Tipress
CANTONE
06.03.20 - 22:150

Il vescovo: «Ridurre i contatti non significa cedere all'individualismo»

La Curia per ridurre le occasioni di contagio aggiorna le misure destinate alle celebrazioni liturgiche

Sino al 31 marzo non si terranno cresime e feste patronali. Strette di mano e altri gesti di contatto vanno evitati anche in occasione dei funerali.

LUGANO - Sarà una quaresima a celebrazioni ridotte. Anche la Diocesi di Lugano è pronta a dare il proprio contributo per ridurre le occasioni di contagio da coronavirus. Alle misure adottate negli scorsi giorni (bandito lo scambio del segno di pace, eucarestia distribuita sulla mano e svuotamento delle acquasantiere) dal vescovo Valerio Lazzeri arrivano oggi nuove indicazioni. 

Un limite al numero di fedeli - Anche negli spazi sacri andrà rispettata la distanza minima. D’accordo i luoghi di culto non sono sempre affollati… ma ora viene messo nero su bianco che «la proporzione da rispettare potrà variare tra le 100/150 persone, assicurando il distanziamento richiesto». Prima delle nuove disposizioni del Governo, il vescovo aveva previsto anche «200/250 persone nelle chiese più grandi». Ma le attuali norme fissano il limite di 150 persone per tutte le manifestazioni.

Rinunciare alla messa se… - Il vescovo chiede inoltre a chi presenta sintomi influenzali di rinunciare agli appuntamenti liturgici sino a completa guarigione. «Incoraggio - scrive monsignore - a seguire le celebrazioni trasmesse dai vari mezzi di comunicazione, a intensificare la preghiera personale e in famiglia».

Niente strette di mano ai funerali - Anche nel momento del lutto, la stretta di mano ai congiunti e altri gesti di contatto vanno assolutamente evitati, sottolinea la Curia. Inoltre «vanno rimandate tutte le celebrazioni che possono attirare più fedeli dell’ordinario fino al 31 marzo: cresime, feste patronali, ricorrenze particolari. Del resto la quaresima che stiamo vivendo riduce già da sé tali occasioni celebrative».

Tenere conto degli altri - Queste misure non devono tuttavia per il vescovo isolare le persone: «Dobbiamo sforzarci di passare da un comportamento fondamentalmente pensato in funzione delle esigenze individuali a una vita che si lascia plasmare in maniera che l'io tenga sempre conto del noi insieme agli altri». 

Il frutto della rinuncia - Ridurre i contatti esterni, conclude monsignor Lazzeri, «non significa automaticamente cedere all'individualismo e all'autosufficienza. Può diventare l'occasione per misurare davvero quanto siano preziose e ci manchino le consuete possibilità d'incontro, di scambio e di condivisione, che tendiamo a dare per scontate».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 ore
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
8 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
CHIASSO
9 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
22 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
LOCARNO
1 gior
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
1 gior
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
1 gior
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
FOTO
CANTONE
1 gior
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
CANTONE
1 gior
«Sintomi depressivi gravi per un terzo degli studenti»
L'allarme del SISA in base ai risultati di un questionario distribuito alla Scuola cantonale di Commercio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile