Famiglie in difficoltà: «L'assegno non arriva»
tipress
CANTONE
09.04.20 - 06:000
Aggiornamento : 10:00

Famiglie in difficoltà: «L'assegno non arriva»

Il grido d'aiuto di alcune famiglie bisognose. Lo Ias: non risultano ritardi. Dove sta l'inghippo?

L'associazione di San Vincenzo conferma: «Diverse segnalazioni, ma fiduciosi in una soluzione»

BODIO - Uffici chiusi. E assegni che non arrivano. La rivoluzione imposta dal Covid-19 all'amministrazione cantonale sta causando qualche problema ad alcuni cittadini bisognosi.

Tio.ch/20minuti ha raccolto le segnalazioni di diversi genitori beneficiari di assegni Afi-Api (familiari e prima infanzia) che non avrebbero ricevuto versamenti all'inizio di questo mese. «Ho sollecitato più volte, ma non riesco a parlare con nessuno» racconta ad esempio una 31enne del Sopraceneri, madre di due figli piccoli.

La donna è molto preoccupata. L'assegno di marzo (1100 franchi) se ne è andato in affitto, spese e cassa malati. «Siamo rimasti con due franchi sul conto» racconta. «Se i ritardi continuano non sappiamo come fare». La famiglia si è rivolta a un'associazione benefica, per provvedere alla spesa alimentare. 

Non è un caso unico. «Anche noi abbiamo ricevuto diverse segnalazioni» spiegano dall'associazione San Vincenzo De Paoli, che si occupa di sostegno alla povertà. «Purtroppo a farne le spese sono al momento le famiglie più deboli, e in particolare con figli a carico, in un momento già di evidente difficoltà». 

Dal Cantone assicurano che «le pratiche AFI/API sono a giorno». Al DSS non risultano ritardi, ma «è bene precisare che i servizi emanano le decisioni ed effettuano i pagamenti soltanto quando i dossier sono completi». Gli sportelli del Cantone - che rimangono in attività - sono però chiusi al pubblico, e per qualsiasi problema gli utenti sono invitati ad annunciarsi via mail. 

Dov'è l'inghippo? «Abbiamo provato a contattare gli uffici più volte, senza ricevere spiegazioni» lamenta la 31enne. L'associazione di San Vincenzo dal canto suo si dice «fiduciosa che il problema è temporaneo e verrà risolto in fretta». Alle famiglie non resta che aspettare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
CANTONE
3 ore
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi è impegnato negli shop.
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Scontro tra due veicoli su via San Gottardo
L'incidente, avvenuto questa sera, ha provocato solo danni materiali.
LUGANO
4 ore
Morta la vedova Zappa, appello ai creditori
Si è spenta a 67 anni una delle protagoniste della cronaca giudiziaria ticinese
MENDRISIO
6 ore
A Ligornetto «non facciamo favoritismi»
Il blocco del traffico nel quartiere ha intasato il Basso Mendrisiotto. E innescato polemiche
FOTO
MENDRISIO
13 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
15 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
17 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
19 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
1 gior
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile