Polca GR
REGIONI
10.04.20 - 19:370

Controlli rafforzati in questi giorni per la polizia grigionese

Per far rispettare le norme contro il Covid-19 (e non solo): 17 le irregolarità riscontrate

COIRA - In riferimento all’Ordinanza del Consiglio Federale COVID-19, la Polizia Cantonale dei Grigioni ha controllato ulteriori cantieri, aziende e negozi. Durante le festività pasquali l’obiettivo della Polizia è focalizzato ad informare la popolazione sull’importanza di rimanere a casa e di rispettare il divieto di accendere fuochi all’aperto.

Da mercoledì sino a venerdì santo, la Polizia Cantonale dei Grigioni ha controllato 97 cantieri e aziende, 94 negozi e svariate mete turistiche. In 17 casi sono state riscontrate delle irregolarità. Fra queste perlopiù autolavaggi che erano ancora aperti malgrado le prescrizioni. Gli stessi sono stati nel frattempo chiusi.

Le norme d’igiene e distanze sociali in vigore sono state rispettate ottimamente. Unicamente a Davos, in un parco giochi, cinque persone non hanno mantenuto le distanze di sicurezza e per questo motivo sono state sanzionate con una multa disciplinare di cento franchi ciascuno.

Evitate viaggi inutili - La Polizia Cantonale dei Grigioni si appella alla popolazione raccomandando il rispetto delle norme igieniche e di distanza sociale nei rapporti interpersonali. Al fine di contenere la catena di contagio consiglia di evitare viaggi inutili.

Durante i controlli avvenuti lungo la semiautostrada A13, sulla strada principale H 28 e sui passi alpini aperti nelle giornate di giovedì e venerdì Santo la Polizia Cantonale ha instaurato il dialogo con gli utenti della strada rendendoli consapevoli delle loro responsabilità e delle possibili conseguenze verso terze persone. In totale venivano controllati 1950 veicoli e 140 motociclisti. Alcuni di questi, a seguito delle raccomandazioni della polizia, interrompevano il viaggio e rientravano ai propri domicili.

Divieto generale di accendere fuochi all’aperto nel Canton Grigioni - Il Governo del Cantone dei Grigioni ha decretato un divieto generale di accendere fuochi all'aperto a partire dal 25 marzo fino a nuovo avviso. Fanno eccezione le zone urbane se viene mantenuta una distanza di 50 metri dai bordi del bosco. Tale misura ha lo scopo di ridurre il rischio di incendi.

Durante le giornate pasquali verranno effettuati dei controlli mirati nei pressi di parchi provvisti di griglie, su sentieri e mete turistiche. Durante questi controlli la Polizia Cantonale dei Grigioni sarà coadiuvata dai comuni e dai pompieri.

Diverse ditte di sicurezza private si occupano già di far rispettare il divieto generale di accendere fuochi all’aperto. Fino a venerdì santo questa regola è stata perlopiù rispettata. Unicamente a Flims si è dovuti intervenire e denunciare due persone che per mezzo di una griglia costruita in loco stavano grigliando all’interno del bosco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
14 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
17 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
18 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
19 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
21 ore
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
23 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
23 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
1 gior
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
1 gior
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile