Tipress
LUGANO
16.12.19 - 07:090
Aggiornamento : 09:10

Lara e Valon, la coppia più “antipatica” della Svizzera?

La sciatrice e il calciatore nell’occhio del ciclone. Francesco Lurati, esperto di gestione della comunicazione: «Nell’era dei social, è problematico non avere una strategia chiara»  

LUGANO - Lei, sciatrice e campionessa del mondo, è sempre stata estremamente discreta. E per questo forse mai veramente amata dai suoi stessi tifosi. Lui, ex leader della Nazionale di calcio, fino a poco tempo fa era un idolo. Lara Gut e Valon Behrami sono di nuovo sulla bocca di tutti. In particolare per alcune dichiarazioni al vetriolo di Valon dopo il suo addio al Sion e sui suoi pronostici per Euro 2020. Tio/20minuti ne ha parlato con Francesco Lurati, professore di gestione della comunicazione all’Università della Svizzera italiana e docente presso il Fifa Master con sede a Neuchâtel.

Perché questa coppia è diventata tanto “antipatica” al pubblico?
È estremamente difficile entrare chirurgicamente in queste dinamiche. Vanno considerate la personalità e le sensibilità dei singoli sportivi. Che, non va dimenticato, sono esseri umani come noi.

Già. Ma a livello di comunicazione forse si poteva fare meglio. O no?
Questo sì. Ho notato una discontinuità nel loro modo di comunicare. Prima Lara annuncia l’uscita dai social. Poi anche Valon. Si è passati da cento a zero.

In una società come quella odierna non ti puoi permettere un cambio tanto drastico?
Stiamo parlando di sportivi seguiti da migliaia e migliaia di fan. Si è creato di colpo un vuoto che ha sollevato un sacco di dubbi e di domande. Interrogativi e malignità che poi non è più possibile controllare.  

Lara Gut ogni tanto fa ancora qualche apparizione istituzionale. Che ne pensa?
Non so che dire. Non sembra esserci dietro una vera strategia. Manca una narrativa da parte sua. Ti fai viva solo ogni tanto. Così finisci in balia delle supposizioni che altri faranno di te.

Parliamoci chiaro: se non ci fossero i social, non saremmo qui a discuterne…
I social hanno amplificato, fatto esplodere, questi aspetti. Non c’è dubbio. Il problema è che Lara e Valon sono “due marchi”. Non si sono sposate solo due persone, ma, che piaccia o no, anche due marchi. È come se si fossero unite due aziende. Ci sono tante aspettative riposte in loro.

Il diritto alla privacy deve comunque essere garantito anche per un vip.
Giusto. Però allora mantieni la tua linea. Qui siamo di fronte a un “non parlo, ma parlo”, a singhiozzo.  

Qual è la sua opinione sulle recenti esternazioni di Behrami?
Non conosco i dettagli, quindi non ho un’opinione. Behrami ha dichiarato di sperare che l'Europeo lo vinca l'Italia. Sappiamo che si è lasciato male con la Svizzera.

Quanto questa sua frase può essere stata strumentalizzata dai media?
Può essere. Ed è appunto in questo tipo di contesto che è importante avere una strategia chiara e non lasciarsi guidare dagli impulsi. Il tennista Roger Federer, ad esempio, sa benissimo cosa dire di fronte a un microfono. La sua narrativa è coerente e non dà mai spazio a dubbi e interpretazioni. In altre parole, non è manipolabile. Se sei una star devi imparare a comunicare in questo modo e essere tu a imporre il gioco.

Chi conosce bene Lara ne parla come di una ragazza dolce e disponibile. Eppure il pubblico non l’ha mai amata tanto. Possibile che Valon, sposandola, si sia tirato la zappa sui piedi?
È una domanda a cui non so rispondere. Lo ripeto, stiamo parlando di esseri umani, con pregi e difetti, come tutti. E che, in ogni caso, meritano rispetto. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
27 min
È tutto pronto per il nuovo Nebiopoli
Il carnevale chiassese si svolgerà con due settimane di anticipo, dal 6 al 9 febbraio
BELLINZONA
2 ore
Il bicchiere del Rabadan e presunti rischi di contagio
Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi interpella il Municipio e chiede se non sia il caso di sospendere l'esperimento, rimandandolo all'anno prossimo
LUGANO
2 ore
«Ecco perché così tanti imprenditori italiani scappano in Ticino»
La denuncia di Luciano Dissegna, ex dirigente dell’Agenzia delle entrate: «Il fisco ci sta uccidendo». Ettore Serafini, co fondatore di AgiReagire: «Non ci fosse stata la Svizzera…»
LUGANO
13 ore
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
LOCARNO
13 ore
«Mi chiamo Martino e a 183 anni vorrei essere morto per tutti»
Una "grida per ricerca di persona scomparsa" cerca informazioni su un cittadino di Cugnasco nato nel 1837. Il pretore spiega quando sorge la necessità di fare chiarezza sui proprietari di beni o fondi
LOCARNO
15 ore
Monte Brè: «La domanda di costruzione sarà respinta»
Il sindaco Alain Scherrer si esprime su Facebook, commentando un post di Fabrizio Sirica. E chiude la porta in faccia alla Aedartis AG
CONFINE/CHIASSO
18 ore
Quella montagna di soldi sequestrata alla dogana di Chiasso
Nel 2019 la Guardia di Finanza ha rinvenuto quasi sei milioni di franchi celati nelle automobili. Con gli evasori che hanno usato anche trucchetti ingegnosi per nasconderli
SVIZZERA
18 ore
La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa
Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori
ITALIA / LOCARNO
20 ore
Luigi Favoloso scomparso? L'ex della Moric scovato in Ticino
La rivista "Chi" lo ha immortalato a Locarno, con occhiali da sole, un piumino e una felpa con cappuccio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile