tipress (archivio)
LUGANO
18.03.20 - 14:430
Aggiornamento : 15:12

Il Municipio si attiva con misure a sostegno dell'economia

L'intento è di far fronte alle necessità immediate e sostenere il rilancio delle attività che subiscono danni ingenti

Il Comune ha nel contempo pure attivato il servizio di accudimento per gli allievi di scuola dell'infanzia ed elementare.

LUGANO - Un'ulteriore serie di misure per accompagnare l’amministrazione comunale, la popolazione e il settore economico durante il periodo dell’emergenza pandemica del COVID-19. È quanto deciso dal Municipio di Lugano durante l'odierna seduta (tenutasi in videoconferenza).

Misure a sostegno dell’economia - Il Municipio ha preso atto del fatto che la chiusura e il ridimensionamento di molte attività stiano causando gravi problemi ai commerci, agli esercizi e all’economia in generale. La principale riguarda la mancanza di liquidità, soprattutto nei settori chiusi per ordine dell’autorità almeno fino al 19 aprile.

Lugano ha così preso in considerazione due tipi di misure, tenendo sempre conto dei principi di sussidiarietà, proporzionalità, equità e sostenibilità.

Misure di primo livello (destinate a far fronte alle necessità immediate, sgravando in particolare da oneri comunali o da oneri dovuti alle società partecipate del Comune):

  • dilazione dei termini di pagamento di 60 giorni per le fatture emesse dalla Città;
  • sospensione temporanea dell’incasso degli affitti (previa richiesta motivata via mail a economia@lugano.ch) per le attività commerciali che occupano immobili della Città. Il Municipio auspica caldamente un’iniziativa simile dei proprietari di immobili privati, poiché questa misura consentirebbe, una volta passata l’emergenza, una ripresa delle attività più agevole e rapida a beneficio di tutta la collettività;
  • proroga del termine di pagamento degli acconti d’imposta, senza conteggio degli interessi di mora, mantenendo gli interessi remunerativi a favore di coloro che hanno già pagato;
  • estensione del termine di pagamento dei conguagli di imposta a 60 giorni;
  • applicazione della tariffa notturna (CHF 1.- /ora) negli autosili comunali su tutto l’arco della giornata per garantire a chi lavora di raggiungere in sicurezza il posto di lavoro ed evitare i mezzi pubblici;
  • messa a disposizione di parcheggi per agevolare l’attività del personale sanitario dell’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) e del Cardiocentro;
  • sospensione del pagamento della tassa di occupazione dell’area pubblica, come già annunciato;
  • valutazione di eventuali interventi mirati sussidiari per l’indennità dell’assicurazione disoccupazione per orario ridotto e l’accesso al credito (prestiti garantiti, fideiussioni), anche alla luce dell’esito delle proposte al vaglio di Confederazione e Cantone;
  • AIL SA valuta misure relative alle modalità di pagamento delle fatture di consumo energetico e idrico indirizzate in particolare alla clientela commerciale e al settore imprenditoriale;
  • il Municipio auspica che il Cantone provveda a breve a sospendere l'applicazione della disposizione che non permette di aggiudicare commesse pubbliche a coloro che hanno dilazionato o non sono perfettamente in regola con il pagamento di oneri sociali e delle imposte, al fine di poter attribuire mandati alle attività commerciali della Città anche se non risultano idonei.

Misure di secondo livello (destinate al sostegno e al rilancio delle attività che subiscono danni ingenti):

A dipendenza di quanto verrà proposto da Confederazione e Cantone, la Città potrebbe attivare a sua volta interventi puntuali a sostegno dei settori economici particolarmente toccati dall’emergenza. A tale scopo è attiva una specifica task force che segue l’evolversi della situazione ed è in contatto con le autorità e il mondo economico.

Misure a sostegno delle fasce a rischio - Il Municipio nei giorni scorsi ha inviato una lettera a tutti i cittadini di età pari o superiore ai 65 anni che vivono soli, informandoli della possibilità di contattare l’amministrazione comunale in caso di necessità. Si tratta di circa 5'000 persone.

Venerdì scorso è stato come noto attivato il numero verde gratuito 0800 6900 00 che risponde da lunedi a domenica, dalle 8 alle 17. È destinato non solo alle persone anziane ma anche a chi non lo è e vive in una situazione di particolare vulnerabilità a seguito delle misure introdotte per limitare la diffusione del contagio. La Città vuole garantire ascolto e vicinanza alle persone sole, anziane o adulte, che non possono lasciare il proprio domicilio per questioni di isolamento preventivo oppure sanitario; alle persone che vivono in condizioni di fragilità e che faticano ad assolvere alle loro necessità primarie poiché non hanno una rete familiare o di vicinato; ai cittadini in generale che hanno un bisogno.

Uno dei bisogni primari si conferma essere quello della spesa di alimentari, medicinali o altri beni primari indispensabili, oppure dei pasti a domicilio. La Città ha attivato una rete con enti e associazioni per garantire i servizi necessari. Il Municipio ringrazia tutte le associazioni e i volontari per la grande solidarietà dimostrata: da Pro Senectute alla Croce Rossa, da Caritas al Tavolino Magico all’Oratorio di Lugano, ai gruppi Scout ad altri ancora.

Scarti vegetali - A partire dal 24 marzo sarà possibile consegnare gli scarti vegetali da giardino alla piazza di deposito del Piano della Stampa e all’ecocentro di Pambio Noranco ogni martedì, giovedì e sabato, tra le ore 13:30 e le 17:30. Si ricorda che permane il divieto di depositare altri materiali all’ecocentro di Noranco. Un addetto dei Servizi tecnici garantirà il flusso di utenti nel rispetto delle raccomandazioni precauzionali in vigore, consentendo l’accesso solo a 2 o 3 auto contemporaneamente.
Come comunicato in precedenza, gli ecocentri sono stati chiusi poiché non è possibile garantire la distanza sociale. Su appuntamento, in caso di comprovate difficoltà il servizio è a disposizione dei cittadini limitatamente alla consegna degli ingombranti.

Sospensione dei cantieri pubblici comunali - A salvaguardia della salute e della sicurezza di tutti i lavoratori e a protezione del sistema sanitario cantonale - dando seguito alle direttive federali e cantonali volte a limitare al minimo l’attività lavorativa con l’obiettivo di rallentare la diffusione del COVID-19 – la Città di Lugano ha sospeso temporaneamente i cantieri pubblici comunali dopo averli messi in sicurezza. La disposizione resta in vigore fino a nuovo avviso.

Al via all'accudimento - Il Municipio ha pure deciso di attivare il servizio di accudimento per quei bambini di scuola dell'infanzia ed elementare che non possono rimanere a casa, poiché entrambi i genitori lavorano.

Considerato il numero limitato di allievi nelle rispettive sedi, il Municipio ha però deciso di raggruppare i giovani come segue: 

Gli allievi delle scuole dell’infanzia di:

. Cadro, Bozzoreda, Davesco-Soragno, Dino 1, Dino 2, Sonvico, Maglio di Colla, Piccolo Mondo, Terzerina, Villa Luganese verranno accuditi presso la SI Terzerina, via Terzerina a Pregassona.

. Brè, Cassarate, Ruvigliana, Viganello-Albonago, Via Bottogno-Viganello presso la SI Via Bottogno, via Bottogno a Viganello.

. Barbengo 1-2, Barbengo 3-4, Carona, Loreto, Pambio-Noranco, Pazzallo presso la SI Barbengo 1-2, via Alniscioni 4 a Barbengo.

. Bertaccio, Castausio, Lambertenghi, Molino Nuovo, Ronchetto presso la SI Molino Nuovo, via Ferri 21 a Lugano.

. Besso, Breganzona, Gemmo presso la SI Gemmo, via Canevascini 28 a Lugano.

Gli allievi delle scuole elementari di:

. Cadro, Bozzoreda, Davesco-Soragno, Maglio di Colla, Probello, Sonvico, Villa Luganese verranno accuditi presso la SE Probello, via Sala 1 a Pregassona.

. Brè, Cassarate, Nuovo Centro Scolastico Viganello, Ruvigliana presso la SE Nuovo Centro Scolastico, via Crocetta 8 a Viganello.

. Barbengo, Carona, Loreto, Pazzallo presso la SE Barbengo, via al Municipio 6 a Barbengo.

. Bertaccio, Lambertenghi, Gerra e Molino Nuovo presso la SE Molino Nuovo, via Trevano 23 a Lugano.

. Besso e Breganzona presso la SE Besso, via Besso 13 a Lugano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»
Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.
CANTONE
4 ore
Prostituzione in hotel o a domicilio: «Non è illegale»
Una sentenza ha assolto due escort accusate di esercizio illecito della prostituzione.
CONFINE
6 ore
Scontro in galleria, quattro i feriti di cui uno grave
All'origine dell'incidente forse un sorpasso.
CANTONE
7 ore
Altre due classi in quarantena
La misura è scattata per allievi del CPT di Trevano e del Liceo di Bellinzona
CANTONE
8 ore
Falso nipote in manette
Si tratta di un 26enne che in almeno sei occasioni sarebbe riuscito a farsi consegnare denaro o gioielli
CANTONE
13 ore
In Ticino 137 nuovi casi
I dati aggiornati dall'Ufficio del medico cantonale. Nessun decesso nelle ultime 24 ore
LUGANO
14 ore
«Senza mascherina, niente scuola per mio figlio»
Covid alle medie. Silvana Pagani è una mamma di Barbengo che si fa portavoce di un appello al DECS.
CANTONE 
16 ore
Meno parti prematuri nella bolla del lockdown
Le risposte della dottoressa Petra Donati-Genet ai molti dubbi che assillano le mamme
CUGNASCO
16 ore
Infarto in casa, salvato da due idraulici-eroi
È successo a Cugnasco. Un 73enne soccorso dalla Rega, ma provvidenziale l'intervento di due "eroi per caso"
BELLINZONA
16 ore
In Ticino si studia la cura per il Covid
Novanta pazienti avranno la possibilità di assumere un farmaco ormonale che viene usato contro il tumore alla prostata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile