«Più si sta distanti, minore è il rischio di ammalarsi»
Keystone / Tipress
CANTONE
17.06.20 - 07:230
Aggiornamento : 10:06

«Più si sta distanti, minore è il rischio di ammalarsi»

Entro la fine di giugno la Confederazione potrebbe introdurre ulteriori allentamenti delle disposizioni Covid-19

L'esperto Christian Garzoni: «La situazione è migliorata grazie al lockdown, alla maggiore attenzione da parte dei cittadini e al tempo che si passa all'aria aperta»

LUGANO - In Svizzera la distanza sociale raccomandata è ancora di due metri. Ma da diverse settimane a livello nazionale il numero dei nuovi contagi di coronavirus è molto basso, quindi a breve la situazione potrebbe cambiare: già il prossimo 24 giugno il Consiglio federale potrebbe infatti decidere di ridurre tale distanza, come riferito da Nau. E questo venerdì le autorità si chineranno inoltre sull'attuale limite di 300 partecipanti per le manifestazioni.

Insomma, entro la fine di giugno potrebbero avvenire nuovi importanti allentamenti. È troppo presto o è il momento giusto? «In ogni caso vale la regola della prudenza» sostiene il dottor Christian Garzoni, specialista in malattie infettive e direttore sanitario alla Clinica Luganese Moncucco.

«A livello svizzero - ci dice - noi esperti siamo tutti stupiti positivamente dell'attuale situazione. E ci auguriamo che continui così». Ma i rischi non mancano, in particolare per quanto riguarda gli assembramenti: «Un assembramento fino a 300 persone può accelerare la diffusione del virus, meglio quindi evitare assembramenti e prediligere ritrovarsi in piccoli gruppi» ricorda Garzoni.

Questione di distanza - Per quanto riguarda la distanza di sicurezza, secondo il nostro interlocutore dipende tutto dal rischio che si vuole correre: «Gli studi hanno mostrato che le goccioline che portano il virus possono percorrere fino a due metri, certi esperti ritengono che arrivino anche ben oltre i due: più si sta distanti, minore è il rischio di contrarre la malattia. Meglio comunque se si indossa sempre la mascherina».

La riapertura delle frontiere - Garzoni va oltre, parlandoci anche della recente riapertura delle frontiere elvetiche ai paesi europei: «Bisogna stare attenti a un eventuale ritorno del virus dall'estero: ogni giorno si parla di pochi casi in Svizzera, ma il problema è la diffusione della malattia a livello mondiale, perché il virus è ancora ben presente su tutta la terra».

Più tempo all'aria aperta - Si constata inoltre che alla nostra latitudine l'arrivo della bella stagione sembra aver contribuito al miglioramento della situazione. Ma l'esperto sottolinea che la temperatura non c'entra: «Si ritiene che il netto rallentamento dell'epidemia sia dovuto al fatto che ora si passa più tempo all'aria aperta, e case e uffici vengono ventilati meglio». E siamo arrivati a questo punto anche grazie «al lockdown e alla maggiore attenzione da parte dei cittadini» conclude Garzoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
LOCARNO
3 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
4 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
5 ore
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
FOTO
CANTONE
6 ore
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
CANTONE
7 ore
«Sintomi depressivi gravi per un terzo degli studenti»
L'allarme del SISA in base ai risultati di un questionario distribuito alla Scuola cantonale di Commercio
CANTONE
10 ore
L'appello del Cantone: obbligo di mascherina nei luoghi affollati
Il Consiglio di Stato sostiene tale provvedimento, che è «efficace» e «assicura un'elevata sicurezza sanitaria»
CANTONE
10 ore
Arriva la neve, «usate l'auto soltanto se necessario»
Per domani, 8 dicembre, è prevista un'allerta meteo di livello 3. Le raccomandazioni della polizia cantonale
CANTONE
12 ore
Altri 188 casi e nove quarantene di classe
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 83. Un nuovo positivo nelle case anziani.
CANTONE
12 ore
Ecco come studiare
Sono aperte le iscrizioni per i corsi indirizzati ai ragazzi della Scuola media
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile