Tipress
CANTONE
10.07.20 - 13:070
Aggiornamento : 14:21

Il grido d'allarme delle cliniche private di fronte al silenzio delle autorità federali

«Abbiamo garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid»

LUGANO - «Le cliniche private saranno costrette a licenziare personale a causa del mancato riconoscimento del lavoro ridotto». È questo il grido d'allarme lanciato oggi dall'Associazione cliniche private ticinesi, che stigmatizza il silenzio da parte delle autorità federali tuttora silenti sulle richieste di aiuti Covid da parte degli ospedali privati. «Le cliniche - si legge nella presa di posizione - hanno garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza COVID. Parte del personale, quello necessario, ha lavorato al fronte per la cura dei pazienti, andando a completare i team dei reparti di cura e delle terapie intensive dei due centri COVID in Ticino. Altro personale ha dovuto restare a casa perché la continuazione dell’attività sanitaria, ambulatoriale e stazionaria, non urgente è stata proibita dalla Confederazione Con l’inizio di maggio le limitazioni federali sono venute meno, ma la ripresa dell’attività in alcuni settori è stata lenta e ancora oggi non eguaglia quella registrata negli anni passati, impedendo quindi la piena occupazione del personale».

Ciò che preoccupa maggiormente le cliniche private la «dimostrazione di chiusura che è stata data dalle autorità competenti al riconoscimento del lavoro ridotto, diritto garantito di principio a tutti i lavoratori e le lavoratrici». Da qui il grido d'allarme: «Se non vi sarà a breve un cambiamento su questo aspetto (che tocca anche il settore ospedaliero pubblico) le cliniche che fino ad oggi si sono assunte interamente il rischio dei mancati introiti potrebbero loro malgrado dover licenziare il personale in esubero in questo momento, con il rischio di lasciare scoperto il sistema sanitario nel momento di una prossima, verosimile nuova ondata epidemica.» 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SVIZZERA / CANTONE
5 ore
Si finge un banchiere e s'intasca oltre mezzo milione di franchi
Una 39enne basilese è accusata di aver truffato 57 clienti di una banca, con l'aiuto di alcuni complici
COMANO
9 ore
Molestie all'ordine del giorno? La RSI non ci sta
L'azienda di Comano prende posizione a seguito delle dichiarazioni della presidente della sezione luganese del SSM
LAMONE
9 ore
Auto contro scooter a Lamone: un ferito
L'incidente si è verificato venerdì attorno alle 18 sulla strada principale, nelle vicinanze dell'ufficio postale
CANTONE
12 ore
Ecco dove potrebbe spuntare un radar
La polizia cantonale comunica i controlli previsti tra il 25 e il 31 gennaio 2021
COMANO
13 ore
Le molestie in RSI si scontrano con un primo scoglio
La direzione vuole un pool di avvocati in maggioranza uomini. Il sindacato SSM: «Non possiamo accettarlo»
CANTONE
15 ore
Spese personali con i crediti Covid: due arresti
I due hanno percepito - fornendo, si sospetta, informazioni false - oltre un milione e mezzo di franchi
CANTONE
16 ore
Bus strapieni: il Cantone interviene (in parte)
Sono molte le richieste e le lamentele inoltrate al Dipartimento del territorio
FOTO
LOCARNO
18 ore
Ecco la prima vaccinata del Fevi
La campagna vaccinale anti-Covid è scattata ieri: la prima a ricevere il preparato è stata la signora Silene Fasnacht.
CANTONE
19 ore
74 nuovi casi di coronavirus, quattro i decessi
I letti occupati da pazienti Covid-19 sono oggi 215 (28 in terapia intensiva). Due settimane fa erano 366
MONTE CARASSO
20 ore
Fermato con oltre mille chili di generi alimentari non dichiarati
Tutta merce non dichiarata per rifornire un ristorante nel Liechtenstein.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile