TiPress - foto d'archivio
CANTONE
13.09.20 - 21:280

Magistratura, su cinque "bocciati" quattro sono donne

Tamara Merlo commenta il parere espresso dal Consiglio della Magistratura su Akbas, Alfier, Fumagalli, Lanz e Lanzillo

«Bisogna interrogarsi sull'organizzazione del Ministero pubblico e il sistema delle nomine».

LUGANO - La rielezione di cinque procuratori pubblici "bocciata" dal Consiglio della Magistratura. Quello che ha travolto il Ministero pubblico ticinese è un mezzo terremoto. Che non accadeva da oltre vent'anni. Perché Zaccaria Akbas, Marisa Alfier, Anna Fumagalli, Francesca Lanz e Margherita Lanzillo abbiano ricevuto un preavviso negativo dall'organo competente non è noto né si ha intenzione di avanzare delle ipotesi. Quello che però salta all'occhio è che quattro procuratori pubblici su cinque sono donne. 

Che sia sintomo di un ambiente difficile? O di un giudizio più severo riservato al genere femminile? Al momento non è dato saperlo. Ma una riflessione è possibile comunque intavolarla. Partendo forse proprio da uno dei membri che sarà chiamato a mettere la parola "fine" alla questione in Gran Consiglio: Tamara Merlo, deputata di Più Donne. «È prematuro giudicare prima di approfondire la questione - è la sua premessa -, ma sulla questione sorge spontanea una domanda: presso il Ministero pubblico c'è un'organizzazione e una gestione del personale all'altezza?».

Per la deputata «è importante chiedersi cosa sia successo e come rimediare». Forse il fatto che su cinque "bocciature" vi siano quattro donne (che su 20 pp erano 9 in totale) «potrebbe far pensare che la decisione del Consiglio della Magistratura possa essere una conseguenza più legata al clima di lavoro che non alle singole capacità», aggiunge Merlo. Soprattutto «pensando a chi si trova al Ministero pubblico da diversi anni. Non posso pensare che ci sono quattro persone che prima "funzionavano" e ora non più».

Tra i nomi figura anche chi occupa la posizione di procuratrice pubblica da meno tempo. «In Gran Consiglio sarebbe quindi bene chiedersi se non veniamo indotti a nominare qualcuno che magari non è in grado di fare questo lavoro - aggiunge la deputata -. In questo caso, allora, forse è il sistema delle nomine che non funziona». Da qui l'idea: «Si potrebbe pensare a un sistema duale, tipo l'apprendistato. Il procuratore pubblico non è un lavoro per tutti. Servono anche qualità personali e attitudine a un certo tipo di impiego».

Comunque, i giochi non sono ancora stati fatti. Ora la palla passerà in mano alla Commissione giustizia e diritti del Parlamento e l'ultima parola spetterà alla politica. Qualora la "bocciatura" dovesse venire confermata, «sicuramente è fondamentale che anche in questo ambito vi sia una pari rappresentatività delle donne - conclude Tamara Merlo -. Ma è ovvio che ci dovranno essere delle valide candidate in sostituzione delle eventuali uscenti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LIGORNETTO
1 ora
Mascherine a scuola, quanto lavoro per Timask
Quella momò è una delle poche aziende in Svizzera autorizzate a produrre mascherine per bambini
LAMONE
1 ora
Botox-bar per una notte? La versione del gerente dopo il blitz
Il gerente si difende: «Era solo una presentazione di prodotti. I trattamenti, semmai, si sarebbero tenuti in Italia»
FOTO
LUGANO
11 ore
Due auto si scontrano sulla Crespera
L'incidente è avvenuto questa sera a Breganzona: i due conducenti se la sono cavata con leggere escoriazioni.
LUGANO
11 ore
Don Tamagni, oltre 600mila franchi sottratti ai genitori
Il parroco di Cadro era il curatore della coppia di anziani, ed era esente da controlli.
CONFINE
13 ore
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
13 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
15 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
20 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
21 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
1 gior
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile