Pink Baron
CAPOLAGO
27.02.20 - 06:150

Da 35 anni vola nei cieli. «Che libertà per la mia anima»

Franco Kessel vanta diverse migliaia di voli e pratica ancora oggi il parapendio

Lo fa per “staccare” ed entrare in un mondo magico che pochi hanno il privilegio di conoscere.

CAPOLAGO - Nel comitato direttore della Federazione Svizzera di Volo Libero, Franco Kessel oltre a rappresentare la regione Ticino si occupa di “sicurezza e formazione” e, a quasi sessant’anni, continua a mettere a disposizione la sua esperienza a chi sogna di volare. La sua scuola Pink Baron di Capolago contribuisce dal 1987 allo sviluppo in Ticino di questo sport affascinante.

Come è nata la sua passione per il cielo?

“Mio padre Ervino aiutava mio zio Werner a cimentarsi nelle prime evoluzioni con un aliante Zögling. Decollavano con l’elastico (tipo fionda) al Campo Marzio di Lugano e il loro pionierismo è arrivato ai rispettivi figli: a mio cugino Dario, istruttore e pilota di aviazione generale, e a me, che dal 1986 ho scelto il volo libero. Nella Svizzera italiana ci sono oggi due associazioni: il Club Volo Libero Ticino e il Team Volo Libero Monte Generoso”.

Qual è il percorso per decollare da soli?

“I primi passi si compiono su di un piccolo pendio con un dislivello esiguo. Si fanno dei voletti con un'altezza di una decina di metri e si apprendono i primi rudimenti del volo libero. In seguito si passa ad un volo biposto normalissimo, dove si impara con l’istruttore a manovrare con un dislivello importante. Per superare gli esami previsti per il brevetto federale, si ha tempo 18 mesi per la preparazione teorica (meteorologia, aerodinamica, pratica di volo, materiale e legislazione) e a livello pratico, in seno alla scuola, si devono eseguire un minimo di 50 voli distribuiti in 5 siti differenti”.

Qual è il momento più delicato di un volo?

“Sono due, ovvero quando si è più vicini al suolo, la fase di decollo e di atterraggio. Ma uno dei nemici più insidiosi resta è il panico, quando i piedi non sono per terra. Il margine di correzione è più ampio in aria, ma se predomina la “tremarella”, allora è meglio cambiare sport”.

Che velocità si toccano?

“Normalmente, un parapendio utilizzato dai principianti si attesta intorno ai 45 km/h. Questa andatura aumenta in base ai materiali, al tipo di parapendio e naturalmente all'esperienza di chi è ai comandi. Si può arrivare anche alla velocità di 65 km/h e ad oltre 100 km/h con lo speedflying. Ci sono piloti che prediligono il volo di distanza fino a stabilire record di oltre 500 km. Il cielo offre una moltitudine di varianti”.

Esiste un codice ben preciso. Quali sono i suoi punti cardine?

“Il rispetto della natura è basilare. Non solo per preservarla, ma anche saperla interpretare quando si impostano le condizioni ideali per un buon volo. Inoltre bisogna essere umili e riconoscere i propri limiti, perché troppo spesso gli sport “estremi” vengono interpretati con uno spirito di rivincita o di esibizione. Volare richiede prima di tutto pace ed equilibrio, oltre che un grande rispetto per se stessi e per gli altri. Intenzioni strampalate o eccessive preoccupazioni sono un pericolo, meglio restare a terra. Solo così sarà possibile raggiungere il massimo nel parapendio, un momento in cui il cervello si ossigena e regala al corpo un impagabile senso di libertà in fondo all'anima”.

 


Pink Baron

Ventimila tesserati in Svizzera e 500 in Ticino
Il primo parapendio specifico concepito per questo tipo di volo risale al 1985. E da 35 anni questo sport ha continuato ad evolversi, sia per materiali sia per tecniche e numero di appassionati. I piloti affiliati alla associazione mantello, la Federazione Svizzera Volo Libero, sono circa 19'000, di cui quasi 500 iscritti nei club in Ticino. E proprio in Ticino, a Capolago, ha il suo quartier generale l'esperto Franco Kessel, istruttore e esaminatore a livello federale per le discipline mono e biposto. “Quando sei in aria dimentichi tutto – sottolinea con un sorriso il titolare della scuola Pink Baron – perché sei solo con il fruscio dell'aria. Tu, la tua vela e la natura”. Il parapendio è un modo veloce per staccare dalla routine quotidiana e concedersi un momento di libertà. “Per preparare il materiale di volo ci vogliono al massimo 15 minuti. Arrivare in vetta richiede un po' più di pazienza, ma poi...”.

Pink Baron
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
L'imposta... te la raccomando
Una lettrice critica modi e tempo dell'invio dell'imposta di culto per raccomandata: «Trovo sia da irresponsabili»
CANTONE
2 ore
Pronto soccorso quasi deserto a causa del coronavirus
L'appello lanciato oltre San Gottardo. Ma anche in Ticino l'affluenza è bassa: c'è chi arriva appena in condizioni serie
CANTONE
10 ore
«Così il Covid-19 farà rinascere il turismo»
L'iniziativa di Elia Frapolli, ex direttore di Ticino Turismo: «Quello che sta accadendo può essere un'opportunità»
CANTONE / URI
12 ore
«Gli over 65 superano il Gottardo e fanno spese da noi»
Pur di aggirare il divieto alcuni sarebbero disposti a mettersi in macchina e percorrere molti chilometri
CANTONE
13 ore
«Puntiamo a riaprire i cantieri il 20 aprile»
Il direttore della SSIC: «Non sarà la normalità di prima, bisognerà cambiare modo di lavorare»
FOTO
LOSONE
14 ore
Anziano cade e si ferisce, interviene la Rega
L'uomo sarebbe scivolato e avrebbe preso un colpa alla testa
CANTONE
15 ore
Covid-19: io sto a casa, ma gli altri?
Alla vigilia di un weekend pasquale soleggiato non sarebbe stato il caso di insistere, inasprendo divieti e sanzioni?
URI / CANTONE
16 ore
Posto di blocco a Göschenen per Pasqua
Le polizie di Ticino e Uri uniscono le forze per impedire l'esodo verso il Sud delle Alpi.
CANTONE
17 ore
Le banche hanno aperto i rubinetti
Erogati crediti per 774 milioni solo in Ticino. L'Abt: «Misure importanti»
CANTONE / ZURIGO
20 ore
«Solo un divieto fermerà l'esodo pasquale verso il Ticino»
Per l'esperto tuttavia il proibizionismo può avere ripercussioni psicologiche: «Meglio una corretta informazione»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile