screenshot youtube
LOCARNO
21.10.19 - 07:480

Dal Ticino un’idea che potrebbe rivoluzionare la sicurezza stradale

Si tratta di un sistema che informa i conducenti sull’intensità della frenata dei veicoli. In modo da reagire tempestivamente ed evitare i tamponamenti

LOCARNO - Per ora è solo un brevetto, un’invenzione. Ma potrebbe rappresentare una piccola rivoluzione nella sicurezza stradale, contribuendo a diminuire i tamponamenti che quotidianamente avvengono sulle strade.

Si tratta di un nuovo e innovativo sistema di frenata che, tramite un’illuminazione applicabile a qualsiasi veicolo, consente a chiunque di percepire immediatamente l'intensità della frenata d'emergenza del veicolo davanti a sé. In questo modo si riesce a reagire più velocemente e le possibilità di evitare una collisione o, nei casi più gravi, un incidente, aumentano. 

«Il brevetto è stato depositato già qualche anno fa a Berna. Avevo un’idea e l’ho protetta. È rimasto un po’ in standby ma ora sono pronto per partire», ha spiegato Morgan Rosarno, titolare della ROST International. Un sistema utile tanto nelle aree urbane quanto in quelle extraurbane, dove i veicoli raggiungono velocità elevate e per questo motivo i tempi di reazione del conducente sono notevolmente ridotti.

Segnali di luce - In sostanza viene installato un terzo fanale di stop che emette segnali di luce diversi in base alla diversa intensità di frenata. Che possono avere diversi aspetti: una serie di luci accese in successione (frenata leggera - 2 luci accese, frenata media - 5 luci, frenata vigorosa - 7 luci e frenata d’emergenza - 10 luci) o luci di colore diverso (frenata leggera - luce verde, frenata media - luce arancione, frenata intensa - luce rossa e frenata d’emergenza - luce rossa lampeggiante).

Omologazione - Per la sua commercializzazione manca ancora l’omologazione, che non dovrebbe comunque essere un grosso ostacolo. «A livello di normative non stravolge niente. In molti modelli di auto ormai le frecce sono a scorrimento. Addirittura alcune auto americane hanno le frecce di colore rosso e non arancione», fa notare il nostro interlocutore, aggiungendo ironicamente: «Se la domanda di omologazione dovesse farla una casa madre… non diranno mai di no!».

Sicurezza ad un prezzo modico - Calcolare un possibile prezzo di vendita è tuttavia ancora prematuro. «Io ho avuto l’idea e ho sviluppato il progetto, quindi nel mio caso venderei il brevetto a chi fosse interessato a commercializzarlo. «Il sistema è comunque relativamente semplice da realizzare e probabilmente, con i costi della manodopera svizzeri, costerebbe più l’installazione che non il pezzo stesso. Anche per questo una casa madre potrebbe essere interessata ad installarlo direttamente in fase di catena di montaggio», conclude Rosarno.

Commenti
 
Claudio Ferrari 3 sett fa su fb
Mi sembra una “cagata pazzesca”
Paolo Passamonti 3 sett fa su fb
A parte il fatto che esistono già sistemi che frenano autonomamente e che iniziano ad essere montati anche sulle utilitarie recenti... già il fatto di guardare dove si va e non il telefono aiuterebbe già molto.
Alessio Ale Bontempi 3 sett fa su fb
Tatiana Bontempi mi sa che mettono te a coordinare
Roby Shavershian 3 sett fa su fb
Marco Fraschina il mio ferrari non ha questo optional....
Jonathan Busolini 3 sett fa su fb
Poi devi fare un corso per interpretare i segnali luminosi ? Che idea geniale, il tempo che impieghi a capire cosa significa il segnale luminoso lo perdi nel reagire alla frenata. Tanto il problema maggiore sono le distanze quasi mai mantenute alle alte velocità, puoi avere tutti i segnali luminosi del mondo, si tratta di fisica: il tempo di reazione alla frenata e della frenata stessa non permettono di evitare il tamponamento a distanze insufficienti. Piuttosto trovi molto più utile i segnalatore radar delle distanze che ti avvisa quando ti avvicini troppo al veicolo che precedi.
Fabio Vanzin 3 sett fa su fb
Basterebbe eliminare il segnale al cellulare quando l’auto è in movimento ...così la gente sarebbe più attenta alla strada e meno ai social
Moreno Pietra 3 sett fa su fb
Basta non cazzeggiare con il telefono e concentrarsi sulla guida!!!!!!!!!
Christian Clemente Alias Taz 3 sett fa su fb
E una cosa che e già stata inventata nelle super car ...
Federico Forgione 3 sett fa su fb
Mariachiara meglio il tuo sensore a pressione del braccio
Elena Maretti 3 sett fa su fb
La mia Suzuki (Vitara) allerta con un suono molto forte se c’è pericolo di collisione in base alla velocità e alla distanza dal veicolo che precede.
Eugenio Eu Scozzafava 3 sett fa su fb
E non si può disattivarlo staccando un fusibile? 😁😁😄
Elena Maretti 3 sett fa su fb
Eugenio Eu Scozzafava e perché dovrei disattivarlo? È utilissimo
Eduu Talaj 3 sett fa su fb
Esiste già si chiama distanza..
Sandro Rennis 3 sett fa su fb
Si chiama distanza di sicurezza 😄😄
Vincenzo Maresca 3 sett fa su fb
esiste gia' qualcosa di simile gia' installato di serie su alcune vetture....in base alla frenata l'intensita' della luce degli stop cambia da meno intensa x frenate leggere a piu' intensa nelle frenate piu' brusche....comunque mantenendo la distanza di sicurezza e guardando bene quello che fanno gli automobilisti avanti.....non c'è pericolo...io in vita mia ho percorso diversi milioni di km tra auto moto e camion e situazioni di emergenza x strada ne ho trovate spesso....un tir a cui scoppia una gomma....un auto che perde la marmitta un incidente con la pioggia in cui un auto perde il paraurti anteriore e me lo ritrovo davanti.....insomma mi e' capitato di tutto e di piu'....e non ho mai fatto un incidente....solo una volta mi e' capitato che mi tamponasse un signore anziano svizzero tedesco che mentre mi recavo al lavoro alle 5 del mattino sull'80kmh mi tampona essendosi addormentato al volante....
Mirco Zabot 3 sett fa su fb
Esiste già qualcosa di simile lo montano Fiat e Alfa Romeo altre case non lo so, in caso di Frenata brusca si attivano le 4 frecce!
Diogo Rafael 3 sett fa su fb
Ma a parte che in alcuni modelli, e manco tanto giovani, se stinchi parecchio si accendono le 4 frecce, che secondo me é più immediato.
Ridvan Albana Asllani 3 sett fa su fb
Mi sembra una trovata che già esiste! L'idea sarebbe quella di informare i conducenti sull'intensità della frenata quando oggi abbiamo già sistemi sistemi che frenano in autonomia in caso di non intervento del conducente. Direi che è molto più efficace la seconda anche perchè non credo che uno si metta a guardare l'intensità della luce per decidere quando picchiare giù sul freno :)
jena 3 sett fa su tio
- cambi di limiti di velocità = una maggior accortezza alla guida. logico che se si guida col terrore di superare il limite...
Siù Milo 3 sett fa su fb
Basterebbe tenere gli occhi sulla strada e non su altro.......
Litapeppino 3 sett fa su tio
Ecco Morgan che ha inventato l'acqua calda...il tuo " brevetto" ce già da diversi hanni. Mi sa Morgan che lo devi installare tu per svegliarti!
andrea28 3 sett fa su tio
Superata dai sistemi di assistenza alla guida e frenata che arrestano l'auto ancor prima che il conducente reagisca...
Klime Jakimov 3 sett fa su fb
I modelli nuovi di tante marche ormai lo fanno (quando freni intensamente gli stop lampeggiano) solo che in Ticino siamo poveri quindi girano auto di 30 anni fa e questo sistema non c'è.
Boni Stone 3 sett fa su fb
Klime Jakimov la tua RS3 dovrebbe fare lo stesso dato che è nuova ( penso) e potente ?😬
Luigi Simone 3 sett fa su fb
Cruise control adattivo con frenata di emergenza. Ormai lo hanno tutte.
Elena Re 3 sett fa su fb
Mantenere la distanza di sicurezza senza aggeggi è troppo difficile? 🤔 Bah 🤷‍♀️
Rino Matter 3 sett fa su fb
Se la gente si disciolasse un po’ c’è ne sarebbero meno attaccati al culo, ma quanto quotidianamente ti trovi i ciucci che vanno 45 negli 80 per svegliarli fuori qualcosa si deve fare ed il faro sarebbe un ottima idea solo che glielo metterei nel c.... dianaaaaaaaa
Enea Bofetti 3 sett fa su fb
Rino Matter commento intelligente...dai commenti si lamentano tutti che la gente gli si attacca sotto il culo,forse perché sono loro i primi attaccati al telefono che vanno a 40 sul 60....
Rino Matter 3 sett fa su fb
Enea Bofetti concordo... anche se il problema nn è sempre il telefono... li vedi assopiti, quello davanti va 50 quello dietro 45 quello dietro 40 e via dicendo... arrivando alla quinta macchina che siamo fermi 🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬vorrei un rullo per l’asfalto mezza giornata al mese, altro che rotonde semafori, radar e prevenzioni varie... eliminerei le colonne e il traffico del ticino
Eugenio Eu Scozzafava 3 sett fa su fb
L'unico dispositivo realmente funzionante sarebbe il rispetto delle regole, solo che spesso chi ti segue sembra ti sta talmente attaccato che si fa fatica a capire dove finisce la tua auto e inizia la sua il tutto mentre aggiorna lo stato di facebook sul telefonino...
Salvatore Nieddu 3 sett fa su fb
Eugenio Eu Scozzafava trattasi di dispositivi “idiot proof “. Purtroppo sempre più in auge.
Eugenio Eu Scozzafava 3 sett fa su fb
Gli idiot o i dispositivi?? 😁
Salvatore Nieddu 3 sett fa su fb
Eugenio Eu Scozzafava eh, direi che uno è la conseguenza dell’altro 😏
Stef81 3 sett fa su tio
L'idea può essere buona, anche se "vecchia". Comunque i tempi di reazione dopo aumentano, bisogna elaborare il fatto "quante luci sono accese e dunque quanto devo frenare ?" Di sicuro potrà servire, ma non è di sicuro rivoluzionaria. Per aumentare la sicurezza bisogna diminuire il fattore umano degli zombie alla guida
driver1973 3 sett fa su tio
È vecchia di qualche anno.
andytt 3 sett fa su tio
Ma se le macchine nuove hanno già di serie le quattro frecce che si accendono in caso di frenata d'emergenza !?
Chuck A. Gorzenski 3 sett fa su fb
Basterebbe che la gente alla guida non guarderebbe sui cellulari a leggere oppure scrivere SMS/WhatsUp. Chi guida si concentri al traffico e non alle notizie, caxxo !
Luca Gilardi 3 sett fa su fb
Chuck A. Gorzenski assolutamente.
Maurizio Roggero 3 sett fa su fb
Si può inventare e brevettare tutto quello che si vuole, ma la stupidità umana sarà sempre un passo avanti.... Le distanze da rispettare, queste sconosciute.... In Germania sono docili sui controlli di velocità, ma danno multe salate sul non rispetto delle distanze, introdurre un sistema simile da noi, troppo difficile?!
Adrian von Siegmund 3 sett fa su fb
basta non attaccarsi dietro a rompere da mandare in bestia anche un monaco buddista tibetano 😉. E l‘attaccarsi dietro é una prerogativa di troppi conducenti italioti (non italiani) Ma perché poi ?! Comunque il non rispetto della distanza di sicurezza in Germania é reato penale.
Flaviano Nicola 3 sett fa su fb
BMW monta un sistema molto simile già da un pezzo... (luce freni bistadio)
Luca Tursi 3 sett fa su fb
Flaviano Nicola non solo bmw. Le francesi sono più di 10 anni che in caso di prua a frenata accende automaticamente le 4 frecce.
Yan Saporiti 3 sett fa su fb
Luca Tursi questo lo fanno tutte adesso che io sappia :) Si ma ad un'idea simile ci avevo già pensato prima ed il risultato qual'è stato? A conti fatti si peggiorerebbe. 1) sarebbe un incentivo a tenere meno le distanze 2) al posto di frenare tempestivamente, il conducente dovrebbe prima interpretare il messaggio, perdendo magari qualche decimo. 3) Sarebbe da tarare per ogni auto, dunque costosissimo. Perchè la frenata leggera di un mezzo da 2000 kg non è quella di uno da 1100. I pneumatici di una non sono quelli dell'altra, ecc. in poche parole non ha senso, purtroppo per questo ragazzo
Luca Tursi 3 sett fa su fb
Yan Saporiti penso che come intensità di frenata si intenda la decelerazione del veicolo e non la pressione sul pedale
Yan Saporiti 3 sett fa su fb
Luca Tursi ma comunque sarebbe troppo interpretabile. Se vai a 120 o più, meno c'è da interpretare e meglio è. Potrei capire un sistema di "intensità" della luce freno, ma anche quello... metti che si danneggia, metti che da una situazione con molta luce si passi ad una con pochissima (tipo gallerie, che non sono tutte illuminate correttamente), ecc. Per me sarebbe l'ennesimo accessorio volto a peggiorare lo stato dei conducenti. Piuttosto, che mi è benuto in mente ora, un segnale laser per la macchina che segue. Un segnale percepibile solo dal radar dell'auto inseguitrice, di modo da anticipare i suoi "riflessi", trasmettendo questi dati sulla frenata. Però non so come funzionano questi radar, dunque potrebbe essere inutile..
Fabio Orlando 3 sett fa su fb
Se uno quando guida non presta attenzione (esempio telefonino), puoi anche mettergli Sbirulino che agita le braccia che non lo vedrà mai. Ci vuole testa, non tecnologia
Luca Gilardi 3 sett fa su fb
Fabio Orlando la tecnologia può aiutare, però. È chiaro che comunque si da per scontato che NON si deve usare il telefonino mentre si guida.
Fabio Orlando 3 sett fa su fb
Luca le macchine di oggi sono già strafarcite di tecnologia, il problema è contrario.......più tecnologia, meno attenzione alla guida! Tanto "fa tutto lei" 🙈🙈🙈
Pietro Pre 3 sett fa su fb
Ci vogliono entrambi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ORSELINA
3 ore
«Con l'omeopatia seguiamo il malato di cancro»
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
CANTONE
3 ore
Incidente oltre la dogana, code e ritardi sull'A2
Forti disagi al traffico in direzione sud a partire da Mendrisio al valico di Chiasso-Brogeda
LUGANO
4 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
5 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
6 ore
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
6 ore
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
FOTO E VIDEO
CANTONE
7 ore
Due ticinesi sul podio dei formaggi migliori al mondo
Il "Carì 2019" dell'azienda agricola Piz Forca e il "Campo la Torba 2018" dell'azienda Dazio-Alpe Campo La Torba si sono aggiudicati i premi Super Gold e Gold al World Cheese Awards
CANTONE
7 ore
«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»
Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi
CANTONE / BERNA
8 ore
Ecco perché Carobbio non vuole il posto di Levrat
È partito il toto-nomi per la successione alla guida del Ps svizzero. Ma la ticinese si sfila dalla corsa: «Serve un cambio generazionale»
LUGANO/BERNA
8 ore
Romano polemizza con Gysin: «Sembra Prosecco»
Residui di campagna: il consigliere nazionale punta il dito contro l'origine della bottiglia scelta per un brindisi della neoeletta dei Verdi. Che replica decantando gli spumanti svizzeri
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile