www.ti.ch - foto d'archivio
SERRAVALLE
16.10.19 - 10:420
Aggiornamento : 13:40

«Il cervo investito è stato abbattuto dopo più di quattro ore»

Un lettore denuncia le sofferenze sopportate dall’animale «per troppo tempo». Ma l’Ufficio della caccia e della pesca spiega come sono andate le cose

SERRAVALLE - È successo una settimana fa. Un lunedì mattina, alle 8.45, sulla strada tra la Buzza di Biasca e Malvaglia, una vettura che circolava in direzione di Biasca ha investito un cervo. L’animale, con le zampe posteriori rotte, si è trascinato fino al bosco. «La polizia è intervenuta in 10 minuti e ha provveduto a chiamare il guardiacaccia - racconta a tio/20minuti una lettrice -. Ma due ore dopo nessuno si era ancora presentato sul posto». Gli automobilisti hanno lasciato attraversare l’animale ferito, in evidente stato di difficoltà.

«Lasciato lì agonizzante» - Qualcuno, non vedendo arrivare il guardiacaccia, si è posto più di una domanda e ha sollevato dubbi sul suo operato: «Non so per quanto tempo il cervo sia rimasto nel bosco agonizzante prima che qualcuno mettesse fine alla sua sofferenza».

Le tempistiche - A fare chiarezza è direttamente l’Ufficio della caccia e della pesca: «Il guardacaccia di zona alle 9.30 è stato avvisato dalla polizia cantonale. La cerva ferita era fuggita nella vegetazione. Impossibilitato a intervenire immediatamente, il nostro agente ha subito contattato il conduttore di un cane da traccia (CTCT) domiciliato nella regione, il quale purtroppo si trovava all'estero». Considerati gli evidenti “problemi logistici”, il guardiacaccia «ha concordato con la polizia che si sarebbe recato in zona il prima possibile».

Dalle 8.45 alle 13.30 - L’animale nel frattempo si è inoltrato come ha potuto nel bosco. «Alle 13.30, dopo una difficile ricerca, a più di 500 metri dalla strada - conclude l’Ufficio - l’agente ha trovato la cerva el'ha dovuta abbattere a causa delle ferite riportate». La procedura in caso di investimento di un animale selvatico ha seguito l'iter previsto: l’automobilista ha chiamato la polizia che a sua volta ha avvisato il guardiacaccia. Purtroppo la cerva è stata abbattuta solo dopo più di quattro ore.

Numeri alti - Ogni anno sulle strade svizzere si verificano circa 20’000 incidenti con animali selvatici (dati 2017 Ufficio federale di statistica). La maggior parte sono causati da collisioni con i cervi. In Ticino sono ben 500. Nell'agosto del 2016 proprio per la prevenzione degli incidenti con selvaggina è stato installato un nuovo sistema di segnaletica attiva in due tratti di strada cantonale nei comuni di Serravalle (Legiüna) e di Claro (zona ex Motel Riviera). Nel momento in cui un animale selvatico si avvicinava al tratto interessato, il pannello luminoso dotato di termocamere e sensori di movimento indicava il segnale di pericolo di attraversamento di selvaggina e il conducente era tenuto a non superare i 40 km/h fino alla fine del tratto in questione. L'Ufficio della caccia e della pesca sta elaborando i risultati della fase test, che saranno disponibili nei prossimi mesi.

www.ti.ch
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MORBIO INFERIORE
1 min
«Il Covid si è preso mio papà a 67 anni, questo brano è per lui»
Federico Perpignano è morto il 14 marzo, è il sesto ticinese deceduto per coronavirus. L’iniziativa del figlio Davide.
CANTONE
1 ora
La critica di Suter: «Al ristorante seduti, in discoteca in 300»
Il presidente di Gastrosuisse Ticino fa notare alcuni «paradossi» nelle scelte operate da Berna
CANTONE
1 ora
La casa dei sogni post Covid? Di certo quella col giardino
Interessati soprattutto francesi e italiani. L'analista: «Tutto dipenderà dai flussi migratori in Italia».
FOTO E VIDEO
CADEMARIO
10 ore
Finisce contro un'auto, gravi ferite per un centauro
Il motociclista si è scontrato con un veicolo che si immetteva su via Cantonale da una strada secondaria.
VIDEO
CANTONE
11 ore
I festival si possono fare, purchè online: il caso di Poestate
Il festival letterario si trasferisce online, grazie alla collaborazione con Tio.ch/20minuti
SVIZZERA / CANTONE
13 ore
Quell'assalto alle dogane che non c'è stato
L'Amministrazione federale delle dogane non ha rilevato «un aumento significativo» del traffico transfrontaliero.
CANTONE
15 ore
AlpTransit ritarda: «Perché il Ticino non è stato coinvolto?»
Lorenzo Quadri chiede al Consiglio federale di prendere posizione sullo slittamento dell'orario 2021
CANTONE
16 ore
L'orario 2021 slitta ad aprile, il DT: «Ingiustificabile»
Dal dipartimento di Zali vengono espressi «delusione e rammarico» e si denunciano «danni milionari»
FOTO
VEZIA
17 ore
Il non profit si fa professionale
Il Centro competenze non profit è stato presentato stamattina alla stampa dal suo direttore, Giorgio Panzera
FOTO
MAGLIASO
19 ore
Anche gli zoo si preparano a riaprire
Nella struttura di Magliaso è in corso la posa della segnaletica per il mantenimento delle distanze
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile