Tipress
CADENAZZO
20.04.20 - 11:260
Aggiornamento : 13:19

Pirata della strada beccato a 157 km/h sull'80 sul Ceneri

Un 50enne del Luganese è stato fermato ieri pomeriggio in territorio di Cadenazzo

L'uomo è stato denunciato al Ministero pubblico e si è visto sequestrare il veicolo e ritirare la patente.

CADENAZZO - Sfrecciava a 157 chilometri orari su un tratto di strada, la vecchia cantonale del Monte Ceneri, il cui limite è fissato a 80. La folle corsa di un 50enne italiano domiciliato nel Luganese è però terminata ieri pomeriggio a Cadenazzo, dove la sua automobile è stata intercettata dalla polizia. 

L'uomo - precisa la Cantonale in una nota - è stato denunciato al Ministero Pubblico quale «pirata della strada» per grave infrazione alla Legge federale sulla circolazione stradale. Al 50enne è stata immediatamente ritirata la patente e la sua automobile è stata sequestrata. 

Il pirata della strada di Cadenazzo non è però l'unico conducente dal piede pesante finito nel mirino delle forze dell'ordine ticinesi negli ultimi tempi. Altri quattro automobilisti erano infatti stati beccati - lo scorso 5 aprile - durante quattro distinti controlli effettuati in Leventina, nel Luganese e nel Bellinzonese. Il primo, un 20enne, era incappato in un controllo a Bodio mentre sfrecciava a 185 km/h sull'A2.  Gli altri tre viaggiavano rispettivamente a 160, 165 e 166 chilometri orari là dove il limite era di 120. 

Valvola di sfogo - Il problema dell'alta velocità ai tempi del Covid-19, d'altronde, è un tema conosciuto. La scarsa circolazione di veicoli e il nervosismo crescente possono portare anche a comportamenti sconsiderati. «Le strade vuote - spiega lo psicologo del traffico Benjamin Graber dell'Università di scienze applicate di Zurigo - possono certamente incoraggiare la guida veloce», precisando che molte volte l'automobile funge da «valvola di sfogo» alle preoccupazioni e a «convivenze forzate».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO/ LUGANO
1 ora
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
2 ore
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
2 ore
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
8 ore
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
13 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
13 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
15 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
19 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
20 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile