Ti Press
CANTONE
04.08.20 - 21:220

Turismo interno e telelavoro spingono il commercio al dettaglio

Non è solo la parziale chiusura delle frontiere ad aver fatto aumentare la cifra d'affari dei negozi alimentari.

Il portavoce di Coop: «Anche con la fine del lockdown la domanda si è stabilizzata a un livello elevato».

LUGANO - Più turismo interno, più lavoro da casa e meno turismo degli acquisti. Risultato? Un significativo aumento della cifra d'affari nel settore del commercio al dettaglio. Soprattutto in Ticino, dove i tre fattori sono stati ancora più importanti rispetto al resto della Svizzera.

Fra le (poche) aziende che negli ultimi mesi hanno assistito a un andamento positivo delle vendite c'è Coop, come confermato dal portavoce Mirko Stoppa ai microfoni di Radio Ticino: «Nel settore alimentare la domanda è salita alle stelle lo scorso marzo, ora si è stabilizzata a un livello elevato». E anche per il segmento non alimentare, terminato il lockdown le vendite «sono salite di livello».

Oltre al calo del turismo degli acquisti dovuto al blocco parziale delle frontiere, confermato già qualche settimana fa da Migros e attestato pure da Credit Suisse (vedi box), decisiva per il commercio al dettaglio ticinese è stata pure la scelta fatta da molti di trascorrere le vacanze a sud delle Alpi. Un rapporto causa-effetto riscontrato da Coop ma anche da Aldi, che conferma una crescita particolarmente elevata nelle regioni di confine di Ticino e Svizzera orientale. Per quanto riguarda Migros, invece, non è stata confermata questa tendenza lungo il confine cantonale, ma solo sulla frontiera della Svizzera romanda.

Per quanto riguarda il lavoro da casa, il fatto di non ricorrere a mense aziendali o pranzi in bar e ristoranti ha certamente un impatto. La gente ha dovuto provvedere da sé, più che nel periodo pre-pandemia, alla preparazione dei pasti.

Due miliardi in meno all'estero - Stando a una stima di Credit Suisse, basandosi sulle transazioni delle carte di debito e tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente con carte di credito e contanti, gli svizzeri hanno speso circa 2 miliardi di franchi in meno all'estero a causa del parziale blocco delle frontiere durato quasi 13 settimane, fra metà marzo e metà giugno. L'anno scorso gli abitanti della Confederazione hanno comprato oltre frontiera per circa 8 miliardi di franchi.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
1 ora
L'acqua momò è potabile
Le Aziende industriali di Mendrisio rassicurano la popolazione sul pesticida clorotalonil
CANTONE
1 ora
Idrossiclorochina: «Mai applicare il fai-da-te con i medicamenti»
La richiesta di Plaquenil si è alzata a partire da marzo. Ma negli ultimi due mesi è tornata ai livelli pre-Covid.
BELLINZONA
3 ore
Paglia non pervenuto
Sorpassi di spesa: è arrivato l'esito dei due audit. Nessuna rilevanza penale, ma il municipale resta dimezzato
FOTO
CANTONE
4 ore
Mangia l'Amanita, luganese in coma
L'uomo ha ingerito delle muscarie. Ora si trova ricoverato al Civico di Lugano
VEZIA
5 ore
Volo di tre metri mentre taglia la siepe
Ferito un giardiniere 50enne del Luganese.
LOSONE
6 ore
Covid-19 alle Medie di Losone, revocata la quarantena di classe
Il provvedimento non è più ritenuto necessario. Ma altri compagni valuteranno se sottoporsi al tampone
CANTONE / ITALIA
6 ore
Col pulmino italiano per venire a comprare l'idrossiclorochina
Repubblica parla di un fenomeno a quanto pare in crescita nel nostro cantone.
CANTONE
7 ore
Premio casse malati: «Ennesima stangata per il Ticino»
Il consigliere nazionale UDC Piero Marchesi indirizza un'interrogazione al Consiglio federale.
CANTONE
8 ore
Altri sei contagi, nessun nuovo ricovero
I pazienti in ospedale a causa del coronavirus rimangono due (nessun intubato).
CANTONE
9 ore
«Ho una targa che scotta»
Un mistero irrisolto dagli anni di piombo: la pista porta... a una ditta di pulizie del Bellinzonese
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile