Archivio Tipress
Il prossimo 4 settembre s'inaugura la galleria di base del Ceneri.
CANTONE
31.08.20 - 08:300
Aggiornamento : 12:36

«L'inaugurazione del Ceneri mi fa rabbia»

Parla la vedova del minatore Pietro Mirabelli, che nel 2010 perse la vita nei lavori per il tunnel

La donna non intende partecipare ai festeggiamenti: si aspetta di più di una targa in onore dei defunti

Fonte 20 Minuten/Bettina Zanni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

LUGANO - È il 22 settembre 2010: nei lavori per la galleria di base del Ceneri avviene un incidente mortale. La vittima è il minatore calabrese Pietro Mirabelli, travolto da un masso di quattrocento chilogrammi. Da allora sono passati quasi dieci anni. E il tunnel è pronto per essere inaugurato. Ma Filomena Mirabelli, vedova del 54enne, non prenderà parte ai festeggiamenti (e in futuro non intende nemmeno percorrere il traforo): «È un evento che mi provoca molta amarezza e mi fa rabbia» racconta a 20 Minuten, spiegando che si sente abbandonata da Alptransit Gottardo Sa (Atg). E che non ha senso festeggiare senza ricordare coloro che hanno perso la vita nei lavori. «E senza garantire loro giustizia».

Nel 2018 il caso sull'incidente mortale si è concluso senza colpevoli, dopo che in prima istanza due persone erano state condannate per omicidio colposo. Ma la sentenza era poi stata ribaltata in Appello, con conferma del Tribunale federale. La famiglia di Mirabelli ha quindi declinato, con una lettera ad Atg, l'invito di prendere parte ai festeggiamenti: «Abbiamo sofferto molto. La perdita di Pietro ci ha lacerato il cuore. Ci manca ogni giorno». Per anni, secondo i familiari, da parte di Atg c'è stato «un silenzio assordante». E se l'impresa volesse fare una buona azione, dovrebbe versare un risarcimento alla famiglia che per un decennio si è indebitata con le spese legali. «Perché non è mai troppo tardi per chiedere perdono, per cercare la pace e lasciare un vero segno, invece di una semplice targa».

La lettera è giunta ad Atg, che si dice comprensiva del dolore della famiglia, come scrive Ambros Zgraggen, responsabile comunicazione, interpellato da 20 Minuten. «Così come è stato fatto per la galleria di base del Gottardo, anche per il Ceneri è stata realizzato un memoriale per i morti e le famiglie sono state invitate a una cerimonia commemorativa». Tuttavia, Atg non era il datore di lavoro del minatore. «L'azienda non è quindi informata sui risultati delle indagini e non è stata coinvolta nel procedimento penale». L'impresa non commenta pubblicamente la richiesta di risarcimento. «Nei prossimi giorni Atg scriverà alla famiglia» conclude Zgraggen.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
Cucina in fiamme a Viganello
È accaduto questa sera in via Pedemonte. Pompieri e polizia sul posto
CANTONE
4 ore
«Perché noi no, e i bordelli sì?»
Locali a luci rosse di nuovo aperti in Ticino. Decisive le scelte federali. E ora c'è chi è furioso.
CANTONE
6 ore
«Non mi dimentico dei nervi della gente»
Il Covid-19 ci sta mettendo a dura prova. L'appello di Raffaele De Rosa, direttore del DSS: «Teniamo duro».
CANTONE
8 ore
Don Guanella, due focolai: 89 positivi
Le strutture colpite sono quelle di Maggia e Castel San Pietro. Contagiati 44 ospiti e 45 collaboratori. Sette i decessi
CANTONE
9 ore
Nessuna vacanza per i radar
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti durante la prossima settimana
BRISSAGO
9 ore
Sette positivi alla Clinica Hildebrand
Uno di questi si trova in isolamento. Gi altri sono stati trasferiti alla Carità.
CANTONE
10 ore
Halloween e vacanze scolastiche: ma attenti, il virus non se n'è andato
Il Governo invita la popolazione a rispettare le disposizioni anti-Covid. E i locali erotici possono riaprire
BELLINZONA
10 ore
«Ben 20'000 franchi di danni e non si scusano»
Ritrovate le persone a bordo dell'auto in fuga che nella notte tra sabato e domenica aveva causato un incidente.
CANTONE
10 ore
Il coronavirus annulla Espoprofessioni
La quattordicesima edizione dell'evento avrebbe dovuto avere luogo il prossimo marzo 2021
NOVAZZANO / CHIASSO
13 ore
Due “strane scoperte" in dogana
700 litri di olio non dichiarato a Ponte Faloppia. Armi e documenti contraffatti a Brogeda
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile