Tipress (archivio)
CANTONE
27.08.20 - 17:210
Aggiornamento : 22:24

Sindacalista di Unia preso a sassate: «Inaccettabile aggressione»

Il sindacato rivela che un proprio funzionario è stato attaccato dal titolare di un'impresa edile in Valle Maggia.

Il sindacalista è stato visitato dai medici del pronto soccorso della Carità di Locarno. Unia ha già inoltrato una denuncia penale al Ministero Pubblico.

MAGGIA - «Un'inaccettabile aggressione e un attacco alla libertà sindacale». È quanto denuncia Unia rivelando l'attacco subito da un proprio funzionario che ieri stava svolgendo una normale visita di controllo in un cantiere in Valle Maggia. «Il nostro sindacalista - precisa Unia in una nota - è stato aggredito e pesantemente minacciato dal titolare di un’impresa locale».

I fatti sono degenerati mentre il funzionario si stava intrattenendo - «in modo peraltro molto cordiale» - con due operai dell’impresa. A questo punto è intervenuto il titolare dell'impresa che sbucando dalla sua abitazione «ha iniziato a inveire» contro il sindacalista. Le cose, poi, sono rapidamente precipitate. Prima - racconta Unia - l'impresario costruttore ha ricoperto il funzionario «d'insulti pesanti», poi non contento gli ha «versato addosso acqua sporca di cemento» e infine lo ha «preso a sassate colpendolo almeno in un’occasione», come testimonia un documento filmato in possesso del sindacato.

Il funzionario, visitato dai medici del pronto soccorso dell’Ospedale La Carità di Locarno, ha fortunatamente subito solo una leggera escoriazione. Sul luogo dei fatti è intervenuta anche una pattuglia della Polizia cantonale, ma al momento del suo arrivo l’autore dell’aggressione si era già allontanato.

Un «episodio di violenza gratuita», per cui Unia ha già inoltrato una denuncia penale al Ministero pubblico.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 anno fa su tio
Ha sbagliato a reagire , ma, ma , sia i sindacalisti, e la legge sul lavoro,e i lavatori stessi che hanno troppi vantaggi . Il titolare deve sempre subire malgrado che deve riuscire a far quadrare la sua ditta. Giusto lavorare a favore della ditta rispettando ogni accordo e non solo guardare alla paga.
centauro 1 anno fa su tio
@don lurio Basta lavorare in maniera corretta rispettando le regole e fatti del genere si eviterebbero! semplice no?!?!
MIM 1 anno fa su tio
Attendo sempre le due campane prima di esprimermi. Molti portali sono di parte per ovvi motivi. Certo che tirare dei sassi non è assolutamente giustificabile, in nessun caso. Aspetto di capire anche il modo di agire del sindacalista, il suo comportamento. A me era capitata una volta un sindacalista poco educato che insisteva di incontrarmi. Non ho tirato sassi, ho chiamato la polizia e l'ho fatto allontanare.
centauro 1 anno fa su tio
@MIM Immaginiamo che al posto del funzionario del sindacato si fosse presentata la polizia, sai quale sarebbe stata la reazione? grandi saluti, coda tra le gambe, sorrisi e totale disponibilità e magari, visto che il titolare era in casa,"gradite un caffè"? Io questi li considero facce di m....
Didimon 1 anno fa su tio
Paura?
GI 1 anno fa su tio
chissà che non gli siano "girate"....?
ciapp 1 anno fa su tio
eh chissà con che arroganza si è presentato !!
centauro 1 anno fa su tio
@ciapp Nell'articolo è specificato che si è comportato in modo molto cordiale.
F/A-18 1 anno fa su tio
Tutto questo ci fa capire come la situazione lavorativa sia tesa, forse i sindacati non si sono aggiornati ma dal mese prossimo assisteremo a licenziamenti massicci in tutti i settori per adeguare la forza lavoro ala minore richiesta di lavori , cioè un buon 10/15% di lavoratori perderà il proprio impiego, purtroppo. Quindi prepariamoci a tempi molto ma molto difficili perché ci stiamo infilando in un periodo difficile per tutti, chi è ricco perderà tanto, chi è benestante perderà abbastanza, vinceranno i poveri ed i nullatenenti perché non perderanno niente.
OCP 1 anno fa su tio
A volte, anzi spesso, non sono d'accordo con le fregnacce che propinano i sindacati ma sicuramente non è il modo di comportarsi. Anzi aggredirlo in questo modo mi fa pensare che il titolare abbia qualcosa da temere dai controlli... quindi... giù un bel controllo ma per sicurezza accompagnati dalla polizia questa volta.
F/A-18 1 anno fa su tio
@OCP Il problema è che i sindacalisti non potrebbero neanche entrare in un cantiere, in più i lavoratori sono pagati dal datore di lavoro ma questi al posto di lavorare perdono in due mezz’ora a chiacchierare, che facciano questi sopralluoghi fuori dal cantiere e dopo il lavoro, mi sembra più logico.
MIM 1 anno fa su tio
@OCP Più che polizia, c'è l'ispettorato del lavoro, che è quello a cui si deve sporgere denuncia da parte di un eventuale sindacato o dipendente.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@F/A-18 Le opinioni sono tutte lecite, ci mancherebbe. In questo caso onestamente è abbastanza ridicolo sostenere che l’imprenditore abbia fatto bene a fare quello che ha fatto. Va bene le idee politiche, ma certi gesti non hanno giustificazioni.
centauro 1 anno fa su tio
@F/A-18 Magari erano all'esterno del cantiere.
F/A-18 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Ben’inteso che anch’io condanno il gesto di questo personaggio, però voglio far capire a tutti che la situazione è sempre più tesa, non ho buone sensazioni per il nostro futuro.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CAPOLAGO
8 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
11 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
13 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
16 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
18 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
20 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile