meno della metà di me”. Non mi riferisco a te ovviamente perché non hai parlato di questo argomento. In generale bisogna capire che da noi ci sono prezzi alti perché i costi in generale sono alti (stipendi, affitti, eccetera).
ioenontu82 1 anno fa su tio
@Maxy70 le solite polemiche inutili e supide... é ovvio che una bottiglia di acqua al ristorante costa decisamente di più che al supermercato...
Maxy70 1 anno fa su tio
@ioenontu82 Inutile e stupida magari è la Sua risposta... ho diritto alla mia opinione e un ricarico del genere sull'acqua è ingiustificabile.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
6 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
10 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
11 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
13 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
14 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
18 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
19 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
20 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
20 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
22 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile