TiPress
GORDOLA
24.09.20 - 23:300

«Le multe “fioccano” se si entra in contromano»

Il Capo dicastero sicurezza pubblica risponde al gruppo Lega-UDC contro la fotocamera mobile per i controlli

Ci sono cittadini che più e più volte non hanno rispettato la segnaletica obbligo di “svoltare a destra” e “divieti d’accesso” entrando di conseguenza in contromano in strade a senso unico.

GORDOLA - «Fioccano multe come fosse Natale» scriveva questa mattina il gruppo Lega-UDC contro la fotocamera mobile per il rilevamento delle targhe dei veicoli in transito. «Il tempo della prevenzione è finito», risponde ora il Municipio.

A esprimersi dopo la pubblicazione del comunicato stampa è René Grossi, Capo dicastero sicurezza pubblica che sulle multe a Gordola dice la sua e spiega che «la segnaletica nel comune è stata cambiata quasi tre mesi fa». Alcune strade sono diventate sensi unici. Nel merito, la popolazione è stata informata con «volantini inoltrati a tutti i fuochi, prevenzione ad ampio raggio con controlli ed informazioni preventivi da parte della Polizia nonché con grandi cartelli di colore arancione che invitano a fare attenzione alle modifiche della segnaletica». Eppure, molti
automobilisti continuano ad entrare in strade dove vige il divieto d’accesso, infischiandosi della segnaletica verticale.

Il Capo dicastero sicurezza pubblica chiarisce che se inizialmente si è informato e poi sensibilizzato, si è poi passati agli ammonimenti e a un certo punto alle contravvenzioni. Uno dei compiti della polizia è quello di far rispettare la segnaletica in vigore, con la presenza fisica oppure con l’apparecchio mobile per rilevare le targhe, esso viene usato in molti paesi e città Svizzere e Ticinesi.

Grossi sottolinea comunque che è anche stato applicato «il buonsenso da parte della polizia come anche dell’autorità politica». Ma «è ovvio che dopo tre mesi si passi alla repressione - conclude -. Un “contromano” è tale anche se si percorrono solo pochi metri, ed è pericoloso per pedoni, ciclisti o altri automobilisti che sopraggiungono in senso inverso».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Hardy 2 mesi fa su tio
Vabbè...se uno circola contravvenendo alle regole non vedo perché lamentarsi. In contromano, poi, non è proprio da saggi farlo. Al cambiamento della segnaletica pian piano ci si abitua, non ci vuole una scienza.
grumpy 2 mesi fa su tio
Trovo sorprendente e inspiegabile come Lega-UDC, due partiti che piu' di altri non mancano di richiamarsi alla "svizzeritudine", siano d'altro canto sempre in prima linea a criticare, specialmente in fatto di circolazione, l'operato della polizia per le multe distribuite a chi non rispetta leggi e regole: non volete le multe? Rispettate la legge. Volete fare quel che vi pare? Andatevene nella vicina Penisola. Li' potete stare quasi certi di rimanere impuniti.
interceptors 2 mesi fa su tio
Grossi ha ragione, ma bisogna anche ricordare che dopo 50anni che la gente si muove in un certo modo, difficilmente si adatta ad un cambiamento cosi`repentino. Nel mio piccolo, quando è partito il volantinaggio nel mese di giugno, mi trovavo in montagna, e mi sono dovuto adattare al mio ritorno nella seconda metà di agosto,, quindi solo un paio di settimane. A Gordola, si vuole mettere una pezza ad una situazione di completa anarchia con il piano regolatore, che hanno permesso di costruire case a confine con strade comunali, senza parcheggi privati, quindi con un marasma di auto posteggiate nelle carreggiate. Questa mancanza di sicurezza della nobiltà lenta, ha portato a questi interventi, che ci stanno per carità, ma forse il problema di base è un'altro. Ps: Lo vedremo anche nelle prossime settimane quando poseranno i radar tra Gordola, Riazzino e Cugnasco, dove hanno appena abbassato i limiti di velocità, (tra l'altro non per motivazioni di sicurezza ma per diminuzione del rumore), e vedremo quanti cadranno nella rete!
Equalizer 2 mesi fa su tio
@interceptors E questo senza menzionare che la nuova "Stazione" FFS di un paese di quasi 5000 abitanti è raggiungibile solo tramite un sentiero...
Zarco 2 mesi fa su tio
giusto dare le multe ! pericolo ??
Dioneus 2 mesi fa su tio
Lega e Udc che difendono l'indifendibile o che creano non-problemi? Stranissimo!
Roberto Wagenbauer 2 mesi fa su fb
Danno le contravvenzioni a chi entra in contromano 😱 Pazzesco 😂
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
I consigli della Polizia fanno arrabbiare le femministe
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" punta il dito contro un vademecum anti-aggressione, e chiede di rimuoverlo
BELLINZONA
4 ore
I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)
Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni
LUGANO
6 ore
Colpì la giornalista con una testata, identificata dalla polizia
Si tratta di una 20enne svizzera domiciliata nel Luganese che il 30 novembre manifestava contro le restrizioni Covid
LUGANO
6 ore
La prima neve è arrivata
Da Chiasso a Mendrisio fino a parte del Luganese i primi timidi fiocchi stanno scendendo dal cielo
LUGANO
6 ore
«Concreti indizi di un movente estremista»
La 28enne di Vezia resta in carcere, arresto confermato dal giudice. L'avvocato: «Serve una perizia psichiatrica»
BELLINZONA
7 ore
Picchiato e poi chiuso in casa dagli "amici"
Nuovi dettagli sulla lite di stamattina in un appartamento. I vicini: «C'erano già stati problemi»
CANTONE
11 ore
Affitti commerciali: «Il Cantone intervenga»
Se Berna non fa sconti, il Ps chiede a Bellinzona di aiutare le imprese
CANTONE
13 ore
Nuovo calo di pazienti negli ospedali
Nelle ultime 24 ore 18 persone sono state ricoverate nelle strutture sanitarie cantonali, mentre 26 le hanno lasciate.
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Violenta lite in appartamento, la polizia cerca i responsabili
Un 25enne domiciliato nel Luganese ha riportato leggere ferite. Prima di andarsene, lo avrebbero chiuso dentro
BELLINZONA
16 ore
«Vado avanti a morfina, chiedo giustizia»
Continua la lotta di un 30enne contro il medico che lo ha operato alla schiena: «Io, danneggiato. E nessuno risponde».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile