COMUNE DI STABIO
Sono terminati i lavori sul sepolcro di Natale Albisetti.
+7
STABIO
28.07.20 - 20:200

La tomba di Albisetti torna a risplendere

Terminati i lavori di restauro del sepolcro del celebre scultore. «Era in condizioni deplorevoli»

STABIO - L’opera di tutela, studio e valorizzazione dello scultore passa anche dal restauro della sua tomba. I lavori sul sepolcro del celebre scultore Natale Albisetti (1863-1923) sono terminati la scorsa settimana nel cimitero di Stabio.

Nota anche come Cappella Albisetti, la tomba custodisce le spoglie dell’artista, dei genitori Antonia e Ignazio e della moglie Fortunata ed è ornata con l’opera più celebre dello scultore, “Melchtal e suo figlio”, nota anche con il titolo di “Arnoldo da Melchtal”.

«Natale Albisetti è una delle figure storiche di maggior rilievo per Stabio - spiega il sindaco, Simone Castelletti -. Il Comune conserva l’importante gipsoteca dell’artista, che lo stesso Albisetti volle donare al suo paese d’origine. Il restauro del sepolcro è un ulteriore passo in avanti in previsione del centenario della morte di Albisetti, che cadrà nel 2023».

Il lavoro è stato effettuato da un team di restauratori composto da Sergio Pescia, già conservatore del Museo della civiltà contadina di Stabio, Tiziano Riva ed Enrico Gambardella. «La tomba era in condizioni deplorevoli, tutta coperta da sudiciume atmosferico e ambientale - racconta Pescia -. In quasi cent’anni nessuno se n’era mai occupato. Acidi, particellati, funghi, muschi e licheni negli anni hanno alterato e corroso i materiali e le superfici». «Dopo la pulitura, abbiamo ricoperto la scultura con un idrorepellente - aggiunge Tiziano Riva -, che la proteggerà per i
prossimi cinque anni». «L’Arnoldo da Melchtal - aggiunge la storia dell'arte Simona Ostinelli - riveste un ruolo di particolare rilevanza nel percorso di Albisetti, perché venne presentato all’Esposizione universale di Parigi nel 1900».

COMUNE DI STABIO
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
30 min
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
46 min
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
3 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
4 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
4 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
5 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
6 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
8 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
CANTONE
8 ore
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
16 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile