Ti Press
CANTONE
18.03.20 - 12:380
Aggiornamento : 15:55

Dalle case anziani agli ospedali solo se ci sono le caratteristiche per sopravvivere

Alle case anziani è stato chiesto di limitare al massimo le ospedalizzazioni.

Considerato il tasso di mortalità elevato nelle cure intense, vanno evitate ulteriori sofferenze ai pazienti e il sovraccarico dei nosocomi

di Redazione

LUGANO - Gli ospedali ticinesi sono sempre più pieni. Proprio ieri il direttore della Divisione malattie trasmissibili Daniel Koch ha messo in guardia la popolazione sostenendo che se i contagi dovessero proseguire con l’evoluzione che hanno avuto finora, i reparti di cure intense del nostro Cantone rischiano di essere piene già lunedì prossimo.

L’indisponibilità di posti letto nei nosocomi obbliga quindi tutti gli operatori del settore sanitario a modificare il proprio modo di lavorare. Fra questi ci sono anche i collaboratori delle case anziani. 

Filtrare di più - «Qualora entrasse in considerazione il ricovero in ospedale di un paziente, l’attuale emergenza deve indurre a una valutazione ulteriore che tenga in considerazione anche gli aspetti etici», si legge su un’informativa redatta dal Gruppo di lavoro Case anziani medicalizzate e inviata a tutti i direttori sanitari del Cantone. In altre parole, è necessario “filtrare” maggiormente le ospedalizzazioni e, se possibile, curare il residente di casa anziani nella propria camera.

No all’accanimento - Fra gli aspetti etici che entrano in considerazione nella scelta di ospedalizzare o meno gli ospiti delle case anziani c’è la “non maleficenza”: impedire, se la valutazione multidisciplinare stabilisce una prognosi infausta, che l’anziano sia intubato e ventilato, «in modo da evitare così un’ulteriore sofferenza che si configura in un futile accanimento terapeutico». 

Autonomia nelle decisioni non garantita - Ma c’è pure “l’autonomia decisionale” (il consenso libero e informato dei pazienti) che però «non sempre potrà essere garantita». Infatti, da qualche giorno le visite dei parenti (con cui spesso i pazienti si consultano) sono vietate, mentre quando l’interlocutore per ragioni cognitive è il rappresentante terapeutico (e non il paziente stesso), l’invito è di «non esitare a parlare di “accanimento terapeutico” se insistentemente è richiesto un trasferimento in ospedale»

L’età non conta - Basandosi sui dati raccolti in Italia, il Gruppo di lavoro evidenzia poi come la mortalità globale dei pazienti ammessi in cure intense sia del 40% e che questa varia molto in funzione dell’età. Maggiore è l’età, maggiore è la mortalità (nei soggetti sopra gli 85 anni la mortalità è dell’80%). «La beneficenza di un ricovero è quindi sproporzionatamente bassa», viene sottolineato, precisando però che «non c’è bianco o nero e l’età non è un criterio di selezione». Il meccanismo con il quale i pazienti sono ammessi in cure intense deve piuttosto tenere conto di criteri legati allo stato di salute alla resistenza alle cure: «Il paziente ha/non ha le caratteristiche per sopravvivere (fattori predittivi)?».

Un’unica struttura per anziani positivi? - Nel documento si parla anche dell’ipotesi di concentrare i pazienti delle case anziani positivi al coronavirus in un unico istituto (un po’ come avviene oggi alla Carità e a Moncucco per i pazienti positivi di tutte le età). Ma se dal punto di vista epidemiologico e del know how del personale curante «la proposta è sensata», si tratta di una misura di difficile realizzazione. Piuttosto, in ogni Casa per anziani deve essere valutata la possibilità di “centralizzare” spostando i residenti in un’unica ala. Si rende però attenti sul fatto che ogni stanza «è il luogo di vita del residente stesso». 

L’ibuprofene va bene o no? - Il documento di otto pagine, redatto il 16 marzo, contiene anche alcune indicazioni sull’utilizzo del materiale (mascherine e occhiali) e dei farmaci. Ad esempio il cortisone è «assolutamente da non dare». C’è però un’informazione smentita solo un giorno dopo dall’Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP). Ai collaboratori si è infatti comunicato che in assenza di Paracetamolo (il cui 95% della produzione arriva dalla Cina) lo si può sostituire con l’Ibuprofene. Che però l’UFSP sconsiglia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gisella Taiana 8 mesi fa su fb
Incredibile, che umanità di...... Ma che sanitari sono.... Vergognatevi.
Antonio De Donatis 8 mesi fa su fb
Forza ragazzi non mollate ,un giorno tornerà di nuovo il sereno .in questo momento ,le polemiche non servono. 🙏💪
Laura Righetti-Roggiani 8 mesi fa su fb
Già un mese fa temevo che si sarebbe arrivati a questo punto...
Roberta Tassora 8 mesi fa su fb
Che tristezza e quanta amarezza!!!
Alessia DarteDue 8 mesi fa su fb
In pratica lasciano morire gli anziani a prescindere.....spero i vostri medici abbiano l etica e la dignità di quelli italiani per rifiutarsi di agire in questo modo. Se ce la fa la sanità italiana a curare senza distinzione, non capisco come non si possa fare in un paese con la sanità privata come la Svizzera 🤷‍♀️
Etti Taiana 8 mesi fa su fb
Che vergogna!altro che Svizzera perfetta!
Carme Cappello 8 mesi fa su fb
Etti Taiana d accordo con Lei. Sono Delusa.
Furnari Libera Furnari 8 mesi fa su fb
Ma non crivete idiozie, più tosto state a casa ,
Casaluci Sandro 8 mesi fa su fb
Gianpiero Casaluci e grave
Lorenza Romano 8 mesi fa su fb
Vergognoso
De Pietro Monica 8 mesi fa su fb
E se bastasse l'Arsenico album C30, come consiglia l'India ? Vaccino 5 globuli per tre giorni consecutivi a stomaco vuoto, poi stop per un mese. Se neccesario ripetere (omeopatia).
Fiore Marchesi 8 mesi fa su fb
Considerazione: si critica l'Italia perché non avrebbe sufficienti posti di terapia intensiva. A quanto pare non li ha neanche la ricca Svizzera, e con lei molti altri stati.
Kriste Qerkini 8 mesi fa su fb
Se continuano cosi vedranno dei morti sui marciapiedi . Disumani con tanta crudeltà !
Ombretta Di Cosmo 8 mesi fa su fb
Kriste Qerkini ma di CHI CHI E DI CHE COSA PARLATE????
Kriste Qerkini 8 mesi fa su fb
Dicono che in un certo senso se non hanno voglia di far guarire una persona lo lasciano morire. A vedere il titolo di questo articolo sembra così . Un po' di ironia ma penso che per tutto e tutti si dovrebbe provare a salvare le persone anche se una persona può sembrare che è difficile salvarlo . Siamo solo spettatori e si aspetta cosa avverrà prossimamente e sempre sperando al positivo !
Micaela Rebozzi 8 mesi fa su fb
Triage 🙈🙏
Esse 8 mesi fa su tio
"nei soggetti sopra gli 85 anni la mortalità è dell’80%" ...parliamo del 20 % di possibilità di sopravvivenza, non sarà alta ma è comunque consistente. Accanimento terapeutico è un concetto che immaginavo applicato ai casi persi, non a uno che ha una possibilità su 5 di continuare a vivere.. Non avere i mezzi per salvare la gente è una brutta condizione che nulla a che vedere col accanimento terapeutico.
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
@Esse Si, ma dovresti anche pensare che ci sono persone molto anziane e già molto malate e in condizioni molto precarie. Su queste persone accanirsi con tubi, sedazioni e quant'altro comporta il tentare di salvare la vita con questo tipo di polmonite vuol proprio dire accanimento terapeutico e sofferenze inutili.
Chris Taiana 8 mesi fa su fb
E la cassa malati aumenta ogni anno......
Lucia Visser-Papaleo 8 mesi fa su fb
Vergognativi.... miliardi per l‘economia ma per loro no . Discustoso 😡
Oriella Buiatti Polli 8 mesi fa su fb
Avete visto morire una persona cara senza accanimento terapeutico come dice qualcuno di voi ? Se parlate cosi`a vanvera probabilmente no , io ho visto morire cosi` mio marito e e` una cosa che non dimentichi piu` .E penso proprio che gli anziani che bisogna secondo voi lasciarli andare cosi`, abbiano delle persone che gli vogliono bene .Non credete anche voi che e` cosi`.
Delfina Ruffatti 8 mesi fa su fb
Consiglio non andate a passeggiare sul lungo lago state a casa e pericoloso in questi giorni c’è un via vai pazzesco 🙄
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
anche a bergamo stanno facendo cosi'
jettero 8 mesi fa su tio
Devono per forza di cose fare il triage, il problema del corona virus è che attacca gli alveoli polmonari e quindi ci vogliono i ventilatori polmonari ma purtroppo pare ci siano solo 4 fabbricanti in tutto il mondo, uno svizzero, uno italiano e 2 tedeschi.
Lorenzo Gabriel 8 mesi fa su fb
Andate meno in giro e magari qualcuno ha la fortuna di salvarsi, altrimenti sarà la fine per tutti quando sarà il collasso, non guardano più nessuno li sarà il peggio
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
Comunque in Svizzera, nei Grigioni, abbiamo uno dei leader mondiali dei produttori di respiratori, che si fanno in quattro per fornire l'Italia, adesso, e anche altri paesi. Il problema sono i componenti che devono arrivare dall'estero (Romania in primis) e ovviamente il personale medico che poi li faccia funzionare.
Davide Vescio 8 mesi fa su fb
È la gravità non l'età, dovete leggere gli articoli, probabilmente se i polmoni sono troppo compromessi ti lasciano andare, è così, quando attraversi un momento come questo. Triste, tristissimo a dir poco
Ombretta Di Cosmo 8 mesi fa su fb
Davide Vescio ho 72 anni mio marito 76 attualmente in buona salute. Certo che ci terremmo a vivere ancora un po'. È un periodo incredibile..come sono incredibili la maggior parte dei commenti che ho letto, impregniati di disinformazione, di stravolgimento, spero almeno in buona fede, dei concetti, di tanti ragionamenti di pancia e pochi fatti utilizzando buon senso. E poi..critiche a gogò..mamma mia che dolore.
Ombretta Di Cosmo 8 mesi fa su fb
Ombretta Di Cosmo 8 mesi fa su fb
Un pensiero di speranza per tutti noi
Antonio Migliarese 8 mesi fa su fb
Vergogna pensate solo ai soldi e alla stabilità economica. Politici vergognatevi.
Fabienne Castrogiovanni 8 mesi fa su fb
😪😪
Antonio Pascoa 8 mesi fa su fb
Ok grazie 👍
Mediapress 8 mesi fa su tio
Ora è solo una questione d’intelligenza, STATE A CASA !!!
Lara88 8 mesi fa su tio
Leggo che la svizzera fa 2000 tamponi. Il veneto 13000!!!! Qua i nineri aumenteranno di brutto solo che non ci vogliono informare. Ho un amico al quale non è stato fatto nessun tampone ma letteralmente mandato a casa con problemi respiratori. Bravi??
lollo68 8 mesi fa su tio
@Lara88 Non facendo i tamponi figura che ci sono meno malati. Chi controlla che i familiari del malato stiano a casa 5 giorni senza uscire?
vulpus 8 mesi fa su tio
Dobbiamo essere coscienti che le limitazioni adottate daranno il loro frutto tra una quindicina di giorni hanno detto gli specialisti di epidemie. Ora si stà pagando lo strafreghismo dimostrato al tempo dei carnevali, le buffonate di certi politici che deridevano i nostri vicini. Meglio non andare a rivangare ancora tutto. Sarebbe però opportuno che lo sputasentenze tale sig. Koch, venga ritirato dalla sua funzione. Ci ha presi in giro, popolazione e autorità, ha fatto il lecchino del CdF , che si è ritrovato allo sbaraglio e impreparato, nonostante i politici nostrani hanno gridato ai sette cieli cosa stava succedendo. E ora si permette di venire a dire chi curare e chi nò. Abbiamo delle equipe mediche e specialisti occupati 24/24, lascoamo fare a loro che stanno dimostrando sacrificio e abnegazione oltre ogni limite. Grazie per tutto quello che ste facendo. E basta con questi funzionari da operetta.
Tina Imbu 8 mesi fa su fb
Io non ci sto.
Daniela Soldini 8 mesi fa su fb
Sono basita e talmente spaventata che fatico a credere che nell'opulenta Svizzera si possa arrivare a tanto.
Claudia Ramos 8 mesi fa su fb
😢🙏
Paolo Mac 8 mesi fa su fb
Se non riuscite a capire che adesso può toccare a vostro nonno/a.....poi a vostro padre/madre.....poi a voi e subito dopo ai vostri figli.....allora è giusto estinguersi! Ma se non lo volete fare per voi e i vostri cari, come posso pensare lo facciate per gli altri? Per NOI che siamo in prima linea....per i vostri nonni, i vostri genitori, per voi, per i vostri figli.......non c’è alcuna speranza! VERGOGNATEVI.....
Mara Athena 8 mesi fa su fb
Paolo Mac 👏🏻
Ombretta Di Cosmo 8 mesi fa su fb
Paolo Mac ma perché essere sempre così arrabbiati e pieni di odio. Non sarebbe meglio informarsi e ragionare prima di sparare a zero. Uccide di più la disinformazione che le malattie
Paolo Mac 8 mesi fa su fb
Ombretta Di Cosmo forse lei dovrebbe informarsi, a meno che le sue fonti non siano dirette, meglio non dica nulla! Se lei fosse al mio posto in prima linea forse potrebbe parlare.....se non lo è meglio tacere!Arrabbiato? Certo che lo sono! Odio? Che avrei scritto in tal senso?
Simona Simo 8 mesi fa su fb
Ma possibile che in TICINO non si possono aumentare i posti letto in terapia intensiva???
Sonia Macchi 8 mesi fa su fb
Credo che se fosse possibile sarebbe già stato fatto. Non servono solo posti letto, ma anche macchinari e soprattutto, qualcuno che li sappia usare. Inutile avere 1000 posti se poi non c'é il personale per gestirli
Simona Simo 8 mesi fa su fb
Sonia Macchi ma sono mesi che ci si organizza!! C’è la fanno in Italia a mettere su terapie intensive con macchinari e personale formato in ogni città... c’è la possiamo fare anche noi!!!
Sonia Macchi 8 mesi fa su fb
Non sto dicendo che non sia possibile, d'altra parte ne so quanto te, ma proprio perchè sono mesi che ci si organizza, do per scontato che sia stato fatto tutto il possibile. Magari quei famosi 50 posti letto sono includono già un aumento rispetto alla situazione pre-coronavirus. Sto solo dicendo che in ogni caso non è evidente.
Simona Simo 8 mesi fa su fb
Sonia Macchi io ormai credo poco a ciò che dicono hanno messo l’economia prima della salute 😢😡
Hugo Coelho 8 mesi fa su fb
Mostruoso, vergognoso e spaventoso... Ma in che paese viviamo ?!
Adriano Fattorini 8 mesi fa su fb
Caratteristiche ...... che parolone! Giornalai!!!
Luz Dary Salazar Mena 8 mesi fa su fb
Cloroquina antibiotici antivirale usado para la malaria esta dando risultati en en otros paices solo mandonos paracetamol. Y no convateno la el virus no dejen morire piu persone esta en sus manos Cloroquina antibiotici virale
Diablo 8 mesi fa su tio
Purtroppo avevano detto per tempo la situazione come sarebbe potuta evolversi....ma le persone invece di riflettere e comportarsi di conseguenza..non tutte per fortuna hanno bellamente continuato a vivere come tutti i giorni. Spero che ora sia ben piú chiara la questione. Forza e coraggio a tutti...se ognuno di noi fa la propria parte....ne usciremo...e sia ben chiaro quanto non condivido quanto dice questo articolo
Mara Athena 8 mesi fa su fb
…. tanto la gente non comprende…. poco da fare. Ognuno coltiva il proprio orticello e se ne frega di quello accanto, finché non lo tocca personalmente.
Fedeltà 8 mesi fa su tio
..dispiace..la vera mentalità delle persone si vede nei momenti duri..la mancanza di rispetto di molte persone verso chi lavora per salvare le vite e le persone con problemi di salute mi lascia veramente di stucco..gente che corre o va in bici, prati pieni come se fosse domenica..nessuno ha capito la gravità e poi sono i primi a piangere quando vengono toccati..gente stare in casa per qualche settimana non costa niente a nessuno costa solo la vita di molte persone..mentalità e rispetto se non siete capaci a tirarla fuori in questo momento drammatico mi domando come riuscirete nella vita....onore al personale sanitario!
Angelo Salvo 8 mesi fa su fb
Che schifo! Magari conviene costruire ospedali tende militari. Comprare macchinari respiratori. O i soldi sono più importanti delle vite? Non ci sono soldi? La BNS HA 500miliardi di euro di riserve. Ha comprato 500 miliardi di euro per tenere il valore del franco basso! Iniziate ad usare quelli per iniziare!
Sandro Costabile 8 mesi fa su fb
Emanuela Costabile
Marta 8 mesi fa su tio
in un certo senso hai ragione, però a questo punto di chi ci si può fidare? ..ho sentito in altri tempi non molto lontani proposte a mio avviso indecenti da parte di medici e/o personale ospedaliero di affrettare la morte di anziani perché "ormai" al capolinea..
Rosangela Riolo 8 mesi fa su fb
😢
Tato50 8 mesi fa su tio
All'inizio della diffusione del virus ho letto centinaia di Post dove si scriveva "tanto muoiono soltanto gli anziani con patologie pregresse. Che fosse il padre magari di qualcuno che è sul Blog non gli fregava niente a nessuno. Ora ci si sta orientando sul non ricovero di chi occuperà posto per un paio di giorni prima di volare nelle celesti praterie. Io sono da anni socio di Exit e non sarà un politico a decidere della mia sorte; è compito mio e toglierò il disturbo-;)
Sara Bresolin 8 mesi fa su fb
Vorrei farvi notare che l'articolo specifica che l'età non conta, a contare sono le possibilità di successo nell'intraprendere cure che sono anche dolorose: avete mai provato ad essere intubati? Sedati? Punzecchiati e rigirati? Fareste affrontare a vostro nonno 90enne che vive in casa anziani da anni, con demenza e una sfilza di altre patologie, il dolore di un intubazione? Di un lavaggio bronchiale? O semplicemente gli dareste un bel bacio in fonte e lo salutereste assicurandogli le migliori cure di confort verso il fine della vita? È questo che si chiede, di non accanirsi e di fare una selezione rispetto a ciò, e probabilmente è quello che chiederebbe anche il nonno.
Ringo Boxe 8 mesi fa su fb
andiamo h guardare delle normative mondiali delle pandemie ......molti articoli incredibili .......ma nussuna democrazia sta rispettando .....sara forse la fine delle democrazieeee............
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
In Italia hanno il sistema sanitario migliore al mondo-universo e di più e sono nella m.....in Francia hanno il sistema sanitario migliore al mondo-universo e sono nella m ancora più dell'Italia, noi abbiamo il sistema sanitario che abbiamo (migliore o meno proprio non me ne importa) e siamo nella m pure noi....! Siamo tutti nella m.....
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
@Martina Verzasconi Baronchelli; è da quando abbiamo tecnologie talmente avanzate che purtroppo teniamo in "vita" (ma che vita?) anche i morti. Forse è meglio per tutti se ritorniamo a un fine vita più naturale, senza assurdi accanimenti terapeutici.
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
Già per una persona giovane e in salute riprendersi da una doppia polmonite di questo tipo è un calvario e ci vuole un sacco di tempo, e comunque avranno delle conseguenze a vita. Figuriamoci per una persona molto anziana con tante patologie già in corso. Non è solo una questione di scelta tragica, è anche una questione di umanità, vuol dire infliggere sofferenze inutili. E sia chiaro che parlo solo di persone già fortemente disabilitate.
Matarise Teresa 8 mesi fa su fb
Io vorrei sapere e grazie a chi mi risponde se ti fanno tampone cassa malati lo paga??
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
@Lorenzo Negretti; non è questione di meglio o peggio, la situazione purtroppo è la stessa mi pare. Sia in Italia che, purtroppo, qui ci sarà da decidere delle priorità.
Pamela Paga 8 mesi fa su fb
Non ho parole Ticinesi
Marta 8 mesi fa su tio
Vergogna alle casse malati miliardarie e assassine! con tutti i soldi che si prendono dalle nostre tasche a fronte di cosa? la prima cosa che hanno detto è che non intendono pagare i tamponi (180.- fr ca.!).. spero che appena termina questo virus i politici cambino rotta!!
Zico 8 mesi fa su tio
@Marta magari se li prendono paer pagare chi sta peggio di noi e per quelli ricoverati in ospedale? per i medicamenti? per salvare vite umane. prima di dare degli assassini alle casse malati attacca il cervello. i tamponi a disposizione non sono 7 milioni come gli abitanti della CH. e se per quest'anno non sei ancora andata dal medico guarda che i 180. fr sono in franchigia quindi non lo pagherebbero in maniera.
Lorenzo Negretti 8 mesi fa su fb
Vorrei porre una domanda agli amici d'oltre frontiera,sono italiano:siccome qui ci si lamenta spesso e non poco,a vostro avviso è meglio il sistema sanitario italiano o quello svizzero? Sottolineo che la domanda non è provocatoria. Grazie.
Marco Galati 8 mesi fa su fb
Lorenzo Negretti Sono italiano, sono nato e vivo da sempre in Svizzera. Quello che mi sorprende in questo caso in Italia è l'unità. Sorprende che stanziano soldi, sorprende che aprono ospedali. I posti letto nella terapia intensiva in tutto il mondo non sono concepiti per una cosa simile. Non fa senso tenere per esempio 10'000 posti e usarli non so ogni 20 anni per una eccezzione. Anche i macchinari vengono modernizzati e non credo che con quelli stravecchi salverebbero più vite. Spero e mi auguro che dopo tutto questo l'Italia ne può aproffittare e rimanga unità come adesso.
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Marco Galati esatto, ma tanti pensano che i posti in ospedale debbano essere infiniti
Giuseppe Di Santo 8 mesi fa su fb
La sanità è molto meglio in Italia con dottori eccellenti che tutto il mondo ci invidia. Purtroppo ci sono parecchie strutture ospedaliere in Italia carenti
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
La varietà e l'eccellenza italiana in campo medico non eguaglieranno mai la scelta Svizzera. Con tutto il rispetto. Contando che se anche paghi il ticket, spedi comunque meno che in Svizzera. È una questione di franchigia, che in genere se sei giovane e con pochi acciacchi, la fai alta. Viene da sé che anche se ho un'assicurazione svizzera, da cittadina italiana mi conviene pagare il ticket in Italia
Lorenzo Negretti 8 mesi fa su fb
B Rietto Bi quindi lei può usufruire di ambedue i sistemi?
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
Tutti possono usufruire del sistema italiano, per capirci: analisi del sangue di routine in ente convenzionato in Italia: 50 euro. Se vuoi farle con il pubblico, poco meno. Analisi del sangue in Svizzera con assicurazione: 150 fr.
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
Anche tu Lorenzo , puoi usufruirne.
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
Si apre poi un altro capitolo con i permessi e la sanità, se proprio vuoi saperla tutta. Ma questa è un'altra storia.
Lorenzo Negretti 8 mesi fa su fb
B Rietto Bi ma io sono italiano...😊
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
Per chiudere con il fatto che tutto cambia se hai una cittadinanza che fa parte della comunità Europea... Il discorso è veramente ampio, contando che la Svizzera non ne fa parte.
Lorenzo Negretti 8 mesi fa su fb
B Rietto Bi ok,la ringrazio...
Tiziana Cambrosio 8 mesi fa su fb
Lorenzo Negretti Buongiorno sig. Negretti. Chi è cittadino italiano, residente in Svizzera (domicilio), non ha diritto alla sanità pubblica italiana. Solo privatamente (a pagamento). Ho ascoltato personalmente un impiegato allo sportello ASL, che spiegava questo, a un cittadino italiano, residente a Lugano. Solo i cittadini di Campione d’Italia, (stranamente), hanno 2 opzioni.
Tiziana Cambrosio 8 mesi fa su fb
Lorenzo Negretti Se lei è domiciliato in Svizzera, non può usufruire del sistema sanitario pubblico italiano. Solo privatamente (a pagamento ).
Christian E Monica Sulmoni 8 mesi fa su fb
Sarà anche una scelta obbligata certo... ma sicuramente non condivisibile... ci crediamo i migliori al mondo e ci è stato detto che eravamo pronti ed atrezzati... Questo fino a pochi giorni fa... Se lo sforzo dei politici è questo... se il loro essere pronti è questo... siamo messi male.... le strutture sono già al collasso... dipendiamo dal frontalierato che dobbiamo ringraziare... medici infermieri... sanitari protezione civile ecc... fanno il possibile.... I politici....? Tante parole... ma i fatti dove sono... non ho sentito nessuno dire stiamo cercando di acquistare materiale per aumentare i posti... (aver concentrato i ricoveri in due strutture non significa aver aumentato i posti...) No la soluzione più semplice è scegliere chi tentare di salvare e chi far morire.... Anziani che hanno dato l'anima per il nostro paese... oggi rovinato dai nostri politici... Le nostre cassa malati? Silenzio... se non dire che non vogliono pagare i tamponi e che la spesa cresce...(prepariamoci ad aumenti vertiginosi per non aver avuto nulla in cambio) E i miliardi di riserva per questi momenti? Non usateli... per cercare di salvare più vite possibili... lasciamoli morire i nostri anziani.. anche se vi hanno pagato profumatamente per una vita. Bravi tutti a voltare le spalle.... vergognatevi. Adesso spiegatelo ai vostri cari che se si ammalano staccherete loro la spina... saranno fieri di voi cari politici..(ma sicuramente non capiterà perché voi avrete sempre corsie preferenziali) Bene quando vi alzate al mattino e vi guardate allo specchio.... sputatevi addosso e prendetevi a sberle. E noi cerchiamo di restare a casa... che per i nostri politici possiamo anche morire....
Escavo Ovacse 8 mesi fa su fb
In Cina hanno costruito ospedali in pochi giorni, in Italia é in previsione ... Abbiamo Centro Esposizioni vuoti ... Quindi con l'esercito si deve intervenire - ma escludendo chi é/era contro l'esercito - e si fanno ulteriori posti!!!
Энтони Демарки 8 mesi fa su fb
Troppo oneroso, secondo gli specialisti è meglio "eliminare" i vecchietti (che occupano posti letto nelle cure intense a scapito dei più giovani) in partenza: sei affetto da coronavirus, rimani a casa tua in quarantena e comincia a pregare il Signore.
Escavo Ovacse 8 mesi fa su fb
Энтони Демарки , vediamo quando saranno 'toccati' questi specialist e politici!!!
Marta 8 mesi fa su tio
Pensando a quanto siamo dipendenti dalla Cina: la globalizzazione ora, almeno una volta, potrebbe mostrarsi positivamente e soccorrere dove c'è bisogno.
Patrizia Dileo Cilindro 8 mesi fa su fb
Però i loro soldi con tasse.. Casse malattia e imposte varie ve li siete presi da loro come da chiunque altro. 😡
Lylyanna Voda 8 mesi fa su fb
Come hanno fatto a Napoli..🤔🤔
Marta 8 mesi fa su tio
..ma non potremmo chiedere aiuto alla Cina di inviarci respiratori e varie attrezzature mancanti? in Italia qualcosa hanno fatto e stanno facendo..
BIA13 8 mesi fa su tio
Dopo pochi giorni c’è già la resa? Complimenti! Prendete i soldi che vi abbiamo dato fino ad oggi e create un sistema per curare più persone possibili!!!! Vergognatevi a fare comunicazioni del genere dopo soli pochi giorni! Svegliarsi e lottare fino alla fine! Tutti subito in quarantena a casa per bloccare almeno il contagio!
Franco Bosia 8 mesi fa su fb
Non ho ancora sentito se da parte delle nostre ricche Casse Malattia verranno stanziati fondi per sopperire alla prevista mancanza di apparecchi e materiali necessari per le cure
Patrizia Dileo Cilindro 8 mesi fa su fb
Franco Bosia già. Però i premi li esigono regolarmente.
Linda Panzeri 8 mesi fa su fb
Franco Bosia incominciamo a non pagare i premi ed esigiamo spiegazioni sulla Mala gestione attuale....
Mariangela Delco 8 mesi fa su fb
È da un Po che la politica ha cambiato il sistema negli ospedali portando allo stres tutto il personale e ora da questi che ora li chiamano angeli pretendono i miracoli loro sono angeli voi (Non so cosa dire )
Ombretta Di Cosmo 8 mesi fa su fb
Mariangela Delco voi chi????
Tommaso Lucarelli 8 mesi fa su fb
Manca poco 🤮
Martina Verzasconi Baronchelli 8 mesi fa su fb
Da quando ci siamo accaparrati il diritto di decidere chi ha il diritto di vivere vive e chi di morire? L'etica questa sconosciuta. I nostri politici invece di fare finte promesse elettorali è meglio che si togliersi la paglia dal sedere e riformare queste casse malati e il sistema degli ospedali, perchè è chiaro per tutti che così non funziona!
Charlotte Queen 8 mesi fa su fb
Che vergogna non sono stati protetti quando andava fatto! Adesso lasciamoli morire ⚰️
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
Ci sono persone di 90 anni che sicuramente possono superare anche questa rogna tremenda, ma ci sono anche persone di 80 anni che purtroppo stanno già talmente male già adesso che sarebbe un'inutile sofferenza intubarle e spera in chissà quale impossibile miracolo. Penso, e spero, si intenda solo questo.
Zico 8 mesi fa su tio
@Naike Romeo-The Prince of Wales chiaro che si intende questo! ma ci sono persone disposte a dare la loro vita pur di vederne uno intubato che poi alla fine muore. questo a blabla. se non ci sono i posti non ci sono, qualcuno purtroppo deve prendere le decisioni. sono felice di non doverle prenderle io!
Naike Romeo-The Prince of Wales 8 mesi fa su tio
@Zico Certo che non sono decisioni facili, ma purtroppo ci sono persone, anziane o meno, tenute in vita per un filo e magari in condizioni nemmeno tanto "umane". Se si parla di questo non vedo tutto questo scatenarsi contro una logica che in fondo è anche umana.
Zico 8 mesi fa su tio
@Naike Romeo-The Prince of Wales appunto, ma qui nel blog i professori abbondano, vorrebbero 7 milioni di posti letto, 7 milioni di tamponi, 7 milioni di respiratori...e via dicendo
Snowwhite 8 mesi fa su tio
@Naike Romeo-The Prince of Wales Completamente d'accordo. Per quanto possa sembrar triste, è questione di umanità (e di emergenza e di situazione pandemica eccezionale. Inoltre qui si parla solo di intubare o no. Immagino che le cure palliative per soffrire il meno possibile durante i loro ultimi momenti, vengano sicuramente attuate.
Orso 8 mesi fa su tio
Hanno semplicemente detto: non abbiamo piu letti! Inutile intubare una persona che sicuramente morirà lo stesso e occuperà il posto per 20 giorni togliendolo a qualcuno che invece riuscirà a vivere. Forse qualcuno di voi non ha ben compreso l’emergenza in cui siamo. E mi rivolgo a tutti quelli che stanno uscendo, che lasciano i bambini ai nonni o a quelli che fanno la soesa in posti affollati stando a 10 cm uno dall’altro. E lo dico anche a quelli che fanno le cene a casa tra amici o a quelli anziani che stanno vicini vicini a parlare in gruppo. Queste persone non hanno capito la gravità della cosa
Orsettina 8 mesi fa su tio
@Orso D’accordissimo IN TUTTO!!!!
Rosy Lia 8 mesi fa su fb
Dopo aver letto questo mi sale un dubbio...ma non è che il corona virus è stato fatto in laboratorio in Cina per eliminare un po' di persone . E da noi forse per eliminare persone in AVS e AI visto che non rendono eliminiano
Massimiliano Tringali 8 mesi fa su fb
Rosy Lia il suo dubbio e anche il mio e mi sa che e reale
Paolo Longoni 8 mesi fa su fb
Tutto quadra, insomma.
Patrizia Dileo Cilindro 8 mesi fa su fb
Rosy Lia questa teoria gira già da un po. 👍
Laura Carlino 8 mesi fa su fb
Mi piace credere che sia la natura a metterci in ginocchio! Del resto i potenti del mondo non è che siano proprio dei ragazzini...
Nora Rossi 8 mesi fa su fb
Direi che è il minimo. C’è già un accanimento mostruoso sia nelle cpa che nei reparti ospedalieri, nelle situazioni di normalità. Questo non è il momento di accanirsi su anziani che devono essere tenuti in vita con ogni mezzo possibile.
Tiziana Meregalli 8 mesi fa su fb
La nostra sanità sta facendo di tutto e di più, ma purtroppo questa è la situazione in cui tutto il mondo si trova. Invece di polemizzare state a casa e rispettate le regole !!!!!
Kim Fornasier 8 mesi fa su fb
Tiziana Meregalli l'unico commento sensato
Fabio Magnacavallo 8 mesi fa su fb
Qua da me sembra zona di villeggiatura, chi passeggia, chi va in bici, chi prende il sole.... 😖
Tiziana Meregalli 8 mesi fa su fb
Fabio Magnacavallo probabilmente si dovranno prendere altre decisioni !!!
Fabio Magnacavallo 8 mesi fa su fb
Tiziana Meregalli eh ma dopo danno del fascista 😅
Daniel Ebbasta 8 mesi fa su fb
Fabio Magnacavallo Giustamente.
Giuseppe Di Santo 8 mesi fa su fb
Il tampone in Svizzera viene fatto quando sei morto perché se chiami al numero verde e dici che hai febbre alta e tosse ti dicono di andare all’ospedale.Siete indietro anni luce cari miei Svizzeri e fate credere al mondo di essere uno scalino sopra gli altri. Vergogna
Tiziana Meregalli 8 mesi fa su fb
Giuseppe Di Santo io ho fiducia nella nostra sanità !!!
Giuseppe Di Santo 8 mesi fa su fb
Io no buona serata
Biagio Grecomoro 8 mesi fa su fb
Se fosse vero.... E le imposte, il diritto alla salute, i premi di cassa malati...? Aiuto
Tiziano Rolando 8 mesi fa su fb
Il picco sarà tra 2 settimane e già ora fanno limitazioni di degenza. Altro che da scandalizzarsi ! Donazioni dai tanti ricconi in circolazione ....per preparare altre strutture .? pochi . Molto perplesso 🤔
Luca Civelli 8 mesi fa su fb
Tiziano Rolando se non le fanno volontariamente si potrebbe procedere ad un prelievo eccezionale dai conti dei mille o diecimila più ricchi della Svizzera.
Afra Nannini 8 mesi fa su fb
Tiziano Rolando siamo sicuri che il picco è tra due settimane? Speriamo...
Tiziano Rolando 8 mesi fa su fb
Considerando che la gente ha iniziato a stare + attenta in questi giorni, si può presumere 2 settimane.
Siri Dayana 8 mesi fa su fb
Avete capito com'è la sanità in Svizzera????
Patrick Gioia 8 mesi fa su fb
Io ho visto un video che vi farà pensare: https://www.facebook.com/475307642655357/posts/1345718888947557/
Bruno Ismael Pereira 8 mesi fa su fb
Questa è la realtà attuale... Quindi se ti ammali all'interno di una di queste case saprete cosa soccederà. Io me lo imagino già.
Marcella Stellato 8 mesi fa su fb
È’ vergognoso anche che fanno i tamponi solo alle persone che hanno più di 65 anni... non ho parole...😡😡😡
Silvia Soncin 8 mesi fa su fb
Non stupitevi, è così dappertutto, anche in Italia, anche se qui si stanno sbattendo in mille modi per aumentare i posti, per non dover scegliere chi salvare e chi lasciare indietro . era stato detto "il tasso di mortalità del covid19 è basso, ma è un virus sconosciuto e altamente contagioso, la paura è che i sistemi sanitari collassino e non si possano garantire le cure per tutti" . invece no, la gente tutta ai carnevali, agli aperitivi a ballare, feste nei parchi giochi con mamme e bambini...e ancora adesso c'è chi non si rassegna..e niente, questo è il risultato purtroppo.. Sarà molto lunga la faccenda. Stiamo a casa.
Rosy Lia 8 mesi fa su fb
Ok allora perché pagare la cassa malati se superi i 65 anni tanto sei un paziente di serie b. Forse se sei ricco le cose cambiano che sconceria
Patrizia Dileo Cilindro 8 mesi fa su fb
Rosy Lia concordo. I premi le casse li chiedono anche a loro.. Però diventano di serie B.
Livio Zanetti 8 mesi fa su fb
È vergognoso che in Ticino si proceda a un’eutanasia con chi ha poche chances di sopravvivere. Svegliatevi piuttosto a creare altri posti letto per le cure intense o ad organizzare trasferimenti in Svizzera tedesca. O queste misure costano troppo? 😡
Livio Zanetti 8 mesi fa su fb
Con questa “prassi” da medicina di guerra non mi sorprende che il Ticino (511 contagi) abbia quasi la metà dei decessi della Svizzera che registra 3028 casi.
Rosy Lia 8 mesi fa su fb
Sono costernata si paga una vita per la sanità e quando l hai bisogno ti fanno morire per non farti soffrire 😥 che schifo
Rino Vitolo 8 mesi fa su fb
Fate schifo
Annamaria Cocozza 8 mesi fa su fb
vergognoso! In lombardia sono state attrezzate terapie intensive in ogni angolo possibile, sono stati acquistati macchinari, sono stati donati soldi da ogni dove per garantire a tutti le cure necessarie. Si a tutti perché anche una persona anziana ha il diritto di essere curata come un giovane, questo il mio punto di vista! Una settimana fa nessuna misura dal governo e adesso a distanza di una decina di giorni ci troviamo a sentire queste notizie.. E ancora aspettiamo ad imporre misure più restrittive! !
Elisabetta Pezze 8 mesi fa su fb
Annamaria Cocozza in Italia x carenze di letti in terintensiva fanno scelte di qsto tipo da sempre. In casi specifici i medici li accompagnano con le terapie x terminali. Perché le risorse spno limitate da sempre.
Dany Pellegrini 8 mesi fa su fb
Elisabetta Pezze non è vero!
Pasquale Grillo 8 mesi fa su fb
Dany Pellegrini già hanno iniziato a selezionare per età in italia
Myriam Tognetti 8 mesi fa su fb
Pasquale Grillo non è esatto.Da 2 settimane Primari Bergamo, Cremona ecc. spiegano che a causa della carenza di respiratori si è obbligati a scegliere di salvare chi ha il quadro clinico messo meno peggio.. Non rischiano di perdere una vita che può sopravvivere accanendosi su chi non ha possibilità di farcela. Questa è la cruda verità. È ora di svegliarsi.
Myriam Tognetti 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato Da 2 settimane Primari Bergamo, Cremona ecc. spiegano che a causa della carenza di respiratori si è obbligati a scegliere di salvare chi ha il quadro clinico messo meno peggio.. Non rischiano di perdere una vita che può sopravvivere accanendosi su chi non ha possibilità di farcela. Questa è la cruda verità. È ora di svegliarsi.
Pasquale Grillo 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti mi sono espresso male, ma è quello che intendevo, devono scegliere a malincuore
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti ,come ho già detto il tutto è dovuto alla grande mole di ricoverati di questi giorni!! In condizioni normali il numero dei posti letto di terapia intensiva in Lombardi è di gran lunga superiore al fabbisogno comune!! Ora siamo in una situazione di emergenza e purtroppo il diffondersi veloce della malattia a provocato un abnorme aumento delle ospedalizzazioni. Spero di aver chiarito.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti , faccio inoltre presente che la sola Lombardia aveva ad inizio epidemia più posti letto in terapia intensiva )circa 900)di quanti ce ne siano nell'intera Svizzera! (Circa 850)
Pasquale Grillo 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato la Popolazione in Lombardia è anche il doppio dell intera Svizzera
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Pasquale Grillo , in Svizzera ci sono circa 8,5milioni di persone, in Lombardia 10milioni, non direi il doppio!!! A me non interessa paragonare i due paesi, ma avvertire del fatto che se questo virus è riuscito a mettere in crisi il sistema sanitario Lombardo, non è per niente da prendere sottogamba.
Pasquale Grillo 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato 850 sono i posti con respiratori senza contare quelli dell esercito, in situazione non critica come ora i posti in terapia intensiva in CH, nella norma, sono 1200
Maurizio Zanta 8 mesi fa su fb
Pasquale Grillo non e’ vero qui in Italia siamo al collasso in Lombardia ma nessuno fa’ selezioni
Marco Galati 8 mesi fa su fb
Elisabetta Pezze Forse leggi troppi fumetti...
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Pasquale Grillo , buon per voi!! Noi per fortuna abbiamo potuto trasferire i degenti in più negli ospedali delle regioni limitrofe ( Piemonte, Veneto, Emilia Romagna) così da sovraccaricare meno quelli lombardi. Alcuni ospedali si sono già attrezzati costruendo nuovi padiglioni dedicati (San Raffaele) ed è allo studio la costruzione di un presidio temporaneo in fiera Milano.
Maurizio Zanta 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti era una bufala non e’ vero che scelgono
Steve Brögia 8 mesi fa su fb
Annamaria Cocozza non voglio fare polemica ma in realtà in Lombardia stanno già decidendo chi curare e chi no. Soprattutto nella zona di Bergamo
Steve Brögia 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato beh siamo 2 milioni in meno dei lombardi..
Steve Brögia 8 mesi fa su fb
Maurizio Zanta nel bergamasco dicono di sì
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Steve Brögia , pecchiamo anche in matematica? 1,5mln su 10!! Cmq rileggetevi i commenti sopra. Se questo virus fa tremare il servizio sanitario Lombardo (che peraltro è totalmente gratuito per tutti gli italiani), non c'è per niente da scherzare! Ne in Svizzera ne in Francia ne in Germania ecc.! C'è chi faceva lo splendido nelle scorse settimane minimizzando i rischi! Ora si ritrovano decine di migliaia di contagi nei paesi e tutto bloccato esattamente come qui!!! Siate accorti visto che almeno voi potete contare sull'esperienza fatta da Cina e Italia.
Myriam Tognetti 8 mesi fa su fb
Maurizio Zanta sveglia..
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato non è gratuito, le imposte dirette sono piu' alte in italia, e in svizzera il debito pubblico è pochissimo.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Luca Riboni ,cosa c'entra! In Italia ogni cittadino può accedere a tutte le cure di cui necessità per il tempo di cui necessità senza praticamene dover sborsare alcunché! In altri paesi non è così, vedi USA, (se non hai una assicurazione che ti copre un ricovero son dolori) Es: noi i tamponi per diagnosticare il COVID NON li Paghiamo, in Svizzera ad esempio ,leggevo, che le varie casse malati non lo passano ed è a carico del cittadino! Non so se possono decidere anche quali cure passare o no a seconda del tipo di cassa ,perché se non dovessero essere comprese le cure di terapia intensiva è un grosso guaio!
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato no, ci sono i ticket in italia, le tasse sono piu' alte e lo stato ha tanti debiti, e in prospettiva non potra' garantire questi livelli di sanita'
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Luca Riboni , i ticket sono un' integrazione che varia in base al reddito ma sono di norma una cavolata! Le cure sono GRATUITE per tutti i cittadini che vi piaccia o no! Ripeto non so se in Svizzera tutti i cittadini possono avere accesso allo stesso tipo di cure, se non è così potrebbe essere un grosso problema.
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato non sono gratuite, ci sono i ticket , anche 66 euro (77 franchi circa), non propriamente cavolate.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Luca Riboni ,ripeto i ticket VARIANO in base al reddito!! Se una persona non ha reddito NON pagherebbe assolutamente NIENTE es avrebbe accesso a qualunque tipo di cura per tutto il tempo che necessita!
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato e quindi paga lo stato, i contribuenti......e il debito pubblico aumenta fino a quando crollera' tutto....vedi argentina, grecia, venezuela.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Si vengono pagate dallo stato per TUTTI! Sul fatto se sia giusto o sbagliati, meglio o peggio non era l'argomento di questa discussione! Ripeto che spero vivamente che tutti gli Svizzeri possano avere accesso alle cure del caso, perché se non è così ,credetemi, sarà veramente dura.
Maurizio Zanta 8 mesi fa su fb
Luca Riboni a noi con la sanità che abbiamo in Italia/nord Italia non ci batte nessuno anche se abbiamo il debito pubblico alto ✌️
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Maurizio Zanta è vero ma il debito pubblico italiano distruggera' anche noi lombardi.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Luca Riboni , ma almeno ti puoi curare!
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato fino a quando non crollera' tutto, si....comunque il sistema migliore è quello austriaco, una cassa malati unica e che costa relativamente poco.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Luca Riboni , buon per loro!
Giuseppe Di Santo 8 mesi fa su fb
In Svizzera ci faranno morire non ha niente a che vedere con l’Italia. Dovrebbe prendere esempio purtroppo è una nazione che conta solo fare soldi
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Elisabetta Pezze non diciamo stupidate, i posti in terapia intensiva a Milano ci sono ancora, essendo furbi e avendo deciso di staccarsi da Roma, visto le pessime previsioni si organizzano, hanno chiamato Bertolaso e con le donazioni d’imprenditori Lombardi costruiscono in tempi record un ospedale nella vecchia fiera
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Pasquale Grillo ma non dite cretinate!
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti ma la finite di dire idiozie? Sino fake news messe in internet da qualche squilibrato e i medici hanno spiegato più e più volte che per ora i posti in terapia intensiva non mancano e non fanno alcuna scelta!
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Steve Brögia ecco non faccia polemica ed evitate di spararle.
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Steve Brögia nel bergamasco vengono portati a Milano o in altre regioni, a nessuno viene negata la terapia intensiva
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato ha presente la tassazione? Ecco in Italia la sanità si paga nella tassazione in base al reddito
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato allora spieghiamo bene, in Italia la sanità la paghi nelle tasse o in busta paga in base al reddito, non è gratuita, certo è che se non hai soldi e non paghi le tasse non ti lasciano morire in mezzo alla strada
Milano Milano 8 mesi fa su fb
Maurizio Zanta certamente il debito pubblico alto non c’è l’ha Lombardia o Veneto
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Milano Milano , giusto, ho omesso perché per me è la normalità, vivendo e lavorando in Italia, ma hai fatto benissimo a precisare.
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
Elisabetta Pezze ma non generalizzi così . Quello che lei millanta non è assolutamente vero. Per piacere.
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato per l'esattezza i posti erano 5 e 100 e con i fondi se ne costruiranno altrettanti.
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
L'allarme reale è a Bergamo e Brescia, è li che andranno i macchinari e l'attrezzatura .
B Rietto Bi 8 mesi fa su fb
E comunque, scusate ma la sanità pubblica in Italia fa miracoli che nemmeno ve lo immaginate. E c'ho lavorato.
Pasquale Grillo 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato diritto alla salute c è in CH, mi spiace abbia sentito male, si paga ma c è
Myriam Tognetti 8 mesi fa su fb
Milano Milano le idiozie le sta dicendo lei, io non mi baso su fake di FB ma su interviste in TV fatte di persona da questi primari. Ammiro la sua tranquillità, ma comunque le faccio i miei auguri.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
B Rietto Bi ,lo so bene, a parere mio è tra le migliori al mondo, almeno qui il Lombardia.
Josy Massa 8 mesi fa su fb
Annamaria Cocozza si ma non è abbastanza per tutti. Ci sono troppi contagi e gli ospedali sono al collasso
Greta Nava 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti con la differenza che in Italia si sono dannati l'anima prima di subito per contenere il Covid-19, cosa che al di qua del confine non é invece stato fatto, se non da un'improvvisa svegliata da appena due giorni orsono.
Cristina Cellina 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti in realtà stanno dicendo che pur mettendo i ricoverati nei corridoi, nessuno è lasciato morire. La maggior parte a Bergamo muore in casa.
Steve Brögia 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato sono pienamente d'accordo con te era sul numero dei posti letto in cure che non capivo la tua affermazione perché sono praticamente gli stessi della Lombardia ma siamo di meno. Tra l'altro in Ticino nel giro di pochi giorni abbiamo raddoppiato i posti di cure intensive con respiratori. Una cosa così è fattibile a livello nazionale se ce l'abbiamo fatta qui. Quindi diventerebbero quasi 2000 posti per 8.5 milioni. Da prendere con le pinze questi numeri
Cosimo Apicella 8 mesi fa su fb
Steve Brögia il problema è che bisogna bloccare tutto per riuscire a contenere i contagi. Anche la Germania che ha 28000 posti di intensiva ( ed è largamente ben oltre la media europea per popolazione) ha intenzione di raddoppiarli. L'unica soluzione è arginare i contagi. Piccolo calcolo facile. Tutti finora ha detto che senza le dovute restrizioni si infetterà tra il 60 e l'80% della popolazione. Il 60% di 8,5 milioni è circa 5 milioni. Se di questi 5 milioni, solo un 10% sarebbe infetto contemporaneamente (e sembra che chi necessita dell'intensiva ne abbia bisogno per un periodo dalle 2 alle 3 settimane, quindi una degenza relativamente lunga), sarebbero cmq 500'000 infetti. E se di questi 500'000 infetti circa il 10% come sembra necessiterebbe dell'intensiva, ci sarebbe cmq bisogno di 50'000 posti in intensiva. numeri inequivocabilmente irraggiungibili in poche settimane o qualche mese in Svizzera, come sarebbero irraggiungibili in qualsiasi paese al mondo. Quindi in conclusione è giusto aumentare il più possibile i posti letto. È giusto recrutare più personale possibile,mA l'unica soluzione possibile per permettere a tutti di usufruire del sistema sanitario è bloccare il contagio, ovunque tu viva..Italia, Svizzera, spagna e così via
Alessandro Bigi 8 mesi fa su fb
Elisabetta Pezze in Italia ancora oggi nessuno è lasciato morire. Nessuno! In Italia tutte le volte che si avvicina questo rischio per mancanza di risorse qualcuno le crea. Dai singoli cittadini con il loro lavoro ai milionari con donazioni di decine di milioni di euro. In Italia oggi tutti sono curati. E la situazione è tragica
Tiziana Cambrosio 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato La Cassa Malati, a differenza degli USA, in Svizzera è un obbligo. Quindi TUTTI i cittadini hanno diritto alle cure mediche.
Matteo Belliato 8 mesi fa su fb
Tiziana Cambrosio , ma sono tutte uguali? O in base a quella che scelgo ho a disposizione cure diverse? Non conosco come funziona in Svizzera, chiedo per curiosità.
Tiziana Cambrosio 8 mesi fa su fb
Matteo Belliato C’è un premio base, che è uguale per tutte le Casse e copre le spese mediche e ospedaliere. Poi, ogni singola persona, o nucleo familiare, può scegliere (facoltativo), le cure complementari, che può servire per spese/ prestazioni straordinarie.
Steve Brögia 8 mesi fa su fb
Simona Bruno a quale affermazione ti riferisci?
Lara88 8 mesi fa su tio
Ma ci rendiamo conto che non si capisce niente?? Aziende con 350 dipendenti sono aperte e non parlo di generi di prima necessità. I medici privati devono chiudere e lo stato non aiuta. Inoltre ci sono voli per l'america latina che partono regolarmente. Ma siamo matti??????? Ma volete mettervi in testa che ognuno continua a fare quello che vuole? L'importante è mettere l'annuncio sulle radio di stare a casa. Ridicolo!!!!
Dany Pellegrini 8 mesi fa su fb
Ma siamo pazzi?????? Tutti hanno diritto a una possibilità!!!!!!!! Mia mamma 40 gg fa è. Ho dovuto insistere ma ora sta meglio di prima
Maria Conte Marrazzo 8 mesi fa su fb
😓 siamo alla frutta 🙏
MrBlack 8 mesi fa su tio
In altre parole anche se hanno il Covid-19, niente tampone e lasciateli morire in clinica. Come vanno le coscienze a Bellinzona e a Berna dopo i bellissimi discorsi degli interventi giusti al momento giusto ripetuto fino alla noia? Qualcuno in conferenza stampa ha detto che si prende le responsabilità delle decisioni prese. Quindi? Quali sono le conseguenze politiche e penali della situazione creata con decisioni sbagliate? Colpa degli altri?
Norma Jean 8 mesi fa su tio
Sì c’è, io l’ho visto quando avevo lavorato al Civico una trentina d’anni fa. Non è male, per quel che mi ricordo. Sembra un grande bunker con un sacco di spazio, ma i letti sono molto vicini, tipo militare. Chiaro che si può risistemare il tutto, ma temo che per utilizzarlo si debba avere il doppio dei sanitari...
VECCHIOTTO 8 mesi fa su tio
@Norma Jean ,sotto tutti gli ospedali, ma le apparecchiature sono quelle che si usano giornalmente. Sotto ci sono poche cose. Gli ospedali di sotto servono se crollano quelli di sopra o se arrivano le bombe
sedelin 8 mesi fa su tio
finalmente si comincia a capire che l'accanimento terapeutico é contro natura!
pardo54 8 mesi fa su tio
@sedelin Ma che cavolo dici? Un conto è l’accanimento terapeutico, un conto è il diritto alle cure indipendentemente dall’età.
sedelin 8 mesi fa su tio
@pardo54 é scritto in grassetto anche nell'articolo e io dico il cavolo che voglio.
Maria Antonietta Costantini 8 mesi fa su fb
Ma di cosa vi stupite? In tutto il mondo è e sarà così.... Dovranno scegliere tra la vita e la morte...
Barbara Trippel 8 mesi fa su fb
A che livello siamo arrivati !!!! 😢😢
Bandito976 8 mesi fa su tio
State a casa. Ancora oggi troppa gente in giro a pascolare con la propria carrozzina di latta. STATE A CASA!!!
Luca Civelli 8 mesi fa su fb
Mi sembra logico! In molti casi è molto più umano un accompagnamento dolce verso la fine che un accanimento terapeutico per rinviare un evento ,del tutto naturale ,di pochi mesi . Il discorso secondo me non vale solo ora in tempo di corona virus. La vita si conclude con la morte da che mondo è mondo,forse ce ne eravamo dimenticati.
Denise Farina 8 mesi fa su fb
Luca Civelli appunto!Lavoro in una casa di cura e con le direttive anticipate obbligatorie ogni ospite ha già deciso come essere curato in caso di aggravamento di salute....Anche per me è logico perché lavoro nel sanitario ma rispetto qualsiasi pensiero.
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Denise Farina la maggior parte delle persone neanche sanno cosa sono le direttive anticipate, appunto bisogna esserci dentro x saperlo, uno strumento utilissimo
Denise Farina 8 mesi fa su fb
Anthina Agostini e vero....appunto...per questo motivo capisco e accetto i commenti altrui.
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Denise Farina molti commenti sono inaccettabili xchè i medici non stanno giocando, andrebbe fatto capire ma con molti la vedrei dura la cosa 🥴
Myriam Tognetti 8 mesi fa su fb
Quando si dice "vivere nel proprio mondo di fiaba", ora finalmente molti si sveglieranno..
Paolo Longoni 8 mesi fa su fb
Luca Civelli facciamo che prima, però, i tuoi di parenti anziani. Per i miei, preferirei (e credo proprio anche loro), che si lottasse fino alla fine, indipendentemente da una proiezione (che può essere fallace) sul risultato delle terapie.
Myriam Tognetti 8 mesi fa su fb
Infatti. Da 2 settimane Primari Bergamo, Cremona ecc. spiegano che a causa della carenza di respiratori si è obbligati a scegliere di salvare chi ha il quadro clinico messo meno peggio.. Non rischiano di perdere una vita che può sopravvivere accanendosi su chi non ha possibilità di farcela. Questa è la cruda verità. È ora di svegliarsi.
Lau Bernaschina 8 mesi fa su fb
Luca Civelli mi rallegro nel leggere che al mondo c'è ancora qualcuno con un po' di buon senso. 🤗
Escavo Ovacse 8 mesi fa su fb
Luca Civelli , tanti dei suoi commenti non condivido/evo, ma questo sì. Noi veniamo al mondo per morire!!!
Escavo Ovacse 8 mesi fa su fb
Paolo Longoni , io ho fatto queste esperienze!!! Non si fa soffrire inutilmente!!! La morte può essere la soluzione migliore per chi parte che dover soffrire attaccati alle macchine ed/o sedati!!!
Loris Ratti 8 mesi fa su fb
Anthina Agostini sono i medici che devono spiegare alle famiglie cosa vuol dire
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Loris Ratti cosa vuol dire cosa?
Loris Ratti 8 mesi fa su fb
Anthina Agostini sto parlando delle direttive anticipate sono i medici che devono spiegare ai parenti
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Loris Ratti alcuni lo fanno... da noi a domicilio oserei quasi dire che è prassi chiedere se le hanno fatte e se le vogliono fare
Loris Ratti 8 mesi fa su fb
Anthina Agostini io lavoro in ambulanza e ne troviamo ancora tanti di casi
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Loris Ratti sai a volte non sono pronti a decidere, certo è che se ognuno le facesse si semplificherebbero molte cose
Loris Ratti 8 mesi fa su fb
Anthina Agostini si lo so ma purtroppo è così
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Loris Ratti già... poi in un momento delicato come questo, lo stress è altissimo
Cristina Cellina 8 mesi fa su fb
Myriam Tognetti basta con questa storia. Lei di Bergamo non sa nulla. Siamo al collasso, la maggior parte muore in casa ma nessuno, nessuno viene lasciato senza cure. A costo di riqualificare edifici per farne reparti e usare i corridoi.
Luana Jelmolini 8 mesi fa su fb
Ma davvero vi stupite? I casi aumentano, anche quelli gravi, era prevedibile che si arrivasse a fare “una scelta” di chi curare. Si tiene il letto libero, in modo che possa essere occupato da un soggetto più sano o più giovane. Domani sarà sempre peggio, ecco perché vanno RISPETTATE le direttive e bisogna ricordarsi che NON siamo in vacanza. Perché domani potremmo essere noi, quelli lasciati senza cure, a causa del sovraffollamento delle strutture ospedaliere.
Andy Baum 8 mesi fa su fb
esatto e come cure vale anche se fai un infarto o hai un altro qualsiasi problema di salute
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Luana Jelmolini poi era già stato detto ma nessuno ascolta.
Luana Jelmolini 8 mesi fa su fb
Anthina Agostini era uno scenario che Merlani (ma anche altri medici che si stanno occupando dell’emergenza) ha paventato e descritto più volte, infatti.
Anthina Agostini 8 mesi fa su fb
Luana Jelmolini sono tutti sordi x non dire altro.. questa è una guerra con l’unica differenza che è batteriologica, va da se’ che purtroppo si debba scegliere
Sissi Pasqualino 8 mesi fa su fb
Il problema purtroppo non è più il virus che adesso è entrato, ma le persone intelligenti, che se ascoltano le direttive, potranno salvare la pelle propria e anche quella degli altri, solidarietà ci vuole, rispetto e rigidità, solo così Se ne potrà uscire
Claudia Calaon 8 mesi fa su fb
Pessimo 😳😰
Andy Baum 8 mesi fa su fb
AVETE CAPITO A CHE PUNTO SIAMO STATE A CASA, far la spesa non vuol dire il kifer lo compro alle 9 poi alle 11,30 vado comprare il salame e alle 16,30 ops devo andare alla migros a comprare i ravioli..
Samila Zekan 8 mesi fa su fb
Adisa Salihic
Laura Bernet 8 mesi fa su fb
Dove cavolo sta il vostro giuramento come medici??? Ma state scherzando???
Leonardo Personini 8 mesi fa su fb
Guarda che funziona cosi ovunque. Se non ci sono più posti si cura chi ha più possibilità di sopravvivere. Non é che non li curano perché non ne hanno voglia.
David Michael 8 mesi fa su fb
Laura Bernet se le piace giudicare di petto, vada in prima linea anche lei, e capirà!
Pam Kim Marley 8 mesi fa su fb
Laura Bernet come pensi si possa sentire una persona che ha scelto come professione di fare il medico e ritrovarsi a scegliere chi curare e chi no?! Sono un operatrice socio sanitaria e possono dirti che il sistema sanitario rischia di collassare. Non riusciranno a curare tutti. Mica per volontà!!! Io lavoro ogni giorno con anziani e non posso neanche immaginare il peggio... Ma bisogna guardare in faccia alla realtà...
Jessica Gretener 8 mesi fa su fb
Laura Bernet Che commento ignorante.
lügan81 8 mesi fa su tio
Ma sotto il civico non c'è l'ospedale militare in caso di catastrofi?
seo56 8 mesi fa su tio
@lügan81 Penso tu abbia ragione!
VECCHIOTTO 8 mesi fa su tio
@lügan81 Non solo sotto il civico,sotto tutti gli ospedali, ma le apparecchiature sono quelle che si usano giornalmente. Sotto ci sono poche cose. Gli ospedali di sotto servono se crollano quelli di sopra
Mary Schmitz 8 mesi fa su fb
Ma!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore
«Io, lavoratore indipendente in attesa dell'IPG»
A causa della pandemia, le casse di compensazione sono confrontate con migliaia di richieste
CANTONE
8 ore
Con la pandemia, i giovani vogliono diventare infermieri
Cresce l'interesse per la relativa formazione professionale. Alla SUPSI le domande d'ammissione sono aumentate del 10%
LUGANO
8 ore
Direttrice licenziata «di comune accordo»
Sandra Castellano non guiderà più Casa Santa Elisabetta. Causa riorganizzazione
CANTONE
10 ore
Allerta meteo: «Utilizzate l'auto soltanto se necessario»
Le indicazioni della polizia in vista delle nevicate annunciate nei prossimi giorni
CANTONE
10 ore
Alla sbarra per abusi su minori: «Fatti di una gravità inaudita»
Oltre 100 gli episodi di cui si sarebbe macchiato il 77enne.
CANTONE
11 ore
Spacciatore in manette
Si tratta di un trentenne del Luganese. A casa sua sono state trovate alcune decine di grammi di cocaina
Attualità
12 ore
Ladri e borseggiatori non vanno in vacanza: scatta Prevena 2020
Anche quest'anno la polizia mette in guardia la popolazione in vista del periodo natalizio
CANTONE
15 ore
Ecco la conferma: è allerta neve
MeteoSvizzera dirama un avviso di "pericolo forte", con la fase più intensa prevista venerdì tra le 6 e le 18
SONDAGGIO
CANTONE
16 ore
Ecco la rivoluzione del trasporto pubblico
Mancano meno di due settimane al giorno X: il prossimo 13 dicembre sarà messo in esercizio il tunnel del Ceneri
CANTONE
17 ore
Covid, 270 casi e 8 decessi in Ticino
Sono 329 le persone ricoverate col Covid-19. Un dato in diminuzione per il quarto giorno consecutivo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile