Keystone (archivio)
CANTONE
20.09.20 - 20:110
Aggiornamento : 21.09.20 - 07:02

I funghi meglio dell'ospedale: «Solo due infortuni in un mese»

La Rega chiamata in causa solo due volte da fungiatt in difficoltà: «Non abbiamo notato nessuna recrudescenza».

L'invito alla prudenza che il Dipartimento delle Istituzioni aveva lanciato ad agosto sembra abbia dato i suoi frutti.

BELLINZONA - «È mattino presto, la luce del sole si insinua lentamente tra gli alberi del bosco, fruscio di foglie bagnate, la mano tesa per raccogliere l’agognato porcino e poi… Il finale lo lasciamo decidere a voi: una tradizionale polenta e funghi in compagnia o un infortunio con conseguenze anche gravi con trasporto in elicottero verso l’ospedale?». È con questo invito alla prudenza che il Dipartimento delle Istituzioni aveva lanciato - lo scorso mese d’agosto - la propria campagna in vista della stagione della raccolta di funghi. 

Monito che sembra essere stato seguito alla lettera, visto che solamente due fungiatt sono rimasti feriti tra le montagne della Svizzera italiana nel corso dell'ultimo mese. «Dal 19 agosto al 19 settembre -precisa la portavoce della Rega Federica Mauri - abbiamo avuto solamente due infortuni che hanno richiesto il nostro intervento».

Il primo caso risale a inizio settembre ed è avvenuto tra i boschi della Vallemaggia. Qui un cercatore di funghi era rimasto leggermente ferito in una zona discosta e per questo ha dovuto essere recuperato da un elicottero. Il secondo caso si è invece verificato questo weekend dove un 51enne italiano è rimasto gravemente ferito a causa della caduta nel greto di un torrente sui Monti di Roveredo e ha dovuto esser elitrasportato al Civico di Lugano. Due ferimenti in un mese, insomma un bilancio tutto sommato buono: «Non abbiamo notato nessuna recrudescenza del problema», sottolinea Mauri, precisando che gli elicotteri della Rega oltre a quello in Mesolcina hanno effettuato altri cinque interventi nella giornata di sabato

Negli ultimi cinque anni, ricordiamo, sei persone sono decedute nei boschi ticinesi cercando funghi e diverse altre hanno finito la loro giornata in ospedale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
26 min
Covid, altri 219 casi e 3 decessi in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore si è reso necessario il ricovero di 34 malati. Quindici sono stati dimessi
CANTONE
1 ora
È prevista altra neve (stavolta in montagna)
Mattinata di tregua, poi nel pomeriggio arriveranno nuove precipitazioni
LUGANO
1 ora
Pubblicità dei mercatini di Lugano a Losanna in tempo di covid: arriva l'interpellanza
Demis Fumasoli interroga il Municipio: «La volontà di attirare persone da lontano è un pugno nello stomaco».
FOTO E VIDEO
CANTONE
16 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
17 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
18 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
20 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
21 ore
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
22 ore
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
CANTONE
1 gior
Altre 27 persone ricoverate, i pazienti dimessi sono 18
Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi accertati sono stati 323. Si tratta della cifra più alta delle ultime tre settimane.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile