tipress
CANTONE
31.08.20 - 11:540
Aggiornamento : 14:21

«Si potrà sparare anche a castori e cigni»

La nuova legge sulla caccia non riguarda solo il lupo. E le associazioni animaliste in Ticino insorgono

Protezione animali, Pro-Natura e Verdi lanciano la campagna per il referendum abrogativo. «Nel mirino troppi animali protetti».

BELLINZONA - Non solo il famigerato lupo. Nel mirino dei fucili in Svizzera rischiano di finire «anche castori e cigni». È l'allarme lanciato dal fronte per il "no" alla nuova legge sulla caccia, che oggi da Bellinzona ha lanciato la campagna referendaria per il Ticino. 

Il comitato - composto tra gli altri da Pro Natura, Verdi, Wwf, Ps, la Protezione animali di Bellinzona (Spab): qui l'elenco- è preoccupato per le conseguenze della nuova normativa «su diversi animali protetti e non solo per i grandi predatori». Anche animali apparentemente innocui come, oltre a castori e cigni, l'airone cenerino e la lince, potrebbero rientrare nel mirino dei cacciatori, avverte Pro Natura. «Ognuna di queste specie dà fastidio a qualcuno» ha spiegato il vice-presidente Claudio Valsangiacomo. «Il consiglio federale potrà allungare la lista delle specie cacciabili a piacimento, senza consultare il popolo». Questo «equivarrebbe a firmare un assegno in bianco» a sfavore della biodiversità.

Il lupo insomma farebbe da "apripista": una scusa, secondo gli iniziativisti, «per poter abbattere molti altri animali innocenti». In Ticino «numerosi forestali e cacciatori» sarebbero dello stesso avviso. «La revisione della legge sulla caccia è nata dall'intento condiviso di risolvere i conflitti nati dal ritorno del lupo in Svizzera» ha sottolineato la consigliera nazionale Greta Gysin (Verdi). «Purtroppo poi il governo e il parlamento si sono fatti prendere la mano, e hanno aggiunto oltre 20 modifiche alla legge, che rompono l'attuale equilibrio tra protezione, gestione degli animali selvatici e caccia». 

Non tutti i cacciatori, poi, sono nemici del lupo. La cacciatrice e guardia della natura Jasmine Grüter lo vede più come un alleato, nel regolare il proliferare di caprioli, cinghiali e cervi. «Già oggi animali che arrecano danno possono essere giustamente abbattuti - ha ricordato in conferenza stampa. - La caccia serve a regolare popolazioni eccessive di certi animali e non deve orientarsi ad altri motivi o addirittura all'avversione verso certi animali».

Con il lupo è quindi meglio imparare a convivere. Ne è convinto anche Emanuele Besomi, presidente della Spab di Bellinzona, che da anni opera sul terreno per salvare e recuperare animali da reddito in difficoltà. «Comprendo il dolore della perdita di ogni singolo animale, ma ritengo che oggi sia possibile proteggere le greggi in modo efficace, senza dover ricorrere all’abbattimento di un altro animale che, come le pecore e le capre, ha il diritto di vivere». La nuova legge - ha ricordato inoltre - non prevede maggiori aiuti economici per gli allevatori in caso di predazioni.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
3 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
5 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
6 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
9 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
10 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
11 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
11 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
13 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
22 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile