BERNA/LUGANO
28.10.19 - 11:470
Aggiornamento : 15:37

Le FFS fanno mea culpa: sui ritardi ci sono stati errori

L’azienda parla di sbagli commessi. E avverte: «Le tensioni continueranno fino al 2021». E intanto arrivano le prime misure con il nuovo orario del 15 dicembre

BERNA -  Per anni le FFS hanno negato il problema dichiarando che i tardi erano solo una percezione dei viaggiatori. Oggi pur affermando ancora che a livello europeo la puntualità sia aumentata, riconoscono almeno che esistono delle criticità a livello regionale che rende insufficiente la puntualità. 

Gli errori - Quali errori dunque sono stati commessi finora? Le FFS riconoscono ad esempio di aver sbagliato “nella pianificazione della formazione e dell’impiego del personale di locomotiva”. Risultato di ciò? Nei giorni di punta non ci sono macchinisti a sufficienza e gli addetti alla distribuzione sono sotto pressione.

Altro capitolo amaro: «L'aumento dei cantieri consentito dalle risorse aggiuntive stanziate dal Fondo per l’infrastruttura ferroviaria». Tutto ciò rende complesso trovare il giusto equilibrio tra esercizio ferroviario e attività di costruzione.

Compromessi sbagliati - Inoltre nella pianificazione a lungo termine dell’esercizio quotidiano, «sono stati fatti compromessi a favore dell’offerta ferroviaria e a scapito della puntualità, senza che ciò venisse mostrato con sufficiente trasparenza. Questo allo scopo, ad esempio, di offrire al maggior numero di clienti il maggior numero di collegamenti o di servire il maggior numero di fermate su richiesta di Cantoni e Comuni».

Troppi viaggiatori - Se a tutto ciò ci aggiungiamo l’aumento del 7% del numero dei viaggiatori, e che il picco più alto si raggiunge «soprattutto d’estate, lo stesso periodo in cui raggiunge il proprio picco anche l’attività dei cantieri ferroviari», ecco dunque che ritardi e treni sovraffollati diventano all’ordine del giorno. 

«Siamo al limite» - Dunque le FFS sono consapevoli che «l’esercizio ferroviario è spesso ai limiti delle proprie capacità e i settori operativi delle FFS sono costretti troppo spesso a lavorare in modalità task force».  Ma bisogna ancora avere pazienza perchè «nei prossimi anni sarà ancora difficile assicurare la stabilità dell’esercizio ferroviario svizzero», e assicurano che «l’offerta, traffico supplementare incluso, sarà ulteriormente ampliata».

I viaggiatori non saranno felici nemmeno di sapere che che «nei prossimi anni è previsto di nuovo un aumento dei cantieri» e non saranno contenti nemmeno i macchinisti «i cui posti di lavoro sono stati creati di recente e che sono attualmente in fase di formazione saranno disponibili solamente verso la fine del 2020. Pertanto, in particolare i macchinisti saranno messi a dura prova ancora per diversi mesi».

Insomma una situazione non certo favorevole per chi usa giornalmente il treno. Quindi le FFS hanno intenzione di introdurre una serie di misure atte a migliorare la situazione con il cambiamento d’orario del 15 dicembre 2019. Le nuove misure introdotte potete leggerle nel riquadro qui in basso. Dispiace  per i viaggiatori ticinesi, per i quali - almeno per ora da quanto si evince nel comunicato stampa - non sono previsti miglioramenti in Ticino, dove i treni  Tilo continuano ad accumulare ritardi, sono perennemente pieni nelle ore di punta, e sia i Tilo che gli Eurocity che collegano il Ticino con Milano o con la Svizzera tedesca  sono quotidianamente in ritardo.

Asse nord-sud: orario transitorio dal 2021 con particolare attenzione all’affidabilità

A dicembre 2020 le FFS metteranno in esercizio la galleria di base del Monte Ceneri, ultimando la trasversale alpina. In una prima fase le FFS prevedono un orario transitorio in grado di garantire un’offerta stabile nel traffico viaggiatori e merci.

In un primo momento, a fronte delle riserve previste, il tempo di viaggio Zurigo–Milano sarà di 3 ore e 17 minuti. FFS e Trenitalia assicureranno in tal modo l’affidabilità del traffico transfrontaliero. L’obiettivo è un tempo di percorrenza Zurigo–Milano di 3 ore e 2 minuti a partire da fine 2022. Insieme ai partner italiani, le FFS stanno facendo il possibile per creare al più presto i necessari requisiti su entrambi i versanti del confine.

In Svizzera, a partire da dicembre 2020 il tempo di percorrenza tra Zurigo e Lugano sarà inferiore alle 2 ore, grazie al completamento di alcuni progetti di costruzione come il cantiere sulla sponda est del lago di Zugo. Da dicembre 2020 il Ticino sarà percorribile in tempi decisamente più rapidi, con un dimezzamento dei tempi di viaggio tra Bellinzona e Lugano e grazie al collegamento diretto Locarno–Lugano.

A causa degli attuali lavori di finitura nella galleria di base del San Gottardo, nella fase di realizzazione l’offerta non può ancora comprendere l’intera capacità. La capacità disponibile basta tuttavia a soddisfare la domanda attuale sia nel traffico viaggiatori che in quello merci. Il progetto d’orario concreto sarà comunicato a fine maggio 2020, mentre l’attribuzione definitiva delle tracce per il traffico viaggiatori e merci avverrà a fine estate 2020.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 11 mesi fa su tio
signori, la colpa è chiaramente di chi usa i mezzi pubblici! fortemente voluti dai nostri politicanti che non ne azzeccano una che sia una. le FFS sono allo sbando. ringraziamo il CF che le ha rese private con soldi pubblici.
Tato50 11 mesi fa su tio
Ho letto un articolo sul problema dei sovraffolamenti. Per i Tilo che vengono da sud cominciano a farne capo moltissimi frontalieri che salgono quando il treno è vuoto e quindi ticinese stai in piedi ! È la conseguenza del voler meno auto sulle strade e si è spostato il problema su altri mezzi. Magari qualche Tilo un po' più "lungo" potrebbe parzialmente risolvere il problema !!
Ma De 11 mesi fa su fb
E i sovraffollamenti? Di chi è colpa? Treni sempre più corti anche in orario di punta. È per educare la gente a viaggiare secondo le vostre esigenze?
Alessandro Vavassori 11 mesi fa su fb
Tomas Molari
Tomas Molari 11 mesi fa su fb
Alessandro Vavassori 🤔
Roberta Gasparini 11 mesi fa su fb
E sui treni che scoppiano perchè sono troppo pieni di chi è la colpa?
Pia Pittaluga 11 mesi fa su fb
Fanno le migliorie tutti dopo il Gottardo.... nient nel tisin l’hanno detto alla radio ...😡
tip75 11 mesi fa su tio
bla bla bla....alla fine noi paghiamo a prezzo d oro dei servizi penosi
Vale Dolfini 11 mesi fa su fb
No comment se no mi incalzi 😡😡😡
Arminda Armi 11 mesi fa su fb
Arminda Armi 11 mesi fa su fb
Ma fii da bom ?
albertolupo 11 mesi fa su tio
In ultima analisi, la colpa la stanno dando ai passeggeri...
Adriana Sartori 11 mesi fa su fb
Eeee cert la culpa a duvevan dagala a chi???!!!! Ga mancaria anca, a suon di quattrini ul TIsin al paga sempru par mantignì i sò DISSERVIZI ed i loro responsabili e rappresentanti!!!!! Una vergogna 🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️ L'ASTUTI rappresentata dal sig Fabio Canevascini A COSA SERVE????
Loredana Ronchetti 11 mesi fa su fb
Eeeehhh quanti baal 😱😨
GI 11 mesi fa su tio
niente di nuovo sotto il sole......il peggio verrà con l'apertura della galleria del Ceneri....Comunque le FFS stanno soffrendo a causa del proprio successo.....l'importante è non mollare.....parché se ta molat....ciao Pep....
Elizabeth Carreno 11 mesi fa su fb
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
In Ticino 137 nuovi casi
I dati aggiornati dall'Ufficio del medico cantonale. Nessun decesso nelle ultime 24 ore
LUGANO
6 ore
«Senza mascherina, niente scuola per mio figlio»
Covid alle medie. Silvana Pagani è una mamma di Barbengo che si fa portavoce di un appello al DECS.
CANTONE 
7 ore
Meno parti prematuri nella bolla del lockdown
Le risposte della dottoressa Petra Donati-Genet ai molti dubbi che assillano le mamme
CUGNASCO
7 ore
Infarto in casa, salvato da due idraulici-eroi
È successo a Cugnasco. Un 73enne soccorso dalla Rega, ma provvidenziale l'intervento di due "eroi per caso"
BELLINZONA
7 ore
In Ticino si studia la cura per il Covid
Novanta pazienti avranno la possibilità di assumere un farmaco ormonale che viene usato contro il tumore alla prostata.
BLENIO
16 ore
Agricoltore perde la vita dopo una caduta
L'uomo è deceduto sul posto a causa delle gravi ferite riportate
CASTEL SAN PIETRO
18 ore
Tre contagi in una casa per anziani
L’Ufficio del medico cantonale è in contatto con la direzione per seguire l’evoluzione della situazione
MINUSIO
18 ore
Quarantena per una classe delle medie di Minusio
Per gli altri studenti dell'istituto l'attività prosegue normalmente
FOTO E VIDEO
QUARTINO
18 ore
Centauro a terra, disagi tra Contone e Quartino
Il motociclista ha riportato ferite di media gravità.
CANTONE
19 ore
Gli ospedali chiedono l'aiuto della Protezione Civile
Dei militi sono già operativi presso la clinica Moncucco, il San Giovanni di Bellinzona e La Carità di Locarno.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile