Ti-Press (archivio)
CANTONE
03.09.20 - 23:580
Aggiornamento : 04.09.20 - 07:33

È rivolta in Capriasca contro il 5G

Il Municipio ha ricevuto 622 firme raccolte tra i cittadini dall'associazione Capriasca Ambiente.

Ci sarebbero anche altre opposizioni. L'antenna della discordia si trova a 370 metri dalle scuole comunali. Il sindaco: «Conta quello che dirà il Cantone».

CAPRIASCA - Dopo Locarno, Gentilino (Collina d'oro) e altri Comuni, adesso tocca a Capriasca. Continua la lotta contro la tecnologia 5G in Svizzera da parte di alcuni gruppi agguerriti. Nel corso della giornata di giovedì, l'associazione Capriasca Ambiente ha consegnato alla cancelleria comunale ben 622 firme di opposizione alla domanda di costruzione di ampliamento dell'antenna già presente sul territorio. 

Forse il numero di contrari sarà superiore – Alle 622 firme citate, potrebbero aggiungersi le opposizioni di "privati" che si sarebbero attivati individualmente. Le firme potrebbero dunque superare quota 700.

La vicinanza alle scuole – A suscitare ulteriore polemica, il fatto che l'antenna in questione sorga a soli 370 metri dall'istituto scolastico di Capriasca, frequentato da oltre 320 bambini delle elementari. L'antenna dista anche poche centinaia di metri in linea d'aria dalla scuola dell'infanzia di Vaglio. Alcune in più da quella di Lugaggia.  

La seconda antenna – Sempre venerdì scadrà il termine d'inoltro per eventuali opposizioni a una seconda antenna, ubicata a Ponte Capriasca. A circa 1.000 metri dal primo dispositivo. 

Il sindaco – Andrea Pellegrinelli, sindaco di Capriasca, interpellato da Tio/20Minuti, non si scompone: «Queste opposizioni fanno parte delle procedure edilizie. Siamo fuori zona edificabile, per noi sarà vincolante il preavviso del Cantone, che interpellerà anche la Confederazione in merito all'ordinanza sulle radiazioni. Come Municipio non abbiamo margini di manovra. Conta quello che dice il Cantone».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
5 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
6 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
8 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
9 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
10 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
10 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
10 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
11 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
14 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
15 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile