Keystone - foto d'archivio
CANTONE
10.02.20 - 19:300
Aggiornamento : 11.02.20 - 10:57

Quando l'apprendista deve avere più di 25 anni

«Discriminati ancor prima d'iniziare», lamenta il padre di una 15enne. Rita Beltrami: «Sollecitiamo le aziende. Ragazzi, pensateci con anticipo»

LUGANO - Siamo a gennaio. Il 2020 è l’anno in cui Anna* termina la scuola dell’obbligo. Per non arrivare tardi, il papà la sta aiutando a cercare un posto dove svolgere l’apprendistato. Sa che deve "portarsi avanti". Accende il computer e digita www.orientamento.ch. Professione: fiorista. Cantone: Ticino. Il risultato? 1 posto di tirocinio. «Un po’ pochino, ma tant’è». La sorpresa, però, arriva dopo: «Solo per candidati/e di età dai 25 anni in su».

Apprendisti over 25 - Anna, però, ha 15 anni, come la maggior parte dei suoi compagni che quest’anno otterranno la licenza di scuola media. Assumere over 25 significa accogliere solo persone in riqualificazione professionale o altre che non hanno terminato una prima formazione. «Così si mettono in difficoltà i giovani. Come fanno a entrare nel mondo del lavoro e a formarsi professionalmente se nessuno dà loro delle opportunità?», si domanda il papà. Una situazione frustrante. «Vengono discriminati ancora prima di iniziare».

Dipende dal settore - Abbiamo sottoposto il problema a Rita Beltrami, capoufficio dell’orientamento scolastico e professionale. «Il settore dei fioristi purtroppo ultimamente mette a disposizione pochissimi posti», ammette. Ma precisa che «se ci sono ragazzi interessati alla professione, tramite la Divisione della formazione professionale si cerca comunque di trovargli, nel limite del possibile, una collocazione. Alcune aziende vengono sollecitate». Gli ispettori di tirocinio «girano sul territorio e cercano di sensibilizzare le aziende. Si fa presa su quello che è l’aspetto sociale, etico, di questa possibilità formativa che viene data ai giovani».

Giovani troppo immaturi? - Ma perché scegliere di non formare più apprendisti? Risponde la titolare del negozio di fiori di Sementina che ha pubblicato l’annuncio “over 25”. «È un grandissimo impegno. Soprattutto con ragazzi appena usciti dalla scuola media». Come in ogni ambito, si potrebbe dire. Ma la donna ammette: «Il nostro è un lavoro che include la pulizia. Del pavimento, della vetrina, dei fiori. La creatività sui vasi arriva in un secondo momento. Ed è dura. Devono stare in piedi tutto il giorno. E capita che non siano stati abituati a casa a svolgere un certo tipo di attività».

Pochi posti disponibili - In Ticino ci sono al momento cinque apprendisti: due che stanno finendo il terzo anno, due sono al secondo e uno al primo. Su un totale di 50-60 negozi, solo 12 ad oggi sono aziende autorizzate a formare. «Alcuni si sono stufati di avere apprendisti - aggiunge la titolare -. Anche se è un peccato. È troppo impegnativo stargli dietro. È imprudente assumere qualcuno così giovane, perché manca di maturità. Sono adolescenti e non è facile. Inoltre, se i genitori venissero regolarmente in negozio ad acquistare un mazzo di fiori, forse ci sentiremmo anche più vicini alle famiglie».

Diamo credito ai giovani - Rita Beltrami invita però i datori di lavoro all’apertura. «Diciamo che i ragazzi partono con un certo tipo di attitudine sulla quale naturalmente bisogna lavorare, le cose poi le imparano. Anche il lavoro manuale si apprende. Se uno è interessato e ha un minimo di abilità, le cose migliorano con l’esperienza e la pratica, si potenziano». L’invito alle aziende è di «dare credito ai giovani».

Stage e sicurezze - Il consiglio ai giovani e alle famiglie è di muoversi con anticipo. «È importante che prima il progetto di formazione sia ben definito - spiega la capoufficio -. Quando io mi avvicino all’azienda devo essere certa che il mio progetto sia solido, devo averlo analizzato e approfondito». Non sempre si ha una strada precisa in testa. E spesso «si ha un immaginario sulla professione che è importante confrontare con la realtà», anche attraverso gli stage. «Magari un fiorista ha deciso di non prendere più apprendisti, ma poi gli capita lo stagista talmente bravo che decide di assumerlo». 

A Tu per Tu, davvero - Mercoledì 19 febbraio si terrà l’evento “A Tu per Tu”, dove i giovani e i datori di lavoro avranno l’occasione di potersi incontrare e conoscere. Gli incontri avranno una durata limitata di 15 minuti e costituiranno un primo approccio in cui il giovane al quarto anno di scuola media avrà la possibilità di porre delle domande al potenziale futuro datore di lavoro, ma anche di presentare la propria candidatura per un inserimento nell'azienda formatrice. E… la fiorista di Semetina ha deciso di essere presente.

*nome di fantasia

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Heidi ?? 1 anno fa su tio
Buongiorno Signora Sono io la titolare del negozio ?? Faccio parte dei ca 5% dei fioristi che tengono ancora apprendisti. Parla da sola di volermi penalizzare per tenerli ancora ?? Buona giornata ??
Heidi ?? 1 anno fa su tio
@Heidi ?? Risposta per Signora Lurati
Pongo 1 anno fa su tio
andate all'evento del 19 e vedete che mega domande e mega interesse ci sarà.. basta andare nelle scuole per capire che ai giovani non interessa NIENTE ma vogliono comunque TUTTO (ho 24 anni)
Pongo 1 anno fa su tio
LIBERO MERCATO
Mattiatr 1 anno fa su tio
Un datore non ha più diritto di assumere chi vuole? I lavoratori mica devono essere gli unici con qualche diritto. L'azienda è sua, ha diritto di avere i lavoratori che più gli aggradano. Le aziende mica sono di tutti, vi rendete conto che siete ridicoli a giudicare le scelte di un datore, sopra tutto se non fanno male a nessuno come in questo caso. Non vi vergognate a fare le statistiche con % di donne, % immigrati ecc. sulle aziende? Siete ridicoli, non siamo né nel comunismo né negli anni '60. Se le cose non vi vanno bene ''foo la paia dal cuu e fà impresa''. Sempre facile per il dipendente criticare il capo.
pillola rossa 1 anno fa su tio
se i genitori venissero regolarmente in negozio ad acquistare una mazzetta di fiori...
Frankeat 1 anno fa su tio
@pillola rossa in che senso?
daniele77 1 anno fa su tio
@pillola rossa Giusta interpretazione. Trovo ridicolo quanto detto nell'articolo. Il valore di un apprendista è dato sulla base se i genitori acquistano fiori in negozio? Anche il panettiere allora, oppure qualunque altro commercio. Da chi ragiona così meglio non metterci i piedi ne per l'apprendista, ne per i fiori. Che tristezza....
LAMIA 1 anno fa su tio
Ma come non lo sapete? Assumono frontalieri già formati con la paga da apprendista svizzero.
anndo76 1 anno fa su tio
@LAMIA ... precisa anche : con il tacito consenso dei sindacati e ogni forza politica. cosi mettiamo i puntini dove vanno messi !
Mattiatr 1 anno fa su tio
@LAMIA In classe avevo un paio di frontalieri che come dici te erano già formati in Italia. Uno più leso dell'altro, non capisco ancora come abbiano fatto a passare gli esami, il capo non si fidava a farli lavorare da soli. Secondo te conviene veramente assumere un'apprendista al posto di un lavoratore? Ti ricordo che più volte alla settimana sono a scuola e che hanno più diritti dei lavoratori normali.
Bayron 1 anno fa su tio
Scandaloso
seo56 1 anno fa su tio
Così si assumono frontalieri al “prezzo” di un apprendista!
jena 1 anno fa su tio
politici... fare qualcosa??? su tra poco ci sono le elezioni e potete mettervi in mostra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
57 min
Clinica Santa Chiara: Swiss Medical Network estromesso dal CdA
Fuori il CEO del gruppo Dino Cauzza. Lo comunica la parte lesa stessa.
PONTO VALENTINO
2 ore
Il dottor Ostinelli invita sull'Arca: «Non sarà un ritrovo di "no vax"» promette
L'associazione organizza domani il primo evento pubblico e gratuito: «Il tempo delle polemiche è finito» dice il medico
CANTONE
3 ore
Pochi radar, ma un po' ovunque
Controlli in tutti e gli otto distretti ticinesi tra il 26 luglio e il primo agosto.
CANTONE
3 ore
Ticinesi diretti a sud: «Dopo la prima dose, su richiesta, un certificato parziale»
Il Cantone reagisce ai cambiamenti annunciati ieri dal Governo italiano. Le spiegazioni del Sic
CANTONE
4 ore
Case anziani: visite giornaliere di nuovo possibili
Il Medico cantonale ha deciso di allentare le direttive che riguardano alcune strutture sociosanitarie ticinesi.
BELLINZONA
5 ore
«Così proviamo a far vivere (e sorridere) Bellinzona»
Non solo Castle On Air. Da qualche settimana al Parco Urbano c'è il lounge garden B'easy.
CANTONE
8 ore
Legge cantonale sulla polizia: Losanna respinge il ricorso
I giudici del Tribunale federale hanno confermato la legittimità delle misure introdotte nel 2018.
BELLINZONA
9 ore
«Quel bus navetta ha distrutto la nostra felicità»
Un pensionato è sul piede di guerra per la cancellazione dei parcheggi lungo la via che porta al popolare ponte tibetano
CANTONE
10 ore
In Ticino altri tre ricoveri e 32 contagi
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus sono undici, due delle quali in terapia intensiva.
MENDRISIO
11 ore
Disintossicarsi dal digitale, sul Generoso si può fare
A Capolago è possibile depositare smartphone e tablet e prendersi una pausa dalla vita virtuale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile