foto rescue media
CANTONE
30.07.19 - 15:030
Aggiornamento : 18:08

Perché tutti questi veicoli in fiamme, in Ticino?

Il motivo ha a che fare con il caldo, ma non solo. Lo spiega Renato Gazzola del Tcs

BELLINZONA - L'ultima è stata, domenica, un'auto posteggiata in via Dragonato a Bellinzona. Le fiamme sono divampate dal niente, alle 18.30 del pomeriggio: la vettura era ferma e senza conducente. Ma nei giorni scorsi i veicoli andati a fuoco in Ticino sono stati diversi. 

Una Harley Davidson è bruciata sul Ceneri, mercoledì. Il giorno prima, una moto da enduro ha avuto la stessa sorte a Melide: carbonizzata sotto gli occhi increduli del proprietario, che l'aveva appena acquistata in un concessionario del Luganese. Lunedì era toccato a un'auto ferma in un posteggio a Giubiasco. 

In Svizzera non mancano casi anloghi: nelle scorse ore un incendio a catena ha quasi distrutto un posteggio sotterraneo, a Berna. Qualcosa di simile è successo nel posteggio del Paleo Festival a Nyon, sabato. 

Il fenomeno non è sfuggito al Tcs, che frena il panico e avverte: la colpa non è (solo) del caldo. Automobilisti e motociclisti «devono fare piuttosto attenzione alla manutenzione dei veicoli». 

Il motivo? Ogni incidente è un caso a sé, premette il portavoce del Tcs Renato Gazzola. «Quando un veicolo brucia è difficile risalire alla causa. Fatto sta che questo tipo di roghi sono aumentati tendenzialmente nel corso degli ultimi anni. Una statistica non esiste, ma la presenza sempre maggiore di componenti elettriche nelle auto ha certamente aumentato le possibilità di combustione». 

I fattori scatenanti «possono essere diversi» spiega l'esperto. Al degrado dei cavi e ai danni provocati dai roditori - le famigerate martore, in particolare - va aggiunto senz'altro anche il caldo. «La temperatura media all'interno del vano motore è sempre superiore di alcuni gradi rispetto a quella dell'ambiente» spiega Gazzola. «Con l'aggiunta supplementare della canicola, se i veicoli restano esposti al sole per ore, basta che una fonte interna di calore venga a contatto con un cavo elettrico perché quest'ultimo si degradi, e alla fine prenda fuoco». 

La raccomandazione, in ogni caso, è «provvedere quanto meglio alla manutenzione dei veicoli» conclude il portavoce del Tcs. «Lo stato di conservazione dei cavi, e la presenza o meno di perdite di liquidi o trasudazioni, può fare la differenza». Le temperature c'entrano: ma se la vostra vettura andrà a fuoco, probabilmente, non potrete dare la colpa solo al caldo.  

 

 

Commenti
 
Tato50 5 mesi fa su tio
Magari, in un qualche caso, un pensierino a chi è ben assicurato, ha problemi di leasing, vuole il modello più recente ? A volte i "miracoli" si avverano, in particolare se c'è la mano dell'uomo ( o della donna per le pari opportunità ). Avendo potuto costatare alcuni casi mi posso permettere il dubbio ?
centauro 5 mesi fa su tio
Componenti elettriche scadenti fatte in Paesi a "basso costo".......bruciano anche BMW, Audi e auto di un certo livello, quindi chi le compra paga cifre esorbitanti per scarsa qualità! ma allora non ne vale la pena!
F/A-18 5 mesi fa su tio
@centauro Per me si paga il prestigio di comperare certi marchi ma per il resto sono pari pari a Fiat, skoda, giapponesi o coreane varie, Toyota a parte che non si rompe mai, poi non è un mistero che chi compera X6, Audi A8 è tutto quello che è considerato lusso in pratica finanzia le versioni base. Ma poi tanto chissenefrega, chi ha soldi può e quindi spende comunque, quindi non demonizziamo i ricchi perché comunque aiutano i meno abbienti a risparmiare un po'.
centauro 5 mesi fa su tio
@F/A-18 Giusto non demonizzare i ricchi, coi loro soldi fanno ciò che vogliono, d'altronde gli articoli di lusso sono spesso fatti con materiali comuni dove si paga il marchio, l'industria funziona bene e dà lavoro a tanta gente, sempre che ci sia rispetto dell'etica e diritti dei lavoratori, almeno nel mondo occidentale, non immagino cosa succeda nei Paesi cosiddetti "emergenti".
vulpus 5 mesi fa su tio
La qualità dei materiali e delle soluzioni è evidentemente diminuita. Non parlo del comfort di guida o dell'arredamento interno. Ma come qualcuno ha già scritto , l'elettronica e gli accessori supplementari oggi istallati nei veicoli aumentano questi pericoli. Se poi i materiali arrivano da paesi dove "il costa poco" è la prassi, qualcosa può sempre succedere. Poi ci sono anche i furbi che posteggiano sui prati o dove l'erba è appena stata tagliata. La gente non si rende conto della temperatura che i catalizzatori raggiungono.
Antonella del Giudice 5 mesi fa su fb
Il signore che aveva appena acquistato l'auto, quale manutenzione doveva fare?
Victoria Maria Navarro 5 mesi fa su fb
Mi raccomando l'importante è credere alle barzellette!!!! Alla favola della fata turchina ecc.... Come i palazzi che prendono fuoco da settimane e le cascine... Sicuramente anche per questi c'è una spiegazione logica il tempo 😂 Ma per favore 🙄🤦🏻‍♀️😤.
Victoria Maria Navarro 5 mesi fa su fb
🙄🤦🏻‍♀️
Lu Lucy 5 mesi fa su fb
io appoggio questa tesi invece: Impianti modificati: spesso le cause sono da ricercare in manomissioni dell’impianto per inserire accessori non omologati, come lampadine e fusibili troppo potenti. Il consiglio è quindi quello di non modificare l’impianto elettrico e verificare che un eventuale piccolo danno non comprometta la linea di scarico o l’impianto elettrico in generale.
Francesco Scimeca 5 mesi fa su fb
Ma.quale caldo made in Cina
Francesco Cec Moretti 5 mesi fa su fb
Ma non erano solo le auto elettriche quelle così pericooooolooose?
lo spiaggiato 5 mesi fa su tio
Chissa come faranno nei paesi caldi?... :-)))))))))
Tato50 5 mesi fa su tio
@lo spiaggiato Le bruciano loro come fanno certi da noi ;-)))
Basilio Baertschi 5 mesi fa su fb
?? cosa dovrebbe succedere alle auto circolanti al di sotto del 23o parallelo? ......magari che siano le interminabili, quotidiane colonne a motore acceso (ma non ci sono alternative), i semafori, le numerose rotonde che fanno aumentare le colonne auto , le gallerie transitate a 60-70km/h invece che 80 (e perché no anche a 90, se possibile !), le strade percorse a 40/50km/h, invece che 50/80km/h ; in poche parole un innumerevole numero di guidatori con competenze di guida indicibili . le nostre strade sono queste, il territorio è quello che è, non siamo nell’altipiano nord alpino, se aumentano il numero di auto circolanti, ma non il percorso fatto, l’unico sistema per mantenere, o eventualmente diminuire il tempo di percorrenza è quello di aumentare i limiti di velocità; da 60 a 70, da 80 a 90, infine da 120 a 140. è una proposta folle? in svizzera si, non do chi è ancora capace a guidare a quelle velocità folli😉
Lorenzo Pozzi 5 mesi fa su fb
Da alcuni anni le auto si ritrovano con motori incapsulati e circondati da una quantità inutile di coperchi di plastica. Vuoi che prima o poi non prendano fuoco? Vani motore che accumulano calore da fare paura invece che dissiparlo :-(
Marco Palermo 5 mesi fa su fb
Sciessere Alessandro
miba 5 mesi fa su tio
Ha ragione Gazzella, non è solo il caldo ma anche per esempio quando il leasing costa troppo, quando non ci si ferma subito se si accende una spia, quando le nostre strade sono perennemente intasate ed i motori surriscaldano e non da ultimo via sicura (veicoli con diversi cavalli che sono obbligati a circolare come le lumache)
Tato50 5 mesi fa su tio
@miba "miba", adesso è un vizio che scrivo prima di aver letto i tuoi Post ! ........... il leasing che costa troppo ......... ;-)))
Maurizio Zanta 5 mesi fa su fb
Io la chiamerei semplicemente sfiga
Angelo Michele Maiorano 5 mesi fa su fb
Mah, la moto era nuova....
Valerio Castellani 5 mesi fa su fb
Ma meno male che l’ha detto l’esperto tanti si fidano del meccanico e il cofano non lo aprono mai, poi spie e spie il cruscotto e come un albero 🌲 di Natale e segnala tutto è logico che tutto non quadra mah sarà la stagione 🍏🍏🍏
gokyo66 5 mesi fa su tio
Si ma come si spiega il tipo che ritira la moto Nuovo dal concessionario e dopo pochi km prende fuoco???
KilBill65 5 mesi fa su tio
@gokyo66 E quello che mi sono chiesto anch' io…...Penso il troppo caldo o un difetto della moto!!!....
Manuela de Rungs 5 mesi fa su fb
Finalmente qualcuno lo spiega.....
Max Bartolini 5 mesi fa su fb
L'unico modo per liberarsi dai riscatti parziali, a valori assurdi, dei leasing... 🤣🤣🤣🤣
Roberto Barboni 5 mesi fa su fb
O magari anche la “componentistica” al risparmio... 🤣🤣
Lella Losa 5 mesi fa su fb
Evviva i " rottami " della nuova generazione ..
Sono Bravo 5 mesi fa su fb
Parti elettriche! Immaginiamo se tutte fossero auto elettriche! Io sono contro!!
Francesco Cec Moretti 5 mesi fa su fb
Sono Bravo le elettriche come tesla hanno le batterie climatizzate proprio per evitare shock termici
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
8 ore
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
LOCARNO
8 ore
«Mi chiamo Martino e a 183 anni vorrei essere morto per tutti»
Una "grida per ricerca di persona scomparsa" cerca informazioni su un cittadino di Cugnasco nato nel 1837. Il pretore spiega quando sorge la necessità di fare chiarezza sui proprietari di beni o fondi
LOCARNO
10 ore
Monte Brè: «La domanda di costruzione sarà respinta»
Il sindaco Alain Scherrer si esprime su Facebook, commentando un post di Fabrizio Sirica. E chiude la porta in faccia alla Aedartis AG
CONFINE/CHIASSO
12 ore
Quella montagna di soldi sequestrata alla dogana di Chiasso
Nel 2019 la Guardia di Finanza ha rinvenuto quasi sei milioni di franchi celati nelle automobili. Con gli evasori che hanno usato anche trucchetti ingegnosi per nasconderli
SVIZZERA
13 ore
La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa
Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori
ITALIA / LOCARNO
15 ore
Luigi Favoloso scomparso? L'ex della Moric scovato in Ticino
La rivista "Chi" lo ha immortalato a Locarno, con occhiali da sole, un piumino e una felpa con cappuccio
LOCARNO
17 ore
Ecco come sarà il maxi resort della discordia
I promotori del progetto a Monte Brè hanno presentato il futuro Borgo Miranda alla popolazione in una serata pubblica
FOTO
CANTONE / AUSTRALIA
21 ore
Garze e calzette ticinesi hanno raggiunto i koala
Il pacco spedito dal Ticino è arrivato in Australia. Dall’associazione: «Siete leggende. Grazie di aiutarci ad aiutarli»
LUGANO
21 ore
Quattro assunzioni e un lavoro che non esiste
L'annuncio di ricerca personale. I contatti via WhatsApp. E la firma di contratti che valgono come carta straccia. Ma l'azienda ribatte: «Presto apriremo»
CONFINE
1 gior
Discarica abusiva: «Danno ambientale gravissimo»
Rifiuti pericolosi, ma anche animali abbandonati. C'era un po' di tutto nell'area a due passi dal confine ora posta sotto sequestro, scovata grazie alla segnalazione di un malcantonese
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile