Deposit
CANTONE
11.10.19 - 18:030

«Sì, lo smartphone ha ammazzato la camporella»

Sesso in pubblico e in pieno giorno. È stata l’ennesima estate di foto hard. Possibile tanta ingenuità? «No, questo è esibizionismo», sostiene il sessuologo Walter Beolchi

Sesso in luoghi pubblici

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO – Sesso in pubblico e in pieno giorno. Per poi finire sui social. E anche l’estate appena conclusa non ha fatto eccezione, con diversi scatti hot giunti in redazione un po’ da ogni parte del mondo. Dagli USA. Dall’Italia. Perfino dal Bellinzonese. Segno di un contesto, quello dell’intimità di coppia, che sta cambiando alla velocità della luce. «La privacy non esiste quasi più – sostiene il sessuologo Walter Beolchi –. Una volta si andava in camporella con l’obiettivo di non essere visti da nessuno. Adesso, nell’era dei social, si sa che si è al sicuro solo tra quattro mura».

Sesso, in pubblico, in pieno giorno. Ogni tanto spunta qualche immagine hard e open air. Possibile essere tanto ingenui?
Non è ingenuità. È esibizionismo, per forza di cose. Se una coppia oggi fa sesso all’aria aperta, in un luogo in cui c’è gente, sa benissimo che il rischio di essere fotografati o filmati è altissimo.

Già. Quasi tutti hanno uno smartphone.
Non credo esistano persone tanto sprovvedute da non considerarlo. Quindi se accade di essere immortalati in determinate situazioni, nella maggior parte dei casi è perché lo si desidera. Si ha voglia di essere mediatizzati, di finire in rete, di ricevere like. E, forse, non si considerano le possibili conseguenze di simili comportamenti.

 Ad esempio, quali?
Prima di tutto il sesso in pubblico può dare fastidio. Ci sono magari persone sensibili, o bambini, che passano. È una questione di rispetto. Inoltre, c’è un lato ricattatorio che non va dimenticato. Ogni immagine personale a sfondo sessuale può dare origine a un ricatto. E può segnare la serenità di una persona a vita.

Va considerato anche l’aspetto della reputazione personale.
Già. Quando certe foto o certi video iniziano a girare di chat in chat, non riesci più a fermarli.

Si è al sicuro solo tra quattro mura, diceva. È veramente così?
Il fascino del rischio gioca sempre un determinato ruolo. Si ha voglia di spingersi oltre, c’è sempre l’eccitazione di fare una cosa in un posto in cui ti potrebbero beccare. Il problema è che tutto questo si scontra col mondo tecnologico, con la possibilità che ognuno di noi ha di estrarre il cellulare dalla tasca e fare una foto o riprendere una scena. E quindi una persona “normale” ci pensa due volte prima di esporsi.

È un po’ come se lo smartphone avesse ammazzato la camporella?
Sì. Vale per tutti, tranne che per gli esibizionisti, appunto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASCONA
6 ore
«Traffico ticinese paralizzato ovunque, non ci si muove più»
Lo sfogo della deputata Michela Ris, che invita i cittadini a ricorrere al car sharing e al telelavoro: «Nel 2020 con Alptransit le cose miglioreranno? Dipende da dove si abita»
CANTONE
7 ore
Fino a 60 centimetri di neve in Vallemaggia
Allerta a nord. Ma da domenica il tempo migliora e la prossima settimana torna il sole
BIASCA
8 ore
Allarme su Fb: «Rapitori di bimbi in paese». La scuola: «È un fake»
Un post su Facebook mette in ansia i genitori. All’origine ci sarebbe un fatto reale, un automobilista che ha avvicinato una bimba chiedendole il nome e poi è ripartito
CANTONE
9 ore
Solo un distretto risparmiato dai radar
La prossima settimana niente controlli mobili a Blenio. Ben 15 le località controllate nel Luganese
LOCARNO
10 ore
Lettere anonime a Dadò: «È la 150esima. Un'ossessione»
Da anni uno stalker l'avrebbe preso di mira. «Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno»
LUGANO
11 ore
Morta dopo la liposuzione, il medico non operava in Ticino
Arriva a distanza di un anno e mezzo la risposta del Consiglio di Stato sul dottor M.C. «Non ha mai ricevuto l'autorizzazione a esercitare»
FOTO E VIDEO
CANTONE / NEPAL
13 ore
Le mani ticinesi nella ricostruzione post terremoto
Oltre 600 case, due scuole e un ambulatorio medico grazie alla generosità. Kam For Sud ha concluso il lavoro di ricostruzione del villaggio di Saipu
LUGANO
15 ore
Chi conosce l’agente di quartiere, si sente più sicuro
Sono stati presentati stamani i risultati del sondaggio sulla sicurezza. I cittadini più soddisfatti della qualità di vita sono quelli di Castagnola, Carona e Cureggia
LUGANO
15 ore
Lago Ceresio, è allerta piena
Il rischio "marcato" è previsto tra le 11 di oggi e le 18 di lunedì. Anche la Tresa, l'emissario del lago di Lugano, si è alzata
LUGANO
17 ore
«Me la sono cavata con una giacca rotta e qualche "pattone" in faccia»
Parla la vittima dell'aggressione al posteggio di Campo Marzio: «Devo ringraziare la mamma che mi ha aiutato e la polizia cantonale che è stata gentilissima»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile