Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI
MANNO
19.08.19 - 11:300

I vagoni non erano frenati a sufficienza

Rapporto del Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI relativo a un deragliamento verificatosi il 5 novembre del 2015 sul Piano del Vedeggio

MANNO - I mezzi frenanti indipendenti erano insufficienti per assicurare i cinque vagoni merci. Lo sostiene il Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI, che oggi ha pubblicato un rapporto relativo a un deragliamento verificatosi il 5 novembre del 2015 su un binario in zona industriale a Manno.

Quel giorno una squadra di manovra della FFS Cargo aveva spinto il gruppo di carri sul binario di raccordo a Lugano Vedeggio, fino davanti al cancello d’ingresso di un’azienda. La pendenza del binario, in quel punto, è del 12 per mille. Dopo lo sgancio della locomotiva, i carri erano frenati automaticamente. E sotto l’ultimo asse era stata posizionata una doppia staffa di arresto.

Il personale dell’azienda di Manno aveva in seguito avviato l’operazione per spostare i carri nell’area aziendale. Per questo erano stati allentati i freni. La doppia staffa non era però riuscita a mantenere in posizione i vagoni, che acceleravano lungo la discesa. I vagoni avevano attraversato due passaggi a livello dotati di croci di Sant’Andrea ed erano deragliati prima del punto di raccordo. Nessuno era rimasto ferito.

L’inchiesta del SISI ha evidenziato che i dipendenti dell’azienda «non avevano ricevuto alcuna apposita formazione, non erano seguiti nello svolgimento delle loro operazioni coi veicoli ferroviari e quindi non possedevano le conoscenze di base in materia di frenatura e assicuramento dei veicoli». Il Servizio d’inchiesta raccomanda quindi alle imprese di trasporto ferroviario «di verificare se le regole contrattuali vengono rispettate nella prassi anche su altri binari di raccordo». E ai gestori di binari di raccordo «di assicurarsi che tutti i loro addetti al servizio di manovra abbiano concluso le formazioni e gli esami necessari».

Commenti
 
hcap76 2 mesi fa su tio
SISI : Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) è l'organo statale della Confederazione Svizzera incaricato di svolgere indagini su incidenti ed eventi pericolosi nell'ambito delle ferrovie, aeromobili, battelli e navi. Queste attività hanno lo scopo di accertare non solo le cause dirette di tali eventi, ma anche i loro motivi più profondi e altri rischi a essi correlati. Le indagini hanno il solo obiettivo di ottenere informazioni grazie alle quali si possa prevenire in futuro incidenti e situazioni di pericolo e quindi garantire una maggiore sicurezza. I risultati delle indagini non hanno lo scopo di chiarire questioni relative alla colpa e alla responsabilità. Sapete quanti incidenti succedono? Ci vorrà il tempo che ci vuole,se pensate di essere più veloci accomodatevi. A parlare si fa presto!!!
hcap76 2 mesi fa su tio
@hcap76 https://www.sust.admin.ch/it/sisi-pagina-iniziale/ Lugano Vedeggio,sviamento movimento di manovra.
Verbania 2 mesi fa su tio
@hcap76 Eh no! Se si scopre un grave errore o negligenza, che si possono ripetere, li correggi 4 anni dopo? Nel frattempo lo stesso tipo di problema si può ripetere e provocare altri danni o peggio ancora vittime.
hcap76 2 mesi fa su tio
@Verbania Vengono corretti subito o entro poco tempo nel frattempo le indagini vanno avanti.
Verbania 2 mesi fa su tio
2015... che vergogna.
Alessandro Milani 2 mesi fa su fb
4 anni x avere un rapporto?x poi magari scoprire che già da prima si sapeva ma...fino a che capita nagott imboschiamo
Joelle Piffe 2 mesi fa su fb
😱
comp61 2 mesi fa su tio
I corsi costano!
hcap76 2 mesi fa su tio
@comp61 Vero i corsi costano ma servono per evitare questi e altri incidenti..basterebbe un istruzione sul posto con il personale di manovra al Max 15 minuti a dire tanto e la cosa è fatta..la doppia staffa di arresto serve per assicurare i vagoni contro la fuga e non per fermare vagoni una volta che si mettono in marcia e raggiungono una certa velocità..è tutto regolamentato ma è chiaro poi che,se i grandi capi non si interessano di far istruire i loro dipendenti da persone del mestiere,succedono queste cose e per fortuna non passava nessuno sui passaggi a livello in quel momento,vorrei vedere se ti arrivano 4-5 vagoni di quel tipo addosso...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE-BERNA
24 min
Ecco perché Carobbio non vuole il posto di Levrat
È partito il toto-nomi per la successione alla guida del Ps svizzero. Ma la ticinese si sfila dalla corsa: «Serve un cambio generazionale»
LUGANO/BERNA
49 min
Romano polemizza con Gysin: «Sembra Prosecco»
Residui di campagna: il consigliere nazionale punta il dito contro l'origine della bottiglia scelta per un brindisi della neoeletta dei Verdi. Che replica decantando gli spumanti svizzeri
CANTONE
2 ore
Il Ticino toglie la patente a Balotelli
Sul Foglio ufficiale odierno la notifica della Sezione della circolazione. Non potrà guidare sulle nostre strade dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020
FOTO E VIDEO
CAMPIONE D’ITALIA
2 ore
Campionesi in piazza per il proprio futuro
I cittadini dell'enclave non vogliono l'inclusione nel territorio doganale dell'Unione europea. Chiedono di ritirare il provvedimento o, perlomeno, una proroga
LUGANO
3 ore
All’interrogazione di Ghisletta risponde Quadri
Il leghista difende la pubblicazione sul Mattino di un estratto del rapporto della Commissione delle petizioni sulla naturalizzazione dell’imam Jelassi. «È oziosa e al limite del surreale»
CANTONE
4 ore
Infanzia rubata, la Chiesa evangelica «chiede perdono»
La CERT ha ascoltato Sergio Devecchi, pedagogista in pensione, che ha scritto un libro sull'affido coatto e l'esperienza di 17 anni in istituti per minori in Ticino e nei Grigioni
MENDRISIO / LUGANO
4 ore
Treno stracolmo: donna sviene e i passeggeri la soccorrono
È successo questa mattina su un Tilo tra Mendrisio e Lugano. «Stipati come in un carro bestiame»
FOTO E VIDEO
CAPRIASCA
6 ore
Due auto si scontrano a Treggia
Sul posto sono intervenuti i pompieri di Capriasca, la Croce Verde di Lugano e la polizia
VIDEO
BELLINZONA
7 ore
Video dal villaggio dell'orrore: «Vogliamo giustizia»
Al via il processo alla coppia che per anni avrebbe abusato sessualmente dei figli, filmando le scene. Ecco come la gente del posto vive una vigilia da brividi
LUGANO
18 ore
La pista galleggiante rischia di "spiaggiarsi" sulla sicurezza
Sul tavolo del Cantone il progetto finanziato da privati per un impianto sul lago dove pattinare a Natale. Decisiva sarà la perizia del geologo sulla tenuta dei fondali a riva
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile