TiPress - foto d'archivio
CANTONE
13.09.20 - 21:280

Magistratura, su cinque "bocciati" quattro sono donne

Tamara Merlo commenta il parere espresso dal Consiglio della Magistratura su Akbas, Alfier, Fumagalli, Lanz e Lanzillo

«Bisogna interrogarsi sull'organizzazione del Ministero pubblico e il sistema delle nomine».

LUGANO - La rielezione di cinque procuratori pubblici "bocciata" dal Consiglio della Magistratura. Quello che ha travolto il Ministero pubblico ticinese è un mezzo terremoto. Che non accadeva da oltre vent'anni. Perché Zaccaria Akbas, Marisa Alfier, Anna Fumagalli, Francesca Lanz e Margherita Lanzillo abbiano ricevuto un preavviso negativo dall'organo competente non è noto né si ha intenzione di avanzare delle ipotesi. Quello che però salta all'occhio è che quattro procuratori pubblici su cinque sono donne. 

Che sia sintomo di un ambiente difficile? O di un giudizio più severo riservato al genere femminile? Al momento non è dato saperlo. Ma una riflessione è possibile comunque intavolarla. Partendo forse proprio da uno dei membri che sarà chiamato a mettere la parola "fine" alla questione in Gran Consiglio: Tamara Merlo, deputata di Più Donne. «È prematuro giudicare prima di approfondire la questione - è la sua premessa -, ma sulla questione sorge spontanea una domanda: presso il Ministero pubblico c'è un'organizzazione e una gestione del personale all'altezza?».

Per la deputata «è importante chiedersi cosa sia successo e come rimediare». Forse il fatto che su cinque "bocciature" vi siano quattro donne (che su 20 pp erano 9 in totale) «potrebbe far pensare che la decisione del Consiglio della Magistratura possa essere una conseguenza più legata al clima di lavoro che non alle singole capacità», aggiunge Merlo. Soprattutto «pensando a chi si trova al Ministero pubblico da diversi anni. Non posso pensare che ci sono quattro persone che prima "funzionavano" e ora non più».

Tra i nomi figura anche chi occupa la posizione di procuratrice pubblica da meno tempo. «In Gran Consiglio sarebbe quindi bene chiedersi se non veniamo indotti a nominare qualcuno che magari non è in grado di fare questo lavoro - aggiunge la deputata -. In questo caso, allora, forse è il sistema delle nomine che non funziona». Da qui l'idea: «Si potrebbe pensare a un sistema duale, tipo l'apprendistato. Il procuratore pubblico non è un lavoro per tutti. Servono anche qualità personali e attitudine a un certo tipo di impiego».

Comunque, i giochi non sono ancora stati fatti. Ora la palla passerà in mano alla Commissione giustizia e diritti del Parlamento e l'ultima parola spetterà alla politica. Qualora la "bocciatura" dovesse venire confermata, «sicuramente è fondamentale che anche in questo ambito vi sia una pari rappresentatività delle donne - conclude Tamara Merlo -. Ma è ovvio che ci dovranno essere delle valide candidate in sostituzione delle eventuali uscenti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
23 min
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
2 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
5 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
7 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
8 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
23 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile