tipress
I rilievi della polizia sul posto
BELLINZONA
28.07.20 - 11:420

Quattro giovani "bombaroli", e un complice 62enne

Esplosione alle scuole di Bellinzona, la Procura ha chiuso l'indagine. Facendo luce anche su una serie di altri episodi

BELLINZONA - Un gruppo di giovani "bombaroli", autori di una serie di esplosioni nel Bellinzonese. La Procura di Lugano ha chiuso l'inchiesta sulla bomba artigianale esplosa il 26 febbraio alle scuole elementari di via Lugano a Bellinzona. Partendo dal grande "botto" - a cui ne seguì un altro, il 13 marzo, in via Golena - gli inquirenti hanno fatto chiarezza anche su altri episodi precedenti. 

Gli autori sono stati identificati. Si tratta - si legge in un comunicato odierno - di un 21enne svizzero, un 20enne spagnolo e un 17enne, tutti residenti nella regione. Un altro giovane - anche lui 21enne - è accusato di avere preso parte al solo episodio di via Golena. 

«Durata svariati mesi, l'articolata indagine condotta dalla Polizia cantonale ha permesso di ricostruire numerosi altri episodi analoghi registrati in precedenza nel distretto, facendo luce in particolare su ruoli e responsabilità nell'evento di maggior gravità» si legge nella nota del Ministero pubblico. 

Gli accertamenti hanno anche permesso di risalire all'identità di un 62enne cittadino italiano residente nel Bellinzonese, che custodì parte del materiale pirotecnico all'origine dell'esplosione di via Lugano. 

Le principali accuse sono quelle di danneggiamento, esplosione, uso delittuoso di materie esplosive o gas velenosi, delitto contro le Legge federale sugli esplosivi. Il 21enne principale imputato si trova tuttora in stato di detenzione preventiva poiché recidivo specifico. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis e dalla Magistratura dei minorenni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LOCARNO
47 min
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
BELLINZONA
3 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
6 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
18 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
19 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
21 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
21 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
1 gior
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
1 gior
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile