tipress
Granatieri a Isone (archivio)
ISONE
18.07.20 - 15:070

«Dichiaro di non essere stato molestato alla scuola reclute»

Dopo la morte di un granatiere martedì, una nuova polemica nella scuola di Isone

Molestie o esperienze negative: gli allievi devono firmare una dichiarazione al termine della formazione. L'esperto: «È come un assegno in bianco, pratica irregolare»

ISONE - La scuola per granatieri di Isone è sotto la lente della giustizia militare. È in corso un'inchiesta sulla morte di una recluta di 21 anni durante una marcia, martedì. Per i risultati potrebbero occorrere diverse settimane. 

Nel frattempo, sorgono nuovi dubbi sulla scuola, e in particolare su un modulo consegnato a tutte le reclute al termine del servizio. I militi che escono dal centro di formazione, riferisce il Tages Anzeiger, devono firmare una dichiarazione di dimissioni. In questo documento confermano, tra le altre cose, che non sono stati sottoposti a "ordini o molestie degradanti".

Un'ex recluta ha raccontato al quotidiano di aver firmato il modulo poco prima della fine della scuola, nonostante le esperienze negative. Non voleva mettersi nei guai all'ultimo momento.

Il portavoce dell'esercito Stefan Hofer conferma l'esistenza di questo modulo. Ma non è né un assegno in bianco per i superiori né una dichiarazione di riservatezza, assicura. Il documento serve per un controllo interno, per fare emergere eventuali problemi sconosciuti. Hofer non ha chiarito se esistano moduli simili in altri centri di formazione.

Arnold Marti, professore di legge all'Università di Zurigo, è scettico. «Se la compilazione fosse volontaria e anonima, non ci sarebbero obiezioni». Ma poiché il modulo è nominativo, il suo scopo «è ovviamente quello di evitare reclami successivi». Attualmente, secondo il professore, non esiste una base legale per questa pratica. «Richiedere una simile dichiarazione prima di lasciare l'incarico è estremamente problematico e richiederebbe comunque una base giuridica esplicita» conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
9 min
«In estate 50 telefonate al giorno, adesso le riceviamo in meno di un'ora»
L’hotline cantonale è sommersa dalle telefonate. Ne arrivano a raffica e per i motivi più disparati.
LIGORNETTO
2 ore
Mascherine a scuola, quanto lavoro per Timask
Quella momò è una delle poche aziende in Svizzera autorizzate a produrre mascherine per bambini
LAMONE
2 ore
Botox-bar per una notte? La versione del gerente dopo il blitz
Il gerente si difende: «Era solo una presentazione di prodotti. I trattamenti, semmai, si sarebbero tenuti in Italia»
FOTO
LUGANO
11 ore
Due auto si scontrano sulla Crespera
L'incidente è avvenuto questa sera a Breganzona: i due conducenti se la sono cavata con leggere escoriazioni.
LUGANO
12 ore
Don Tamagni, oltre 600mila franchi sottratti ai genitori
Il parroco di Cadro era il curatore della coppia di anziani, ed era esente da controlli.
CONFINE
13 ore
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
14 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
16 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
20 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
22 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile