«Le firme? Meglio le borse di una volta»
tio/20minuti
MERCATO LUGANO
09.10.20 - 06:010

«Le firme? Meglio le borse di una volta»

Simona Mazzoni da 20 anni è a Lugano con la sua bancarella.

Oggi vende borsette e accessori vintage, ma non è sempre stato così.

LUGANO - Il suo legame con il mercato di Lugano inizia 20 anni fa. «Precedentemente, per 10 anni, ho gestito un negozio di antiquariato - ci racconta Simona Mazzoni, ormai nota per le sue borse e accessori vintage -. Quando l’ho chiuso, trovandomi con molto invenduto, ho deciso di tentare il mercato. Era il 2000». 

La «malattia del mercato» - Gradualmente Simona si trova a passare dal dover vendere ciò che restava del negozio, ad appassionarsi alla sua bancarella. «Insomma, ho contratto la malattia del mercato», ammette. 

E così inizia a cambiare articoli. «Dall’antiquariato sono passata a tutti gli oggetti che riguardano lo scrivere: il calamaio, la penna stilografica, pennini, confezioni di inchiostro etc. Sempre d’epoca».

Cambio di vocazione e clientela - Il mercato di Lugano, intanto, cambia vocazione nel corso degli anni. «Siamo passati dall’antiquariato all’usato, fino al generico», spiega. Muta anche la clientela: «Mi sono dovuta adattare. Anche perché i miei articoli erano davvero di nicchia. Mi sono ricordata di una vecchia passione: quella per le borsette. Negli anni, quando io stessa mi recavo per mercatini alla ricerca di oggetti antichi da vendere, ne avevo raccolte diverse. Compravo e mettevo via, perché nessuno le voleva». 

La crisi dell'antiquariato - Arriva però la crisi dell’antiquariato. «Ha iniziato a non tirare più, mi sono buttata sul vintage - prosegue -. Perlopiù oggetti acquisiti in questi anni di mercatini. Mi è servito per partire. Avevo già bijoux d’epoca. Li ho abbinati a questi nuovi articoli, poi ho aggiunto foulard accessori, cinture ventagli… tutto quello che poteva essere legato a questa moda».

Arriva il vintage - Oggi Simona tratta borse vintage. Dall’800 fino agli anni '70: «Ma generalmente non le marche, tipo Gucci o Louis Vuitton.  È vero, trattasi di un’altra nicchia di mercato. Ma mi soddisfa molto». 

La differenza con le borse di oggi? «C’è eccome - assicura -. Una volta si costruivano pezzi di qualità. Spesso le trovo un po’ usurate dal tempo, impolverate, giù di tono. Ci vogliono ore di lavoro, ma le rimetto a nuovo. A volte appoggiandomi a persone che sanno trattare la pelle».

«Le pelli - spiega ancora - una volta erano conciate talmente bene che ritornano come nuove. Recentemente, invece, ho preso da una signora una borsa di Gucci degli anni '90… la fodera interna si squamava. Era da buttare via. Invece posso avere una borsa degli anni 20 che, una volta lucidato l’ottone, smacchiata, o colorata e incerata, ridiventa come nuova. Con quell’atmosfera, quell’anima vintage». 

Prezzi? Per tutte le tasche: «Una borsa di coccodrillo può partire dai 140 fino ad arrivare, per una borsa importante, ai 300 franchi. Io voglio che tutte le donne che amano il vintage possano permettersi una borsa. E che sia una bella borsa». 

Qualche franco dimenticato o qualcosa di particolare, dentro queste borsette dimenticate dal tempo, non ne ha mai scoperti. «Ma ultimamente ho trovato un nido di un ragno. Facciamo finta che porti fortuna», conclude.  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
20 min
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
2 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
5 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
7 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
8 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
23 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile