Keystone / Tipress
CANTONE
17.06.20 - 07:230
Aggiornamento : 10:06

«Più si sta distanti, minore è il rischio di ammalarsi»

Entro la fine di giugno la Confederazione potrebbe introdurre ulteriori allentamenti delle disposizioni Covid-19

L'esperto Christian Garzoni: «La situazione è migliorata grazie al lockdown, alla maggiore attenzione da parte dei cittadini e al tempo che si passa all'aria aperta»

LUGANO - In Svizzera la distanza sociale raccomandata è ancora di due metri. Ma da diverse settimane a livello nazionale il numero dei nuovi contagi di coronavirus è molto basso, quindi a breve la situazione potrebbe cambiare: già il prossimo 24 giugno il Consiglio federale potrebbe infatti decidere di ridurre tale distanza, come riferito da Nau. E questo venerdì le autorità si chineranno inoltre sull'attuale limite di 300 partecipanti per le manifestazioni.

Insomma, entro la fine di giugno potrebbero avvenire nuovi importanti allentamenti. È troppo presto o è il momento giusto? «In ogni caso vale la regola della prudenza» sostiene il dottor Christian Garzoni, specialista in malattie infettive e direttore sanitario alla Clinica Luganese Moncucco.

«A livello svizzero - ci dice - noi esperti siamo tutti stupiti positivamente dell'attuale situazione. E ci auguriamo che continui così». Ma i rischi non mancano, in particolare per quanto riguarda gli assembramenti: «Un assembramento fino a 300 persone può accelerare la diffusione del virus, meglio quindi evitare assembramenti e prediligere ritrovarsi in piccoli gruppi» ricorda Garzoni.

Questione di distanza - Per quanto riguarda la distanza di sicurezza, secondo il nostro interlocutore dipende tutto dal rischio che si vuole correre: «Gli studi hanno mostrato che le goccioline che portano il virus possono percorrere fino a due metri, certi esperti ritengono che arrivino anche ben oltre i due: più si sta distanti, minore è il rischio di contrarre la malattia. Meglio comunque se si indossa sempre la mascherina».

La riapertura delle frontiere - Garzoni va oltre, parlandoci anche della recente riapertura delle frontiere elvetiche ai paesi europei: «Bisogna stare attenti a un eventuale ritorno del virus dall'estero: ogni giorno si parla di pochi casi in Svizzera, ma il problema è la diffusione della malattia a livello mondiale, perché il virus è ancora ben presente su tutta la terra».

Più tempo all'aria aperta - Si constata inoltre che alla nostra latitudine l'arrivo della bella stagione sembra aver contribuito al miglioramento della situazione. Ma l'esperto sottolinea che la temperatura non c'entra: «Si ritiene che il netto rallentamento dell'epidemia sia dovuto al fatto che ora si passa più tempo all'aria aperta, e case e uffici vengono ventilati meglio». E siamo arrivati a questo punto anche grazie «al lockdown e alla maggiore attenzione da parte dei cittadini» conclude Garzoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GORDOLA
58 sec
«Le multe “fioccano” se si entra in contromano»
Il capodicastero sicurezza pubblica risponde al gruppo Lega-UDC contro la fotocamera mobile per i controlli
CANTONE
23 min
Le cliniche non ci stanno: «L'aumento dei premi non è colpa nostra»
La presenza di numerose cliniche private in Ticino non c'entra nulla: «È un pregiudizio ideologico», ammonisce l'ACPT.
LOCARNO
2 ore
Lili Hinstin abbandona il festival
Il Locarno Film Festival e la sua direttrice artistica cessano la loro collaborazione
CANTONE
2 ore
Potrai vivere il tuo Ticino fino a San Silvestro
L'azione "Soggiorna in Ticino" prolungata fino al 31 dicembre. Quella "Gusta il Ticino" fino al 31 ottobre.
CANTONE
5 ore
Due tamponi positivi in Ticino da ieri
Nelle strutture ospedaliere ticinesi risultano attualmente ricoverate due persone per il Covid-19
VIDEO
LOCARNO
6 ore
Locarno come Mondello? Il Sindaco: «Avviso la polizia»
A decine, ammassati, senza mascherine. Così questo fine settimana in un bar del centro.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
«Senza prenderne coscienza, non avrei mai potuto uscirne»
Oggi è la Giornata nazionale sui problemi legati all’alcol. Il tema? Sfatare i tabù
CHIASSO
8 ore
Chiasso è ancora un po' in lockdown
Uffici vuoti, ristoranti in difficoltà. Bravofly lascia "a casa" quasi tutti i dipendenti
CANTONE/SVIZZERA
16 ore
«Avere figli è considerato un “problema” delle donne»
Daria Pezzoli-Olgiati è riuscita ad affermarsi come lavoratrice e mamma ma reclama un cambiamento di mentalità.
FOTO
MUZZANO
18 ore
Dopo la caduta, riparte dal cavallo la riabilitazione di Sonia
Momenti emozionanti stamattina quando la nota marciatrice di Gaggio ha ripreso confidenza con sella e briglie.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile