Deposit
CANTONE
11.10.19 - 18:030

«Sì, lo smartphone ha ammazzato la camporella»

Sesso in pubblico e in pieno giorno. È stata l’ennesima estate di foto hard. Possibile tanta ingenuità? «No, questo è esibizionismo», sostiene il sessuologo Walter Beolchi

Sesso in luoghi pubblici

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO – Sesso in pubblico e in pieno giorno. Per poi finire sui social. E anche l’estate appena conclusa non ha fatto eccezione, con diversi scatti hot giunti in redazione un po’ da ogni parte del mondo. Dagli USA. Dall’Italia. Perfino dal Bellinzonese. Segno di un contesto, quello dell’intimità di coppia, che sta cambiando alla velocità della luce. «La privacy non esiste quasi più – sostiene il sessuologo Walter Beolchi –. Una volta si andava in camporella con l’obiettivo di non essere visti da nessuno. Adesso, nell’era dei social, si sa che si è al sicuro solo tra quattro mura».

Sesso, in pubblico, in pieno giorno. Ogni tanto spunta qualche immagine hard e open air. Possibile essere tanto ingenui?
Non è ingenuità. È esibizionismo, per forza di cose. Se una coppia oggi fa sesso all’aria aperta, in un luogo in cui c’è gente, sa benissimo che il rischio di essere fotografati o filmati è altissimo.

Già. Quasi tutti hanno uno smartphone.
Non credo esistano persone tanto sprovvedute da non considerarlo. Quindi se accade di essere immortalati in determinate situazioni, nella maggior parte dei casi è perché lo si desidera. Si ha voglia di essere mediatizzati, di finire in rete, di ricevere like. E, forse, non si considerano le possibili conseguenze di simili comportamenti.

 Ad esempio, quali?
Prima di tutto il sesso in pubblico può dare fastidio. Ci sono magari persone sensibili, o bambini, che passano. È una questione di rispetto. Inoltre, c’è un lato ricattatorio che non va dimenticato. Ogni immagine personale a sfondo sessuale può dare origine a un ricatto. E può segnare la serenità di una persona a vita.

Va considerato anche l’aspetto della reputazione personale.
Già. Quando certe foto o certi video iniziano a girare di chat in chat, non riesci più a fermarli.

Si è al sicuro solo tra quattro mura, diceva. È veramente così?
Il fascino del rischio gioca sempre un determinato ruolo. Si ha voglia di spingersi oltre, c’è sempre l’eccitazione di fare una cosa in un posto in cui ti potrebbero beccare. Il problema è che tutto questo si scontra col mondo tecnologico, con la possibilità che ognuno di noi ha di estrarre il cellulare dalla tasca e fare una foto o riprendere una scena. E quindi una persona “normale” ci pensa due volte prima di esporsi.

È un po’ come se lo smartphone avesse ammazzato la camporella?
Sì. Vale per tutti, tranne che per gli esibizionisti, appunto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
43 min
Per gli anziani il 2020 è un film horror
Isolamento da Covid. Soprattutto chi si trova in una casa di riposo continua a pagare un prezzo altissimo.  
FOTO
LUGANO
45 min
Incidente a Viganello
Le immagini giunte in redazione mostrano un uomo a terra, nei pressi del passaggio pedonale
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Immagini violente, propaganda, Isis e pedopornografia
C'è la richiesta di pena per i due presunti islamisti a processo: tre anni e sei mesi per uno, 34 mesi per l'altro
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Contratti di tirocinio: «La situazione sta migliorando»
Lo afferma la Segreteria di Stato per la formazione secondo cui ne sono finora stati stipulati il 90% di quelli del 2019
BELLINZONA
5 ore
Casa anziani di Sementina: «L'UDC fa sciacallaggio a scopo elettorale»
Il PPD risponde alle accuse rivolte dai democentristi a Soldini, Morisoli e ai dipendenti della struttura.
CANTONE
7 ore
Brutti ma buoni contro lo spreco alimentare
«I due terzi dei consumatori sono disposti ad acquistare una quantità maggiore di questi prodotti»
CANTONE
9 ore
Cinque nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'458. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BELLINZONA
11 ore
Perchè il mercato di Bellinzona ha successo?
Carlo Banfi, responsabile del mercato, ci svela i segreti della popolarità dell’appuntamento all'ombra dei castelli
LUGANO
13 ore
Yoga nudi per accettare i propri difetti
Dawio Bordoli, 56 anni, fa il "ricercatore spirituale". Una figura su cui molti sono scettici. Ecco i suoi segreti.
SVIZZERA
1 gior
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile