tipress
Piazza della Riforma, deserta.
CANTONE
01.04.20 - 14:520
Aggiornamento : 15:40

Tre settimane senza ristoranti: «Siamo stravolti»

Il presidente di GastroTicino Massimo Suter si sfoga, e chiede un nuovo intervento alla politica

LUGANO - Tre settimane senza ristoranti. Il tempo corre veloce, con l'epidemia: ma non per gli esercenti, che si trovano a fronteggiare una crisi di liquidità senza precedenti. A lanciare l'allarme è di nuovo GastroTicino, che torna a chiedere misure di sostegno al Consiglio di Stato. 

«Il nostro governo cantonale ha agito in modo tempestivo, prendendo decisioni difficili e impopolari, e di questo gliene siamo grati» si legge in una lettera inviata oggi ai media dal presidente Massimo Suter. Alla terza settimana dal "blocco" imposto da Bellinzona, però, il settore è «stravolto» e gli aiuti non bastano più. 

«A fronte delle misure prese a tutela degli impiegati del settore, è altresì urgente trovare delle misure per i datori di lavoro e le loro aziende» scrive GastroTicino. «Altrimenti ci ritroveremmo con i lavoratori salvati dal lavoro ridotto ma con i “padroni” strangolati, soffocati e sul lastrico al momento di dover ripartire». 

L'associazione di categoria chiede quindi dei correttivi agli strumenti economici introdotti. Il primo: eliminare i vincoli di utilizzo sui prestiti a tasso zero. «Al momento sono utilizzabili soltanto per le necessità correnti» precisa l'organizzazione. «Costringendo di fatto le aziende a rinviare investimenti magari urgenti». 

GastroTicino chiede un intervento del Cantone anche sulla voce affitto, in modo che le spese siano divise tra esercenti, padroni di casa e Stato «in pieno spirito di solidarietà». Terzo punto, l'indennità riconosciuta ai soci dipendenti, per un massimo di 3320 franchi mensili. Troppo pochi, secondo GastroTicino. E la platea dei beneficiari andrebbe allargata anche a chi non sottosta alla IPG (indennità perdita di guadagno).  

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CAPOLAGO
3 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
6 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
8 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
10 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
13 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
14 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile