Ti Press
CANTONE
04.08.20 - 21:220

Turismo interno e telelavoro spingono il commercio al dettaglio

Non è solo la parziale chiusura delle frontiere ad aver fatto aumentare la cifra d'affari dei negozi alimentari.

Il portavoce di Coop: «Anche con la fine del lockdown la domanda si è stabilizzata a un livello elevato».

LUGANO - Più turismo interno, più lavoro da casa e meno turismo degli acquisti. Risultato? Un significativo aumento della cifra d'affari nel settore del commercio al dettaglio. Soprattutto in Ticino, dove i tre fattori sono stati ancora più importanti rispetto al resto della Svizzera.

Fra le (poche) aziende che negli ultimi mesi hanno assistito a un andamento positivo delle vendite c'è Coop, come confermato dal portavoce Mirko Stoppa ai microfoni di Radio Ticino: «Nel settore alimentare la domanda è salita alle stelle lo scorso marzo, ora si è stabilizzata a un livello elevato». E anche per il segmento non alimentare, terminato il lockdown le vendite «sono salite di livello».

Oltre al calo del turismo degli acquisti dovuto al blocco parziale delle frontiere, confermato già qualche settimana fa da Migros e attestato pure da Credit Suisse (vedi box), decisiva per il commercio al dettaglio ticinese è stata pure la scelta fatta da molti di trascorrere le vacanze a sud delle Alpi. Un rapporto causa-effetto riscontrato da Coop ma anche da Aldi, che conferma una crescita particolarmente elevata nelle regioni di confine di Ticino e Svizzera orientale. Per quanto riguarda Migros, invece, non è stata confermata questa tendenza lungo il confine cantonale, ma solo sulla frontiera della Svizzera romanda.

Per quanto riguarda il lavoro da casa, il fatto di non ricorrere a mense aziendali o pranzi in bar e ristoranti ha certamente un impatto. La gente ha dovuto provvedere da sé, più che nel periodo pre-pandemia, alla preparazione dei pasti.

Due miliardi in meno all'estero - Stando a una stima di Credit Suisse, basandosi sulle transazioni delle carte di debito e tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente con carte di credito e contanti, gli svizzeri hanno speso circa 2 miliardi di franchi in meno all'estero a causa del parziale blocco delle frontiere durato quasi 13 settimane, fra metà marzo e metà giugno. L'anno scorso gli abitanti della Confederazione hanno comprato oltre frontiera per circa 8 miliardi di franchi.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MAGADINO
20 min
Tragedia di Sarra, ticinesi assolti
Dramma in volo, il tribunale di Macerata ha giudicato non colpevoli i tecnici che si erano occupati dell'elicottero.
CANTONE
8 ore
«Io, lavoratore indipendente in attesa dell'IPG»
A causa della pandemia, le casse di compensazione sono confrontate con migliaia di richieste
CANTONE
11 ore
Con la pandemia, i giovani vogliono diventare infermieri
Cresce l'interesse per la relativa formazione professionale. Alla SUPSI le domande d'ammissione sono aumentate del 10%
LUGANO
11 ore
Direttrice licenziata «di comune accordo»
Sandra Castellano non guiderà più Casa Santa Elisabetta. Causa riorganizzazione
CANTONE
13 ore
Allerta meteo: «Utilizzate l'auto soltanto se necessario»
Le indicazioni della polizia in vista delle nevicate annunciate nei prossimi giorni
CANTONE
13 ore
Alla sbarra per abusi su minori: «Fatti di una gravità inaudita»
Oltre 100 gli episodi di cui si sarebbe macchiato il 77enne.
CANTONE
14 ore
Spacciatore in manette
Si tratta di un trentenne del Luganese. A casa sua sono state trovate alcune decine di grammi di cocaina
Attualità
15 ore
Ladri e borseggiatori non vanno in vacanza: scatta Prevena 2020
Anche quest'anno la polizia mette in guardia la popolazione in vista del periodo natalizio
CANTONE
18 ore
Ecco la conferma: è allerta neve
MeteoSvizzera dirama un avviso di "pericolo forte", con la fase più intensa prevista venerdì tra le 6 e le 18
SONDAGGIO
CANTONE
18 ore
Ecco la rivoluzione del trasporto pubblico
Mancano meno di due settimane al giorno X: il prossimo 13 dicembre sarà messo in esercizio il tunnel del Ceneri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile