Tipress
LUGANO
13.09.19 - 09:260
Aggiornamento : 10:00

Molinari: «Sarà una risata che li seppellirà»

Gli organizzatori della manifestazione commentano la scelta del Municipio di creare una zona rossa: «un pretesto fomentato ad arte per creare paura e strade vuote»

LUGANO - Ieri il Municipio di Lugano aveva comunicato di aver deciso di delimitare una zona a cui il corteo dei molinari, previsto per domani, non potrà accedere. «Tale decisione garantisce, da un lato, l'esercizio dei diritti costituzionali ai manifestanti e, dall'altro, il corretto svolgimento delle altre manifestazioni già programmate nella zona centrale della città, tra cui la Corsa della Speranza» commentava ieri il Municipio.

La reazione del CSOA il Molino non si è fatta attendere, e attraverso un comunicato utilizza parole dure nei confronti della Città di Lugano, che viene definita «città vetrina impaurita», ma non solo.  

Zona rossa - A non essere digerita dai promotori della manifestazione è proprio la zona rossa creata dal Municipio, «un pretesto fomentato ad arte per creare paura e strade vuote» scrivono i molinari. 

Non solo. La zona off limits della città di Lugano viene paragonata a quelle di altre città, dove si sono verificati importanti scontri. «Le zone rosse ci riportano a inizio anni duemila. Genova, Davos, Praga. Città blindate, polizia che spara (Götebrog), polizia che uccide (Genova) e arresti, torture, traumi e repressioni». 

Percorso - La manifestazione attraverserà «quei quartieri che la “grande Lugano” vorrebbe trasformare o che sta già trasformando in non luoghi, securizzati, elitari e puramente rivolti al consumo» si legge sempre nel comunicato. 

Stando ai molinari, il timore della Città «non è tanto quello della devastazione e del saccheggio, ma la paura della contaminazione e della forza delle idee». 

In ultimo i molinari ci tengono a ribadire che «in un mondo in cui un confine, una legge o un conto in banca valgono più della vita di un essere umano o di una foresta millenaria, chi realmente devasta e saccheggia sono lo stato e il capitale».

1 mese fa Corteo dei molinari: «Queste zone saranno off-limits»
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GAMBAROGNO
2 ore

Fino all’altro ieri, qui si viveva “senza cellulare”

Mentre il mondo assapora il 5G, il villaggio di Indemini, 48 abitanti, può finalmente scoprire i piaceri della telefonia mobile. L’ex sindaco: «Aspettavamo questo momento da 20 anni»

CANTONE
12 ore

«Trattamenti da ambulatorio africano e nessuna privacy»

Nuova stilettata dell'avvocato Tuto Rossi contro il medico del traffico Mariangela De Cesare

CANTONE
14 ore

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
14 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
15 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
17 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
17 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
20 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile