Immobili
Veicoli
Morte di Pau: «Era incantato dai castelli. L'immagine della felicità»
Tipress
BELLINZONA
09.06.20 - 16:350
Aggiornamento : 17:01

Morte di Pau: «Era incantato dai castelli. L'immagine della felicità»

Il ricordo di Gabriele Censi, l’organizzatore che portò il gruppo Jarabe De Palo a Bellinzona.

BELLINZONA -  «Sono pochi gli artisti dotati di una così profonda umanità». L’artista è Pau Dones del gruppo Jarabe De Palo, morto a 53 anni, stroncato da un cancro al colon. Il ricordo è quello di Gabriele Censi, direttore della GC Events che nel 2017 portò il cantante a Bellinzona, nella rassegna Castle on Air, e poi anche a Zurigo. 

«Quella sera il concerto fu caratterizzato da una pioggia incessante - ricorda Censi - eppure lui mostrò una grande disponibilità. Volle cantare a tutti i costi, diceva che il pubblico era arrivato fin lì e non poteva deluderli. Riuscimmo ad attrezzare il palco per proteggere dalla pioggia cavi elettrici e gli stessi musicisti. Fu una serata memorabile». 

Insomma un artista lontano dai capricci e dai vizi tipici di molte star. «Mi colpì sin da subito la sua forte umanità. Era una persona alla mano. E poi trasmetteva tanta felicità. Ecco, per me Pau Dones è l’immagine della felicità. Riuscimmo a sentirci anche dopo l’esperienza dei due concerti, e questo non capita con tutti i cantanti. Anche quando lo rincontrai a distanza di tempo si ricordava di me e del Ticino».

A proposito di Ticino. Pau Dones soggiornò anche alcuni giorni da noi. Gli piacque molto Lugano, fece una passeggiata sul lungolago. Ma fu soprattutto Bellinzona - con i suoi castelli - ad affascinarlo. «Mi disse che quello era uno dei posti più incantevoli dove avesse mai cantato. Gli piacque talmente tanto la nostra regione che volle fermarsi qualche giorno, non limitarsi solo a un passaggio veloce». 

Consapevole - come cantava nella sua «Dipende”, il suo brano più famoso - che «siamo di passaggio, come nuvole nell’aria, si nasce e poi si muore, questa vista è straordinaria». 

«Di lui mi resta una grande ricordo - conclude Gabriele Censi - una sua canzone fece da colonna sonora alla mia storia sentimentale con la ragazza che poi divenne mia moglie». 

Tipress
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile