Immobili
Veicoli
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
tipress
CANTONE
12.07.20 - 21:380
Aggiornamento : 13.07.20 - 09:27

«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»

L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»

Separare i treni per Milano dalla rete cantonale. E aumentare i collegamenti Eurocity. «Ma anche piccole modifiche possono dare grandi risultati»

LUGANO - Un treno ogni 15 minuti, a sud di Lugano. A nord, poco meno. L'Associazione degli utenti del trasporto pubblico in Ticino (Astuti) è convinta che sia possibile. E ha elaborato un piano con una serie di modifiche da sottoporre alle FFS. L'obiettivo - sottolinea l'associazione - è riportare i ticinesi a usare i treni, dopo lo choc dovuto al Covid. 

Esprimendosi sul piano orario del 2021, l'associazione riconosce in una lettera che «sono stati fatti grandi passi avanti nell'offerta» seppure «dilazionati nei tempi». Così come «l'importante impegno finanziario assunto dal Cantone e dai Comuni» in vista dell'inaugurazione del tunnel del Ceneri. 

Ma non basta. Secondo l'Astuti «sarebbero possibili scelte più coraggiose». Uno studio allestito dall'associazione - in particolare dai soci Riccardo Kohyi e Michele Kessler - dimostrerebbe che «limitandosi a modificare di pochi minuti gli orari di alcuni convogli» sarebbe possibile ottenere «una frequenza di un treno ogni 15 minuti tra Lugano e Chiasso» e tra Lugano e Bellinzona. Un treno ogni trenta minuti, invece, tra Lugano e Locarno. 

L'associazione è convinta che separando i treni Regio Express per Milano dalla rete cantonale, e facendo circolare i treni da e per Mendrisio come S-Bahn (S10), si otterrebbero benefici su tutta la linea. Un'altra urgenza - per l'Astuti - è portare i treni Intercity fino a Chiasso, e aumentare la frequenza dei treni Eurocity a uno ogni ora. 

Una maggiore frequenza dei treni - conclude l'Astuti - «ridurrebbe l'affollamento dei treni soprattutto in certi orari, favorendo un ritorno all'uso del mezzo pubblico» dopo il calo dovuto al Covid.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
6 min
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
52 min
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
1 ora
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
2 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
CANTONE
17 ore
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
18 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
21 ore
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
22 ore
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
CANTONE
23 ore
Diverse quarantene di classe e nuovi contagi nelle case anziani
Il virus sembra frenare, ma nelle ultime 24 ore aumentano i ricoveri e si registra un nuova vittima
CANTONE
1 gior
Cosa c'è dietro il rincaro dei prodotti alimentari?
Costi logistici. Rincaro delle materie prime e degli imballaggi. Sono le variabili in gioco
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile