Tipress
CANTONE
30.04.20 - 18:350

Timori di collasso viario: «Ci salveremo con il telelavoro»

Le preoccupazioni riguardano soprattutto la ripresa dell’11 maggio

Ma Touring Club Svizzero e Associazione Traffico e Ambiente spiegano cosa potrebbe alleggerire le strade dal ritorno massiccio di frontalieri, genitori che portano i figli a scuola e lavoratori residenti

LUGANO - «Ci sarà un collasso viario mai visto in Ticino». I tecnici cantonali temono che l’uscita dal lockdown possa portare alla paralisi delle strade. Nessuno lo dice ufficialmente, ma questa è la previsione che circola e abbiamo raccolto dagli addetti ai lavori. 

Il mix fatale - Almeno tre sono i fattori che fanno prevedere il caos: il primo è costituito dal ritorno massiccio dei frontalieri in Ticino, concentrato tutto su gomma e su singoli veicoli (visto che la condivisione dell’auto non rispetterebbe le regole). Treni e più in generale mezzi pubblici - per timore di contagio - potrebbero essere evitati anche dai residenti per recarsi al lavoro. Terzo elemento, non il minore, i genitori che dall’11 maggio porteranno i figli a scuola in auto. La salvezza? Ci si affida al bel tempo che potrebbe incentivare l’uso di moto, scooter, biciclette e mobilità lenta.

Puntare su home office - Più ottimista appare Laurent Pignot, portavoce del TCS per la Svizzera romanda e italiana: «Alcuni senz’altro passeranno dal treno all’auto. Ma d’altro lato molte aziende continueranno a lavorare in home office anche durante la seconda metà del mese di maggio». Sugli effetti positivi del lavoro a distanza fa affidamento anche il consigliere nazionale Bruno Storni, che è vicepresidente nazionale dell’Associazione traffico e ambiente (ATA): «Chi potrà continuerà a lavorare da casa. Per cui non credo ci sarà un assalto neppure ai mezzi pubblici. Farò un atto parlamentare a Berna affinché si valuti come promuovere in futuro il telelavoro al di là dell’attuale pandemia. Sempre in un’ottica di minor traffico».

Promuovere gli inizi scaglionati - Da sviluppare, secondo Storni, «sono inoltre gli inizi scaglionati sul posto di lavoro. Anche questo diminuirebbe la pressione sui mezzi pubblici». Treni, ad esempio, dove già oggi Storni sale con la mascherina per recarsi oltralpe: «Nei paesi asiatici, dove hanno contenuto l’epidemia senza lockdown, parlo di Giappone, Taiwan, Hong Kong, sui trasporti pubblici si è continuato a viaggiare con l’obbligo della mascherina. In Svizzera interna ne vedo pochi usarla sul treno».

I rischi per il TCS - Anche per Pignot del TCS le riaperture, in particolare quella dell’11 maggio, potrebbero essere gestibili dal profilo del traffico: «Quando è iniziato il lockdown non c’era di fatto una situazione di saturazione. C’erano i soliti ingorghi ma nulla di eccezionale. Ci fosse un ritorno a questo passato noi non vediamo un grandissimo problema». Tutto tranquillo? Al contrario, il TCS vede rischi più concreti nel fatto che «ci saranno conducenti che riprendono l’auto dopo due mesi senza guidare. A ridosso dell’11 maggio richiameremo l’attenzione proprio su questo aspetto degli automatismi dimenticati».

Il lungo stop si fa sentire - Ma a soffrire il lungo stop, continua Pignot, sono anche le stesse vetture: «Restare ferme per diverse settimane può essere molto nefasto per le automobili. Soprattutto se sono rimaste all’aperto. Si possono trovare anche guasti inattesi. Ad esempio, i cavi rosicchiati da qualche animale». Infine, altro fattore di pericolo, il mancato cambio delle gomme estive: «Con quelle invernali lo spazio per fermarsi da 100 km/h a 0 aumenta di 30 metri».    

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 10 mesi fa su tio
Speriamo che non arrivi una ricaduta ...... se questa volta era un segnale .... la prossima per l'economia sarà un terremoto. Si vuole aprire le frontiere, e visto tutta la situazione in Lombardia, i frontalieri invaderanno il povero Ticino con le auto...... Ancora più di prima. Nel mondo del lavoro prima formiamo i nostri giovani e facciamo lavorare una parte dei disoccupati e poi se necessita, si prendono i frontalieri.
VECCHIOTTO 10 mesi fa su tio
Anziché aprire l indispensabile gli scienziati hanno optato per aprire pure le scuole. Nel Mendrisiotto il Fox Town darà la mazzata finale
Orsettina 10 mesi fa su tio
E non dimentichiamo che con le varie aperture...arriveranno anche i vacanzieri d’oltralpe e...oltre....
vulpus 10 mesi fa su tio
Ma potenzialmente c'è veramente la possibilità che il traffico veicolare in entrata aumenti. Se pensiamo a una certa diminuzione che c'è stata , con le varie teorie di condivisione e mezzi pubblici, sicuramente i più timorosi riprenderanno il loro veicolo, senza poi pensare alla sorpresa dei posteggi che mancheranno. Ma sicuramente Bertoli e co avranno pensato anche a questo.
Se7en 10 mesi fa su tio
... tutti i commenti sono giusti e sacrosanti, ma se le lamentele non le legge chi di dovere, che senso ha? E anche se dovessero leggerle non farebbero niente, perché non abbiamo un politico con gli attributi, capace e volenteroso di cambiare il sistema malato che in Ticino vige da troppo tempo
belaolga 10 mesi fa su tio
Grazie TIO...ma prima del virus...eravate su Marte??...stessa spiaggia stesso mare...un mare di frontalieri che vengon in barchetta a prendersi la paghetta che manca ai Ticinesi....e Voi scendete da marte e iniziate a parlare e far notizia x noi ....non come i 5 o6 dalla camicia stirata..(.ancora di sera) che fan notizia sulle stratosferiche decisioni!!!!!!
marco17 10 mesi fa su tio
@belaolga Certo meglio un paese bloccato, tutti a casa in disoccupazione. Tanto qualcuno paga. Senza i contributi versati anche dai frontalieri, le assicurazioni sociali in Ticino fallirebbero in poco tempo.
Equalizer 10 mesi fa su tio
Ci avevano preso gusto tutti a circolare come negli anni '80, ma adesso la festa è finita, si ritorna all'amara realtà, le strade si riempiranno di nuovo di azzurri in un numero tre volte superiore agli anni '80 e ci vorrà la solita ora da Lugano a Chiasso, pagando per un'autostrada che è più lenta di un sentiero.
Norvegianviking 10 mesi fa su tio
@Equalizer Lavoro con 150 residenti. 150 auto. Di cosa parliamo?
roma 10 mesi fa su tio
...eliminando i frontalieri in Ticino si eliminano traffico, smog, disoccupazione, duping, ecc, ecc,.......quindi, buon caos viario a tutti.
Se7en 10 mesi fa su tio
Avete voluto a scapito dei residenti una marea assurda di frontalieri soprattutto nel terziario?! Adesso teneteveli con tutte le problematiche del caso. A voi quello che interessa è il traffico, non chi è a casa non per scelta propria
miba 10 mesi fa su tio
Ci sarà un collasso viario mai visto in Ticino... Vedremo, per il momento quello che vedo concretamente è solo il trend dei media di mettere a priori tutto sul catastrofico ed apocalittico....
marco17 10 mesi fa su tio
@miba Non hanno avuto il collasso sanitario che ci annunciavano un giorno sì e un giorno sì da settimane, ora sperano nel collasso viario, tanto per fare del catastrofismo mediatico.
MrBlack 10 mesi fa su tio
Si stava meglio quando si stava peggio. Cioè in piena emergenza pandemia :-))))))
francox 10 mesi fa su tio
Ma andate a quel paese. Volete far lavorare i frontalieri ma non volete il traffico. Timori di collasso viario. Tornerà la foffa di sempre perché lo decidete voi. Voi capi, manager, azionisti e truffatori moderni.
jena 10 mesi fa su tio
NON PROCCUPATEVI ... ticinesi a casa disoccupati e frontalieri liberi di intasare le strade
Pepperos 10 mesi fa su tio
@jena Ci mancava questa riflessione
marco17 10 mesi fa su tio
@jena Certo, sono sempre gli altri che intasano le strade. Meschino e livoroso come tanti in Ticino.
roma 10 mesi fa su tio
@jena ...purtroppo questa è la realtà.
Norvegianviking 10 mesi fa su tio
@jena Quanti luoghi comuni! Ho sostenuto colloqui con tanti dei nostri e quando ho detto loro che si doveva essere in cantiere alle 6.00, che il lavoro comportava il fatto di sporcarsi (forse non era chiaro) e che le ferie erano fisse per tutti nel medesimo periodo, magicamente sono scomparsi tutti. Per cui ho dovuto per forza di cose optare sul volenteroso d'oltre cortina. Frignare, sappiamo solo frignare!
Norvegianviking 10 mesi fa su tio
@roma Roma...che poi perchè ....forse meglio Gurtnellen. Lavoro con 150 dei nostri. 150 auto, anzi anche un paio di marito e moglie. 4 auto. Ma par piasè!
ciapp 10 mesi fa su tio
@marco17 cert che a criticaa glialtri tö sé fort
Liberopensiero 10 mesi fa su tio
@Pepperos E’ comunque una riflessione....non lontanissima dalla realtà
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
In Ticino altri 63 casi e un decesso
Nelle strutture ospedaliere ci sono 69 pazienti col Covid, di cui 10 in terapia intensiva
CONFINE
7 ore
A Viggiù parte la vaccinazione di massa
Dallo scorso 16 febbraio il comune al confine col Ticino si trova in zona rossa per la presenza di varianti
BELLINZONA
21 ore
Sulla mobilità lenta le polemiche corrono veloci
I Verdi attaccano il Municipale Simone Gianini per un presunto conflitto d'interesse fra due cariche «non compatibili».
CANTONE
23 ore
I radar risparmiano solo la Leventina
Ecco le località che saranno oggetto di controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
FOTO
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Schiacciata da un furgone, grave una 49enne
L'incidente è avvenuto in via Alle Zocche a Castel San Pietro.
CANTONE
1 gior
Torna il sereno nelle case anziani: visite in camera e uscite consentite
Dal 1. marzo adeguate le direttive per le strutture della terza età e per le cliniche psichiatriche
FOTO E VIDEO
AIROLO
1 gior
Guasto alla seggiovia di Varozzei, nove persone evacuate in elicottero
Operazione di salvataggio, questa mattina, nel comprensorio sciistico di Airolo-Pesciüm.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
1 gior
Perde il rimorchio e colpisce un'auto
L'incidente è avvenuto stamattina alla rotonda dell'aeroporto di Locarno.
CANTONE
1 gior
Gelata sulle terrazze
La decisione presa dopo che non è stato possibile trovare un compromesso tra Berna e i Cantoni interessati
LUGANO
1 gior
"Cittadini" contro il Polo: «Pronti a sostenere il referendum»
Secondo l'associazione il progetto del Polo sportivo e degli eventi è «colossale, complicatissimo e dal costo enorme»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile