Immobili
Veicoli
Ti Press
CANTONE
04.08.20 - 21:220

Turismo interno e telelavoro spingono il commercio al dettaglio

Non è solo la parziale chiusura delle frontiere ad aver fatto aumentare la cifra d'affari dei negozi alimentari.

Il portavoce di Coop: «Anche con la fine del lockdown la domanda si è stabilizzata a un livello elevato».

LUGANO - Più turismo interno, più lavoro da casa e meno turismo degli acquisti. Risultato? Un significativo aumento della cifra d'affari nel settore del commercio al dettaglio. Soprattutto in Ticino, dove i tre fattori sono stati ancora più importanti rispetto al resto della Svizzera.

Fra le (poche) aziende che negli ultimi mesi hanno assistito a un andamento positivo delle vendite c'è Coop, come confermato dal portavoce Mirko Stoppa ai microfoni di Radio Ticino: «Nel settore alimentare la domanda è salita alle stelle lo scorso marzo, ora si è stabilizzata a un livello elevato». E anche per il segmento non alimentare, terminato il lockdown le vendite «sono salite di livello».

Oltre al calo del turismo degli acquisti dovuto al blocco parziale delle frontiere, confermato già qualche settimana fa da Migros e attestato pure da Credit Suisse (vedi box), decisiva per il commercio al dettaglio ticinese è stata pure la scelta fatta da molti di trascorrere le vacanze a sud delle Alpi. Un rapporto causa-effetto riscontrato da Coop ma anche da Aldi, che conferma una crescita particolarmente elevata nelle regioni di confine di Ticino e Svizzera orientale. Per quanto riguarda Migros, invece, non è stata confermata questa tendenza lungo il confine cantonale, ma solo sulla frontiera della Svizzera romanda.

Per quanto riguarda il lavoro da casa, il fatto di non ricorrere a mense aziendali o pranzi in bar e ristoranti ha certamente un impatto. La gente ha dovuto provvedere da sé, più che nel periodo pre-pandemia, alla preparazione dei pasti.

Due miliardi in meno all'estero - Stando a una stima di Credit Suisse, basandosi sulle transazioni delle carte di debito e tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente con carte di credito e contanti, gli svizzeri hanno speso circa 2 miliardi di franchi in meno all'estero a causa del parziale blocco delle frontiere durato quasi 13 settimane, fra metà marzo e metà giugno. L'anno scorso gli abitanti della Confederazione hanno comprato oltre frontiera per circa 8 miliardi di franchi.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
12 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
12 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
14 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
16 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
16 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
18 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
18 ore
Il pane non seguirà la pasta nella folle corsa dei prezzi
Il direttore del Mulino di Maroggia parla dei rialzi in atto sul mercato dei cereali
FOTO
CANTONE
1 gior
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
PURA / CASLANO
1 gior
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile