TiPress - foto d'archivio
CANTONE
13.09.20 - 21:280

Magistratura, su cinque "bocciati" quattro sono donne

Tamara Merlo commenta il parere espresso dal Consiglio della Magistratura su Akbas, Alfier, Fumagalli, Lanz e Lanzillo

«Bisogna interrogarsi sull'organizzazione del Ministero pubblico e il sistema delle nomine».

LUGANO - La rielezione di cinque procuratori pubblici "bocciata" dal Consiglio della Magistratura. Quello che ha travolto il Ministero pubblico ticinese è un mezzo terremoto. Che non accadeva da oltre vent'anni. Perché Zaccaria Akbas, Marisa Alfier, Anna Fumagalli, Francesca Lanz e Margherita Lanzillo abbiano ricevuto un preavviso negativo dall'organo competente non è noto né si ha intenzione di avanzare delle ipotesi. Quello che però salta all'occhio è che quattro procuratori pubblici su cinque sono donne. 

Che sia sintomo di un ambiente difficile? O di un giudizio più severo riservato al genere femminile? Al momento non è dato saperlo. Ma una riflessione è possibile comunque intavolarla. Partendo forse proprio da uno dei membri che sarà chiamato a mettere la parola "fine" alla questione in Gran Consiglio: Tamara Merlo, deputata di Più Donne. «È prematuro giudicare prima di approfondire la questione - è la sua premessa -, ma sulla questione sorge spontanea una domanda: presso il Ministero pubblico c'è un'organizzazione e una gestione del personale all'altezza?».

Per la deputata «è importante chiedersi cosa sia successo e come rimediare». Forse il fatto che su cinque "bocciature" vi siano quattro donne (che su 20 pp erano 9 in totale) «potrebbe far pensare che la decisione del Consiglio della Magistratura possa essere una conseguenza più legata al clima di lavoro che non alle singole capacità», aggiunge Merlo. Soprattutto «pensando a chi si trova al Ministero pubblico da diversi anni. Non posso pensare che ci sono quattro persone che prima "funzionavano" e ora non più».

Tra i nomi figura anche chi occupa la posizione di procuratrice pubblica da meno tempo. «In Gran Consiglio sarebbe quindi bene chiedersi se non veniamo indotti a nominare qualcuno che magari non è in grado di fare questo lavoro - aggiunge la deputata -. In questo caso, allora, forse è il sistema delle nomine che non funziona». Da qui l'idea: «Si potrebbe pensare a un sistema duale, tipo l'apprendistato. Il procuratore pubblico non è un lavoro per tutti. Servono anche qualità personali e attitudine a un certo tipo di impiego».

Comunque, i giochi non sono ancora stati fatti. Ora la palla passerà in mano alla Commissione giustizia e diritti del Parlamento e l'ultima parola spetterà alla politica. Qualora la "bocciatura" dovesse venire confermata, «sicuramente è fondamentale che anche in questo ambito vi sia una pari rappresentatività delle donne - conclude Tamara Merlo -. Ma è ovvio che ci dovranno essere delle valide candidate in sostituzione delle eventuali uscenti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
1 ora
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
4 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
5 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
14 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
18 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
18 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
19 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
20 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile