Immobili
Veicoli
Archivio Tipress
CANTONE
06.07.20 - 16:250

«Non lasciamo soli gli allievi»

Il PS invita il DECS a prevedere doposcuola e corsi di recupero per gli allievi penalizzati dal lockdown

BELLINZONA - Con due mesi di chiusura e l'insegnamento a distanza, anche per gli allievi ticinesi l'anno scolastico 2019/20 è stato insolito. E non senza difficoltà: il provvedimento - lo sostiene il PS ticinese - «ha segnato il loro percorso formativo» e «sin da subito è stato chiaro che l'insegnamento digitale avrebbe penalizzato coloro che faticano ad avanzare nel processo di apprendimento, le famiglie che non hanno la possibilità di seguire e sostenere i figli come vorrebbero o dovrebbero fare».

Ecco dunque che il partito invita il DECS «a sfruttare in modo proficuo la pausa estiva e offrire la possibilità di recupero e sostegno per quegli allievi che hanno avuto particolare difficoltà» si legge in un odierno comunicato stampa. Si parla in particolare di doposcuola e corsi di recupero straordinari per «non lasciare soli gli allievi». Molto è già stato fatto, ma il Partito socialista chiede che «queste misure siano promosse a livello cantonale ed estese a tutti gli ordini scolastici, per garantire le stesse possibilità a tutti».

La riapertura? «Una decisione giusta» - Il PS parla anche della decisione di riaprire le scuole a metà maggio, seppure per poche settimane. Una decisione del Governo ticinese - secondo il partito - «che si è rivelata giusta e necessaria per salvaguardare la qualità dell'insegnamento».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Altri 1221 positivi. Sono 19 le persone in cure intense
Per il secondo giorno consecutivo non si registrano nuovi decessi.
BRISSAGO
18 ore
Incendio nei boschi sopra Brissago
Sono rapidamente intervenuti i pompieri, che monitoreranno la situazione anche durante la notte
CANTONE
1 gior
In Ticino altri 1312 contagi
Stabile l'occupazione delle terapie intensive. In lieve calo i ricoveri
CANTONE
1 gior
Adescava i minorenni sui social per ottenere foto pornografiche
Una cinquantina le vittime finite nella rete di un 31enne del Luganese tra il 2016 e il 2020.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
La polizia alle prese con quarantene e isolamenti
In Ticino l'operatività è garantita. Ma a Ginevra le assenze sono molte. I corpi sono pronti a scenari d'emergenza
AIROLO
1 gior
Addio a Luca Ceresetti, vicesindaco di Airolo
Il municipale è scomparso improvvisamente, dopo breve malattia, nel giorno del suo 47esimo compleanno
CANTONE
1 gior
L'occhio dei radar sbircia cinque distretti
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 17 al 23 gennaio sulle strade ticinesi
CANTONE
1 gior
In carcere uno spacciatore estradato dalla Serbia
È sospettato di traffico di eroina e cocaina in Ticino.
CANTONE
2 gior
«Al picco il 30% dei ticinesi sarà infettato»
Quarantene accorciate, Merlani: «Ospedali e case anziani si potranno visitare solo dopo dieci giorni dal contagio».
VERZASCA
2 gior
«Costretti a lasciare le nostre case»
Via dalla frazione Pioda, ex cuore economico di Vogorno. Parlano le "vittime" della costruzione della diga.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile