foto Facebook
BELLINZONA
02.07.20 - 10:500

«Un ragazzo normale, che più non si può»

Strage progettata alla Commercio di Bellinzona: è iniziata l'arringa della difesa

BELLINZONA - Un ragazzo «normale» che più normale non si può. Un «figlio del Ticino» con una famiglia «che più normale non si può». Il 22enne accusato di avere preparato una strage alla Commercio di Bellinzona era «uno studente brillante e un ragazzo simpatico e affettuoso». 

Un giovane dalla faccia “pulita” che questa mattina, alle 9.30, si è presentato in giacca e camicia al Palazzo dei congressi di Lugano, per la seconda giornata del processo che lo vede imputato di atti preparatori di assassinio plurimo. 

È iniziata così, con un ritratto dell’aspirante stragista, l’arringa dell’avvocato Luigi Mattei. Il legale difensore ha dipinto l’allora 19enne come uno studente modello, descritto dai compagni di scuola come «gentile, simpatico, addirittura servizievole». Eppure, nella primavera del 2018 l’imputato «ha iniziato a concepire nella sua mente un piano orribile». 

La difesa non punta all’assoluzione, ma a ridimensionare il ruolo e le vere intenzioni del ragazzo. «Il punto - secondo Mattei - è come recuperare nel futuro questo giovane, che ha tutti gli strumenti per fare bene nella vita».

L’arringa ripercorre le tappe della “discesa agli inferi” del giovane. Una catabasi che «non coincide con un disegno stragista iniziato due anni prima» come sostenuto dall’accusa. Nel 2014 il licenziamento del ragazzo dall’apprendistato presso le Ferrovie - a causa di un piccolo furto - ha «certamente messo in crisi il ragazzo», come pure una delusione amorosa nel 2016. 

Ma il giovane avrebbe acquistato il suo arsenale solo due anni dopo, «perché si era appassionato al tiro sportivo assieme ad un amico» spiega Mattei. Un arsenale di non poco conto: un kalashnikov, un fucile a pompa, una carabina 22, e il fucile semi-automatico AR 15. «Tutte armi acquistate legalmente e per cui aveva ottenuto un’autorizzazione cantonale». 

Armi acquistate - sostiene la difesa - non allo scopo preciso di preparare la strage. Le cose degenerano un anno dopo. E tutto avviene nell’arco di un mese. Nella primavera 2018 il ragazzo «si taglia i capelli, inizia ad avere un atteggiamento di sfida verso la scuola, si rifiuta di studiare». Un cambiamento che non era sfuggito a nessuno, alla Commercio. L’aspirante killer che parlava di suicidio e «male assoluto», pronto a un gesto folle, assomiglia molto poco al «ragazzo fino al giorno prima responsabile, solare, intelligente e scolasticamente dotato» descritto dai compagni. E nemmeno all’imputato che, oggi, siede al centro dell’aula nel Palazzo dei Congressi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
47 min
Nuove professioni crescono: una ventina i "riciclatori" in Ticino
Ivo Bazzanella è stato l’unico a concludere questo apprendistato nel 2020.
CANTONE
49 min
C'è un iceberg d'amianto in Ticino
Il "killer dormiente" continua a fare vittime. E nelle nostre case ne spunta sempre di più
CANTONE
10 ore
Anche la Lega contro l'aumento delle imposte
«Si utilizzino piuttosto i ristorni dei frontalieri» si legge nella presa di posizione
FOTO
RIVIERA
12 ore
Infortunio nel riale, giovane in ospedale
L'incidente è avvenuto attorno alle 14 di questo pomeriggio
BELLINZONA
13 ore
Morti in casa anziani: «Vogliamo le dimissioni immediate»
UDC chiede pubblicamente che il municipale Giorgio Soldini e il direttore delle strutture Silvano Morisoli se ne vadano
CANTONE
16 ore
Alzare le imposte? «Il Governo se lo scordi»
L'UDC ticinese prende posizione dopo le parole del direttore del DFE sulla tenuta finanziaria del Cantone
FOTO E VIDEO
BLENIO
17 ore
Scontro sulla strada del Lucomagno
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno. Il motociclista è stato trasportato al San Giovanni in elicottero
FOTO
CANTONE
17 ore
Le impressionanti foto dell'incidente di questa mattina sulla A2
Nel quale sono rimaste ferite in modo lieve 5 persone. Distrutte due vetture e una roulotte, gravi disagi al traffico
CANTONE
21 ore
«Il Ticino rischia il dissesto»
Il direttore del Dfe Christian Vitta è preoccupato per il futuro dell'economia. «Un secondo lockdown sarebbe disastroso»
CANTONE
21 ore
Il piromane di Gandria a quanto pare era recidivo
Il 24enne lo scorso febbraio aveva già dato fuoco ad alcune vetture a Menaggio e aveva precedenti penali
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile