tipress (archivio)
CANTONE
27.04.20 - 17:550

«Niente più colazione a buffet. Ma solo al tavolo e su turni»

Lorenzo Pianezzi spiega come si muoveranno gli hotel alla riapertura, tra accorgimenti e rassicurazioni

LUGANO - I tempi sono quasi maturi. Le strutture alberghiere ticinesi si stanno preparando ad riaprire le porte ai turisti, dopo il blocco imposto dalla Confederazione.

«La nuova finestra di crisi durerà fino al 3 di maggio - sottolinea ai microfoni di Radio Ticino il presidente di hotelleriesuisse, Lorenzo Pianezzi -. Poi ci allineeremo agli altri cantoni, dove gli alberghi non hanno mai chiuso».

Resteranno comunque dei paletti, come da disposizioni, per contrastare il coronavirus: «I servizi di colazione, bar e ristorante saranno aperti unicamente per i clienti degli alberghi stessi - spiega Pienezzi -. Chi soggiorna in albergo potrà usufruirne. Non sarà invece possibile uno scambio di clienti tra gli alberghi. Nemmeno per bere un caffè».

Il presidente di hotelleriesuisse auspica, inoltre, una prossima apertura anche per ristoranti e bar fuori dagli hotel: «Anche perché aprire, ma non poter offrire ai nostri clienti un posto per bere qualcosa in una piazza qualsiasi diventa difficile».

Un inizio un po' zoppicante, quindi: «Ma faremo di tutto per accogliere i clienti anche in questa prima settimana senza ristoranti. Attendiamo mercoledì, quando il Consiglio federale potrebbe dare "luce verde" anche alla ristorazione e i bar. E lo stesso per gli attrattori turistici, dai battelli alle strutture di risalita di montagna, che sono altrettanto importanti».

Pianezzi spiega quindi come sarà accolto il cliente: «Non potremo andargli incontro porgendogli la mano. Vi sarà un divisorio in plexiglass che lo separerà dalla reception. Gli si consegnerà una lettera di benvenuto nella quale si spiega che il soggiorno in Ticino è qualcosa di estremamente sicuro, ma che includerà i regolamenti ai quali dovrà attenersi. Ad esempio non sarà possibile avere un buffet per la prima colazione. Questa verrà servita al tavolo e probabilmente vi si accederà a turni. Se una sala poteva ospitare fino a 100 persone, oggi ne può ospitare 50. E lo stesso varrà per i ristoranti».

Nessun problema invece al check-out: «La camera verrà pulita, igienizzata e sarà vendibile anche per il medesimo giorno. Deve restare chiusa per un tempo di almeno 48 ore solo nel caso si verifichi un caso di Covid-19».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Brega84 1 anno fa su tio
Perché qualcuno ci va??? Se continua così chiudiamo tutto a breve quindi .... non andiamo lontani
Fran 1 anno fa su tio
Aprire sti ristoranti che state strozzando tutti! Se alle aziende hanno già versato milioni, c'è una fascia importante che non ha visto nemmeno un ghèll!! E le bollette le devono pagare anche i piccoli indipendenti!
seo56 1 anno fa su tio
Ma chi ci va in albergo in quelle condizioni?
Clo 62 1 anno fa su tio
Stiamo rasentando la pazzia, se continuiamo a sfornare pessimismo ho paura che farà molti più morti la crisi economica che arriverà Ps perché posso andare dal parrucchiere e dall’estetista e non posso prendermi un caffè o mangiarmi una pizza!!!
sedelin 1 anno fa su tio
@Clo 62 é la fiaba delle contraddizioni con finale da storia infinita.
negang 1 anno fa su tio
Un vero dramma per il sottoscritto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
1 ora
Una notte di (relativa) quiete dopo la tempesta
«Abbiamo terminato gli interventi e nella notte non abbiamo ricevuto nessuna richiesta», spiega Alberto Ceronetti.
CANTONE
3 ore
Pronto, centro vaccini? Due ore senza risposta
I tempi di attesa per parlare con il numero verde cantonale possono essere molto lunghi. Colpa delle vacanze?
BELLINZONA
3 ore
Paglia, i reclamatori seriali e le sue memorie
L'ex municipale, che se ne andò in seguito alla questione dei sorpassi milionari, si racconta in un libro.
FOTO
MENDRISIOTTO
16 ore
«Limitare gli spostamenti nelle zone colpite»
Emergenza nel Mendrisiotto: costituito uno Stato Maggiore regionale di condotta. L'appello della polizia agli abitanti
MESOCCO (GR)
17 ore
L'A13 piena di rotoli di plastica
Si tratta del carico che un mezzo ha perso lungo la semiautostrada in territorio di Mesocco
ROVEREDO (GR)
21 ore
Il lupi fanno incetta di pecore, anche in Mesolcina
Diverse predazioni sono avvenute in varie zone dei Grigioni. Ordinato l'abbattimento di un esemplare
CANTONE
23 ore
Covid: 31 nuovi casi, oltre la metà dei ticinesi sono vaccinati
Stabili i ricoverati, che rimangono a quota 12. Le cure intense ospitano 4 di loro.
CANTONE
1 gior
C'è un pacco sospetto per te
I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta
CANTONE
1 gior
Viaggi e svaghi all'osso... i ticinesi pagano le tasse
La pandemia colpisce duramente il gettito, ma nella cassa delle persone fisiche le entrate sono tornate a crescere
CANTONE
1 gior
«Gli alberghi sono aperti a qualsiasi tipo di ospite»
Pernottamenti solo per vaccinati? Per il presidente di HotellerieSuisse Ticino non è un'ipotesi da considerare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile