Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI
MANNO
19.08.19 - 11:300

I vagoni non erano frenati a sufficienza

Rapporto del Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI relativo a un deragliamento verificatosi il 5 novembre del 2015 sul Piano del Vedeggio

MANNO - I mezzi frenanti indipendenti erano insufficienti per assicurare i cinque vagoni merci. Lo sostiene il Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI, che oggi ha pubblicato un rapporto relativo a un deragliamento verificatosi il 5 novembre del 2015 su un binario in zona industriale a Manno.

Quel giorno una squadra di manovra della FFS Cargo aveva spinto il gruppo di carri sul binario di raccordo a Lugano Vedeggio, fino davanti al cancello d’ingresso di un’azienda. La pendenza del binario, in quel punto, è del 12 per mille. Dopo lo sgancio della locomotiva, i carri erano frenati automaticamente. E sotto l’ultimo asse era stata posizionata una doppia staffa di arresto.

Il personale dell’azienda di Manno aveva in seguito avviato l’operazione per spostare i carri nell’area aziendale. Per questo erano stati allentati i freni. La doppia staffa non era però riuscita a mantenere in posizione i vagoni, che acceleravano lungo la discesa. I vagoni avevano attraversato due passaggi a livello dotati di croci di Sant’Andrea ed erano deragliati prima del punto di raccordo. Nessuno era rimasto ferito.

L’inchiesta del SISI ha evidenziato che i dipendenti dell’azienda «non avevano ricevuto alcuna apposita formazione, non erano seguiti nello svolgimento delle loro operazioni coi veicoli ferroviari e quindi non possedevano le conoscenze di base in materia di frenatura e assicuramento dei veicoli». Il Servizio d’inchiesta raccomanda quindi alle imprese di trasporto ferroviario «di verificare se le regole contrattuali vengono rispettate nella prassi anche su altri binari di raccordo». E ai gestori di binari di raccordo «di assicurarsi che tutti i loro addetti al servizio di manovra abbiano concluso le formazioni e gli esami necessari».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
hcap76 9 mesi fa su tio
SISI : Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) è l'organo statale della Confederazione Svizzera incaricato di svolgere indagini su incidenti ed eventi pericolosi nell'ambito delle ferrovie, aeromobili, battelli e navi. Queste attività hanno lo scopo di accertare non solo le cause dirette di tali eventi, ma anche i loro motivi più profondi e altri rischi a essi correlati. Le indagini hanno il solo obiettivo di ottenere informazioni grazie alle quali si possa prevenire in futuro incidenti e situazioni di pericolo e quindi garantire una maggiore sicurezza. I risultati delle indagini non hanno lo scopo di chiarire questioni relative alla colpa e alla responsabilità. Sapete quanti incidenti succedono? Ci vorrà il tempo che ci vuole,se pensate di essere più veloci accomodatevi. A parlare si fa presto!!!
hcap76 9 mesi fa su tio
@hcap76 https://www.sust.admin.ch/it/sisi-pagina-iniziale/ Lugano Vedeggio,sviamento movimento di manovra.
Verbania 9 mesi fa su tio
@hcap76 Eh no! Se si scopre un grave errore o negligenza, che si possono ripetere, li correggi 4 anni dopo? Nel frattempo lo stesso tipo di problema si può ripetere e provocare altri danni o peggio ancora vittime.
hcap76 9 mesi fa su tio
@Verbania Vengono corretti subito o entro poco tempo nel frattempo le indagini vanno avanti.
Verbania 9 mesi fa su tio
2015... che vergogna.
Alessandro Milani 9 mesi fa su fb
4 anni x avere un rapporto?x poi magari scoprire che già da prima si sapeva ma...fino a che capita nagott imboschiamo
Joelle Piffe 9 mesi fa su fb
😱
comp61 9 mesi fa su tio
I corsi costano!
hcap76 9 mesi fa su tio
@comp61 Vero i corsi costano ma servono per evitare questi e altri incidenti..basterebbe un istruzione sul posto con il personale di manovra al Max 15 minuti a dire tanto e la cosa è fatta..la doppia staffa di arresto serve per assicurare i vagoni contro la fuga e non per fermare vagoni una volta che si mettono in marcia e raggiungono una certa velocità..è tutto regolamentato ma è chiaro poi che,se i grandi capi non si interessano di far istruire i loro dipendenti da persone del mestiere,succedono queste cose e per fortuna non passava nessuno sui passaggi a livello in quel momento,vorrei vedere se ti arrivano 4-5 vagoni di quel tipo addosso...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
3 ore
La Città finanzierà (forse) la nuova Valascia
Il Consiglio comunale ha accolto la mozione di Sabina Calastri. Saranno i promotori a valutare se è necessario
CANTONE
6 ore
Lavoro da casa negato "per principio"
Fiscalità nel mondo professionale. La denuncia del sindacalista Giorgio Fonio e dello specialista Andrea Martone.
FOTO
AIROLO
9 ore
Incidente sulla Tremola, serie ferite per due confederati
Il 49enne circolava in direzione di Airolo a bordo di un trike, con una passeggera di 52 anni
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Swisscom: il guasto è stato risolto
I servizi di telefonia fissa e mobile sono rimasti indisponibili per oltre 3 ore
CANTONE / OBVALDO
12 ore
99 ticinesi andranno in vacanza (quasi) gratis
Sono stati estratti a sorte i vincitori delle settimane di vacanza a Engelberg. Parecchi i ticinesi.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Problemi alla rete Swisscom anche in Ticino
Internet, telefonia e tv interrotti per alcuni clienti. Guasti segnalati in tutta la Svizzera
CONFINE
16 ore
Lombardia e Piemonte potrebbero non riaprire il 3 giugno
Muro delle regioni del Sud contro una libertà di movimento senza controlli. L'anticipo aveva stupito anche Berna.
CANTONE
16 ore
Due nuovi casi e nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati nel nostro Cantone si attestano a 3'308. I morti restano 348
LUGANO 
19 ore
Un tampone pagato a caro prezzo
Un infermiere indipendente finisce in quarantena, ma non gli concedono l'indennità
CANTONE
19 ore
Lockdown più “felice” con le videochiamate, ma ora ci vuole «igiene digitale»
L'impiego dello smartphone è aumentato, anche per attività che in precedenza ritenevamo come secondarie
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile