«Anche i media sono a rischio»
tipress
CANTONE
31.03.20 - 09:420
Aggiornamento : 10:58

«Anche i media sono a rischio»

Coronavirus, l'Associazione ticinese dei giornalisti (Atg) lancia un grido d'allarme

LUGANO - Il coronavirus colpisce anche il giornalismo. E i sindacati sono sul chi vive. Mentre Syindicom - notizia di ieri - punta il dito contro la ristrutturazione decisa dal gruppo TX (ex Tamedia), oggi tocca all'Associazione ticinese dei giornalisti (Atg) suonare il campanello d'allarme. 

«Per molti professionisti del settore è scattato da diversi giorni il regime del lavoro ridotto, segno che la situazione per i media nel nostro Paese si fa sempre più critica» si legge in un comunicato odierno. Le testate giornalistiche, va detto, rientrano fra le aziende non soggette a restrizioni, in Ticino come oltre Gottardo.

Questo in ragione del servizio pubblico che offrono. Il problema è: con quali mezzi? Secondo "Stampa Svizzera" - l'associazione di categoria del settore privato - l'impatto della pandemia di Covid-19 sulle entrante pubblicitarie è allarmante. Le perdite, si stima, potrebbero raggiungere i 400 milioni di franchi nel 2020, pari al 50 per cento del mercato pubblicitario svizzero. 

«Un crollo netto dalla portata epocale» scrive l'Atg, che sottolinea come le testate giornalistiche «soffrivano anche prima della crisi generata dal coronavirus». Per questo motivo l'associazione «invita le autorità politiche a non dimenticare o trascurare il settore dei media». In particolare in Ticino, dove già a febbraio una mozione interpartitica presentata da Lorenzo Jelmini (PPD) chiedeva una serie di strumenti economici a sostegno della stampa (scritta, radiotelevisiva e online). 

«Un “passare all’azione” che ora si fa più urgente che mai - scrive l'Atg - se non vogliamo assistere ad un crollo del settore e confrontare la nostra regione con ulteriori chiusure di testate giornalistiche».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
2 ore
Due auto si scontrano sulla Crespera
L'incidente è avvenuto questa sera a Breganzona: i due conducenti se la sono cavata con leggere escoriazioni.
LUGANO
2 ore
Don Tamagni, oltre 600mila franchi sottratti ai genitori
Il parroco di Cadro era il curatore della coppia di anziani, ed era esente da controlli.
CONFINE
4 ore
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
5 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
6 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
11 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
12 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
1 gior
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
1 gior
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
1 gior
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile