Tipress
BELLINZONA
21.11.19 - 06:020
Aggiornamento : 09:27

Se la plastica serve per incenerire i rifiuti... ma anche no

Per il Municipio di Lugano il composto sintetico contribuisce a far funzionare il termovalorizzatore. Ma dall’impianto spiegano che non è così. La replica della Città che difende le scelte fatte.

BELLINZONA - L’esecrata plastica? Per il Municipio di Lugano contribuisce a far funzionare il termovalorizzatore di Giubiasco «senza dover aggiungere appositamente del materiale combustibile pregiato». C’è più di un passaggio che attira l’occhio nella recente risposta con cui la Città ha spento le richieste “verdi” dei consiglieri comunali Udc che chiedevano sacchi dei rifiuti biodegradabili o compostabili. «La plastica - sostiene innanzitutto il Municipio - non è nociva in sé, ma solo se dispersa nell’ambiente». 

Una visione che non farà la gioia degli ambientalisti, ma che, come ricorda Daniele Polli, coordinatore di Okkio, l’Osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti, rispecchia la linea tracciata da Berna: «La plastica porta un grave effetto in sé, perché bruciando produce tre volte il suo peso in CO2. Questi argomenti non stupiscono visto che è stato lo stesso Ufficio federale dell’ambiente che da sempre ha voluto risolvere il problema dei rifiuti con gli inceneritori. Ne abbiamo una trentina in Svizzera. Oggi l’Ufam è un po’ prigioniero di questa decisione».

Ma al di là delle scelte politiche, è vero che la plastica che finisce nei sacchetti permette al termovalorizzatore di non usare «combustibile pregiato»? Mauro Minazzi – addetto alla comunicazione - dell’Azienda cantonale dei rifiuti precisa che «una volta immessi nella camera i rifiuti bruciano automaticamente». Il comburente, puntualizza,  «serve solo al momento dell’accensione. A chi ci visita spieghiamo sempre che il momento più importante è la miscelazione nella fossa dei rifiuti. Dove vengono anche tritati gli oggetti più grossi così da avere sempre una temperatura costante ed elevata nel forno».

Il fatto che la plastica non sia vitale per il termovalorizzatore è un buon argomento per continuare sulla via del riciclaggio o della raccolta separata: «Notiamo - dice Daniele Polli di Okkio - che i comuni più vicini al termovalorizzatore sono più sensibili. Ad esempio Bellinzona ha introdotto la raccolta della plastica mista con sacco a pagamento e funziona benissimo. Ma anche Lugano, per quanto ne so, intende procedere a passi. Dapprima raccogliendo la plastica dura. Che più facilmente può essere condotta al riciclo». Non tutta la plastica è infatti uguale, ma questo è un altro tema. 

La Divisione Spazi Urbani: «Il risultato della separazione delle plastiche a livello ambientale è quantomeno dubbio»

«Non è corretto affermare che la città di Lugano non spinga sul tema» è la replica dell'ingegner Roberto Bianchi. Il direttore della Divisione Spazi Urbani contesta il fatto che Lugano faccia poco per diminuire la plastica nei rifiuti: «Diciamo piuttosto che la nostra posizione in merito alla separazione delle plastiche ricalca le indicazioni dell'Ufficio federale dell'ambiente, riprese anche dall'Ufficio cantonale dei rifiuti.  Riteniamo scorretto separare per separare, mentre troviamo sia giusto separare per riciclare.  Le plastiche miste hanno un grado di riciclaggio globale troppo basso e molto del materiale separato finisce comunque incenerito, ma solo dopo aver subito diverse manipolazioni e diversi trasporti.  Anche il materiale riciclato solo in parte permette un riciclaggio di qualità, con la produzione di plastiche simili al materiale d'origine (recycling), mentre una parte viene sì riutilizzata, ma per prodotti di altro tipo e di scarsa qualità (downcycling).  Il risultato globale a livello ambientale è quanto meno dubbio.  Se poi il materiale finisce all'estero, pur con la massima fiducia verso paesi terzi, non è possibile escludere l'eventualità che una parte sfugga al controllo e venga smaltita in modo non conforme, senza impatti ambientali anche gravi».

«Tuttavia - continua Bianchi - la Città segue con interesse l'evoluzione delle esperienze in tal senso ed è pronta a adottare nuove strategie, non appena sia dimostrata la sostenibilità ecologica, e almeno in parte anche economica, delle stesse.  Prova ne è che dal 1. gennaio 2020 in tutti gli ecocentri cittadini verrà introdotta, quale progetto pilota, la raccolta separata dei flaconi in PE e in PE-HD, così come attualmente avviene nei commerci della grande distribuzione.  In questo caso siamo certi che con un materiale unico di qualità ineccepibile sia possibile produrre, possibilmente in Svizzera, plastiche di pari qualità.  Tale operazione, che permette ai cittadini un'ulteriore separazione e quindi la riduzione del volume dei propri rifiuti solidi urbani, ha comunque un costo non indifferente e certamente maggiore rispetto all'incenerimento presso il termovalorizzatore.  La Città ritiene però positivo offrire alla popolazione un servizio ulteriormente ampliato e a favore dell'ambiente».

Ma non è il solo progetto pilota, un secondo prenderà avvio sempre a gennaio.  «Nei cinque principali ecocentri - spiega il direttore della Divisione Spazi Urbani - verrà infatti introdotta la raccolta degli scarti organici da cucina, che consegnati a una ditta specializzata, alimenteranno un impianto di produzione di biogas».

Tipress
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 7 mesi fa su tio
@Mattiatr Bastian contrario, stai confondendo il burro con la ferrovia!
Nmemo 7 mesi fa su tio
Anche il pane se inghiottito (da umani) in eccesso determina gonfiori e flatulenza.
Nmemo 7 mesi fa su tio
I Bellinzonesi devono “ringraziare” l’allora sindaco di Giubiasco, il mai dimenticato (in senso negativo) Mauro Dell’Ambrogio, che ha porto su un piatto d’oro a Marco Borradori allora direttore del dipartimento del territorio, i sedimi e la modifica pianificatoria ad hoc per realizzare l’impianto cantonale, peraltro togliendo Borradori da un pantano nel quale stava affogando. MDA, sgomitando assai, ha fatto carriera e delle problematiche ambientali se ne fa un baffo, a lui interessano ancora cadreghe! Borradori, ora sindaco di Lugano, manda inquinamento aggiuntivo nel Bellinzonese e contemporaneamente vorrebbe che i cittadini ticinesi lo sostenessero finanziariamente per l’aeroporto della città a disposizione dei facoltosi contribuenti Luganesi.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@Nmemo Meglio un inceneritore che una discarica :-)
Tarok 7 mesi fa su tio
dunque in cucina dovrò installare un secchio per l’umido, un secchio per la mista, un secchio per la carta, uno per il vetro, uno per il PET, uno per il PETHD 4K ;-) uno per l’alluminio, uno per le batterie e di sicuro ho dimenticato qualcosa. ah si il cartone del latte lo porto in salotto sotto la tv e per mangiare andiamo al ristorante perché in cucina non c’è più spazio.
Bayron 7 mesi fa su tio
Concordo con il Municipio di Lugano! La plastica è “pane” per gli inceneritori
Sarah Ninna 7 mesi fa su fb
Allora, io vi chiedo una cortesia. Avete fatto questo articolo.. ok. Adesso fatene uno che spiega bene e nel dettaglio come separare al meglio tutti i tipi di plastica e rifiuti in generale e dove buttarli per aiutare davvero l ambiente. Quali sono riciclabili e quali non lo sono? Perché tutto quel che non si può riciclare (di plastica) dovrebbe andare nel sacco e il resto separato? Allora spiegate bene tutto una volta per tutte. Grazie. Dire plastica è troppo ampio. Spiegate a dovere.
twiceaday 7 mesi fa su tio
L'uso di sacchi della spazzatura compostabili o biodegradabili è un nonsenso. Questo genere di materiale è infatti identico alla plastica se non trattato in impianti appositi che ne permettono la compostabilità. Purtroppo c'è davvero ancora tanta ignoranza in questo ambito.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@twiceaday Vero, come chi propone stoviglie biodegradabili agli eventi, ma se vengono raccolti assieme ai rifiuti il risultato fine non è il medesimo? Piuttosto sarei curioso di sapere se è più inquinante produrre degradabile o classico.
miba 7 mesi fa su tio
Giusto parlare di plastica, di rifiuti, di ambiente, di clima ma strano...., finora non ho visto nemmeno un articolo (e non mi limito a Tio) che parla dell'enorme business e degli interessi che stanno dietro a tutto ciò :)
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@miba Trovo che il discorso business sia fine a sé stesso, considerando che tutto è monetizzabile. Sappiamo benissimo che fine fanno i rifiuti dei sacchi, è un po' meno chiara la destinazione delle varie raccolte differenziate. A dirla tutta non so nemmeno se ci sono in Ticino aziende che fanno un primo trattamento dei materiali plastici o metallici. Sono curioso di sapere se qualcuno di voi è a cono scienza di una ditta TI che separa le materie una volta raccolte, le lava, le trita/fonde o via così e le rivende come materia prima.
vulpus 7 mesi fa su tio
@miba Ma va??
Robi Nese 7 mesi fa su fb
da un paio di mesi ho cominciato a tagliare la plastica in pezzi più piccoli e sono sorpreso di quanta plastica riesco ad inserire nel sacco confronto a prima . Sono questi formati a vaschetta che riempiono il sacchetto velocemente. Certo tagliarli è impegnativo ma porto un sacco al mese al deposito confronto al sacchetto alla settimana di prima . Me lo hanno consigliato in discarica e lo faccio volentieri.
Federico Testa 7 mesi fa su fb
A quando la raccolta separata dell'umido?
Arminda Armi 7 mesi fa su fb
Il tema è sempre d attualità, Mah. 🤔 Mi chiedo : come mai ? Tecnici, biologi, medici, scienziati, ed anche,ingenieri,..specialisti vari, ...... personaggi politici ,uffici Federali, Cantonali ,,Comunali ,ecc. non vanno d accordo ,,e spuntano regolarmente, nuove polemiche ,che alimentano sospetti,e danno voce a chi non è favoreole all ecologia ? Non sarebbe meglio dibattere le varie tesi e trovare soluzioni nelle sedi opportune, senza mettere in piazza la voce di Tizio ,Caio,e Sempronio ,che a volte cercano maggiormente visibilità per se stessi, che neanche la soluzione dei problemi....... In Ticino sono oltre 50 anni che si parla di rifiuti ,dopo decenni di scontri politici, ,progetti falliti, studi e ricerche bocciati, milioni spesi senza trovare una soluzione ottimale.e che soddisfi quasi tutti... ...Finalmente !!! Dopo aver costruito e messo in servizio l inceneritore cantonale, si ricomincia con le polemiche. e si da voce ai nuovi ,Tizi Cai ,e Semproni. .
David Simoneta 7 mesi fa su fb
Chiediamoci semmai perchè i Ticino è fermo al 50% di rifiuti domestici non riciclati... che corrisponde alla quantità per cui l'inceneritore è dimensionato... coincidenza?🤔
Loris Bartoli 7 mesi fa su fb
Mi chiedo sempre come sia possibile che qua in Ticino (almeno nel locarnese non l’ho mai vista) non ci sia la raccolta differenziata porta a porta... l’unico modo per differenziare con percentuali importanti...
Maurizio Roggero 7 mesi fa su fb
E certo il municipio di Lugano è un famosissimo e riconosciuto centro di ricerca sulle plastiche e gli inceneritori..... 😏
Benedetto Craco 7 mesi fa su fb
Certo è petrolio
Nmemo 7 mesi fa su tio
In Ticino la situazione è grottesca: Bellinzona fa una diligente raccolta separata di PET e il cittadino paga anche il costo supplementare del sacco. In tanti altri comuni non si fa analogo esercizio virtuoso e il PET finisce all’inceneritore di Giubiasco, peraltro gradito poiché incrementa il potere calorico specifico della massa dei rifiuti. Ancorché gli elettrofiltri siano efficienti, il carico supplementare generato dal PET finisce nell’ambiente e nei polmoni della gente del bellinzonese. Il DT, che sembra sempre più sotto la direzione di Lugano, finanzia studi … in previsione di direttive.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
AGNO
1 ora
«Ragazzi che cercano problemi», aggredito il rapper Daytona KK
Dalla vita reale a Instagram, passando dalla zona del Luna Park. Da una parte spavalderia, dall'altra derisione.
CANTONE
4 ore
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
BELLINZONA
5 ore
Girava con l'erba, bloccato dagli agenti
La polizia ferma un uomo in Viale Stazione. Interrogatorio davanti a decine di presenti.
BISSONE
10 ore
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
11 ore
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
13 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
15 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
21 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
23 ore
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
CANTONE
23 ore
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile