Deposit
CANTONE
15.05.20 - 18:060

Focolai a sei zampe: occhio al coleottero giapponese

La Sezione dell'agricoltura inasprisce le misure per contenere l'avanzata dell'insetto polifago

BELLINZONA - È un polifago. Mangia tutto. O meglio si nutre di più di un centinaio di piante sia coltivate che spontanee. Per questo la Sezione dell’agricoltura informa di aver inasprito i provvedimenti per arginare la diffusione del coleottero giapponese (Popilia japonica).

Le sue larve vivono nel terreno e nutrendosi di graminacee distruggono i tappeti erbosi mentre gli adulti, aggregandosi, sono in grado di defogliare piante selvatiche, piante coltivate e ornamentali tra cui pomodoro, nocciolo, vite, pero, pesco e fragole. 

Purtroppo il focolaio risulta essersi allargato: «Nonostante gli sforzi intrapresi, sono aumentate sia le catture nei siti di monitoraggio, sia quelle nell’intero periodo di volo dell’insetto in altre trappole poste» afferma la Sezione dell’agricoltura.

Per contenere il coleottero sono state ridefinite le zone, in particolare quella del focolaio che ha una larghezza di almeno 1 chilometro e comprende i Comuni di Stabio, Novazzano e Mendrisio (limitatamente alla frazione di Genestrerio). Vi sono poi le zone di lotta e quelle cuscinetto che arrivano a coprire i comuni di quasi l’intero Sottoceneri.

Nella zona focolaio: «Durante il periodo di volo dell’insetto (giugno-settembre) il materiale vegetale derivante dalla manutenzione del verde deve essere triturato finemente prima del trasporto e può essere consegnato esclusivamente ai due impianti di compostaggio situati nel Distretto di Mendrisio. Questo materiale andrà obbligatoriamente vagliato». Nella zona di lotta (compresa la zona focolaio) devono essere messe in atto le seguenti misure: «È vietata la movimentazione di ogni tipo di pianta con terra associata alle radici, compresi i rotoli di tappeto erboso precoltivato, al di fuori dei limiti di tale zona». Altre misure riguardano il compost e la terra di scavo e sono consultabili sul sito del servizio fitosanitario cantonale http://www.ti.ch/fitosanitario.

Infine chiunque abbia dei sospetti circa la presenza di adulti o di larve di Popillia japonica sul territorio cantonale è obbligato a notificarlo immediatamente al Servizio fitosanitario cantonale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
56 min
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE
2 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
4 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
5 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
6 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
CANTONE
15 ore
Pareggio dei conti entro il 2025, vince (di poco) la destra
Un Gran Consiglio spaccato in due ha approvato di misura l'iniziativa di Sergio Morisoli.
CANTONE
16 ore
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
Lugano
18 ore
Dalla Corea con clamore, ma non è pericolosa quanto la zanzara tigre
Per la senior researcher all'Istituto di microbiologia Supsi, Eleonora Flacio, «non comporta alcun problema»
CANTONE
21 ore
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
MENDRISIO
1 gior
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile