Tipress (archivio)
In Ticino 213 hanno abbassato le serrande per insolvenza e 238 per lacune nell'organizzazione.
CANTONE
08.07.19 - 11:320
Aggiornamento : 11:55

Chiusure per fallimenti: sono 451 in sei mesi

Triste controtendenza rispetto alla situazione nazionale per il Ticino che fa segnare un incremento su base annuale del 17%

BELLINZONA - Il numero di fallimenti di imprese in Svizzera per insolvenza è diminuito tra gennaio e giugno del 3% a 2395 aziende, secondo dati diffusi oggi dalla società di informazioni economiche Bisnode.

Tenendo conto anche delle chiusure per lacune nell'organizzazione (articolo 731b del Codice delle obbligazioni), il numero di bancarotte si è attestato a 3396 (+1% rispetto ai primi sei mesi del 2018).

In controtendenza il Ticino, dove nei primi sei mesi dell'anno in corso 451 aziende hanno abbassato la serranda (213 per insolvenza e 238 per lacune nell'organizzazione), pari a un incremento su un anno del 17%. Va detto, per precisione, che il numero di chiusure per insolvenza è rimasto stabile a 213, mentre è salito da 173 a 238 il numero di società chiuse per motivi organizzativi.

In forte flessione i fallimenti nei Grigioni, calati su un anno del 50% (da 126 a 60, 41 per insolvenza e 19 per ragioni organizzative).

Per quanto attiene al numero di nuove imprese, nel primo semestre ne sono state istituite 22'722 a livello nazionale, pari a un aumento del 2% su un anno. In Ticino, le società iscritte nel registro di commercio sono state 1200, 72 in meno su un anno (-6%). Nei Grigioni le nuove imprese sono state 484, sei in meno (-1%).

L'attività è stata particolarmente intensa nei cantoni Berna (+11%), Appenzello Interno (+51%) e Glarona (+12%).

Commenti
 
Silvana Fantacone 3 mesi fa su fb
Bisogna anche dire che ci sono parecchie società anonime che continuano a dichiarare fallimento e a riaprire indisturbati perché la legge glielo permette ... Finchè non cambiate le leggi sulle SA che possono far m.... fregando anche parecchi clienti non solo i loro fornitori e a un certo punto dichiarare cessazione attività e continuare a riaprire come nulla fosse e nessuno può pretendere di riavere in alcun modo i loro soldi dovuti proprio perché da furbi hanno creato una Società anonima bè questi continui apri e chiudi non avranno mai fine .... ribadisco parecchie non tutte sono così ... ma purtroppo gran buona parte sono recidive
Benedetto Craco 3 mesi fa su fb
troppe tasse , vanno abbassate
anndo76 3 mesi fa su tio
be' carlo aielo se cerchi 50mila altri frontalieri allora confermi che quelli residenti non hanno voglia di fare un C....O se non disoccupazione e birretta. Oltre a cio',magari nella testolina non ci arrivi che se cercano ( ad esempio ) 30 medici e qui ce ne sono solo 10 gli altri li devi cercare fuori confine.... ) ma sicuramente sei con il norman sgorbio, che di economia e finanza capisc na' got
Norys Cerda Lara 3 mesi fa su fb
Come si fa a sopravivere qua
Maurizio Roggero 3 mesi fa su fb
Il Ticino in controtendenza?!?! E pure in peggio?!?! Ma da quando?!?!? 🤪🤪🤪
Carlo Aiele 3 mesi fa su fb
Vi stupite ??? Se 3 miliardi all'anno vanno in stipendi a chi qua non spende non è che sia abbastanza chiaro che si chiude ????? Ma il cervello viene usato ??? Cosa invece sucederebbe se quei 3 miliardi all'anno venissero spesi in Ticino ???????? Molti posti di lavoro in piu.... meno povertà...piu tasse....piu soldi AVS....piu tutto.... ma meglio assumere altri 50mila frontalieri dai....
Andràs Gyöngy 3 mesi fa su fb
Carlo Aiele caro Carlo chi assume i frontalieri? Le ditte straniere? Le ditte Italiane? Le ditte dell‘EU? Oppure le nostre aziende??? Vieni da me e ti mostro tutte le ditte che assumono frontalieri. Eccezion fatta dei grandi distributori sono tütt di noss😟🤪
Sandrini Sirio 3 mesi fa su fb
Carlo Aiele ma che cazzo racconti e ci credi pure a quelle storielle più AVS + salari soendendo in Ticino o in CH? Per foraggiare gli stipendi dei frontalieri, Politici, cassemalati, negozi alimentari pieni di commesse frontaliere, ecc. ecc. Allora vado direttamente oltre confine a spendere i miei soldi che oltre risparmiare li mando tutti a fanc....E il 90% dei fallimenti sono gia' programmati appositamente per fregare l'agente non pagando contributi sociali, affitti, ecc.
Carlo Aiele 3 mesi fa su fb
Sandrini Sirio fatto sta che piundi 3 miliardi solo in ticino finiscono in tasche di italiani che qua non spendono.
Sandrini Sirio 3 mesi fa su fb
Carlo Aiele e fanno bene. Allora il discorso vale pure per le vacanze che migliaia di svizzeri vanno in Italia. I soldi ci sarebbero eccome anche per andare in pensione a 60 anni basta sbattere fuori dalla Svizzera tutti i mantenuti che ci ritroviamo socialisti in primis
Nicklugano 3 mesi fa su tio
State tranquilli che tutte le chiusure alla fine hanno una situazione di insolvenza, le lacune nell'organizzazione rappresentano quasi sempre il modo più economico per fallire senza ulteriori costi. Cominciamo da una semplice misura: pretendiamo la copertura di un anno dei costi presunti di oneri sociali, imposte alla fonte ed LPP (aggiungete pure l'IVA). Vedrete che i "pufatt" ci pensano due volte, anche perché non sono in grado di farlo.
Tato50 3 mesi fa su tio
Cosa vorrà dire il termine "ragioni organizzative" ? Magari contabilità fatta alla "bruto cane" quindi in passivo, ma, miracolo, conto in qualche Banca a 5 o 6 zeri ;-((
Nicklugano 3 mesi fa su tio
@Tato50 No, generalmente si parla di mancanza di sede, di un amministratore, risp. di un gerente per le Sagl.
Tato50 3 mesi fa su tio
@Nicklugano Ah ok ;-)) Pensi che tra i vari falliti, a pensar male a volte....... qualche cosa da parte, magari di cospicuo, ci sia tra i vari meandri, alla faccia del lasciare a casa una decina di persone, il gruzzoletto ? Io, visto il lavoro che facevo, qualche deformazione professionale mi è rimasta ;-))
Zico 3 mesi fa su tio
Quanto hanno lasciato di puff le aziende insolventi? fare una bella indagine giornalistica per saperlo? ecco un'idea, un apiccola idea per sapere anche da dove provengono, se le stesse persone hanno riaperto e perchè sono insilventi? Non sono stati pagati dai clienti o hanno fatto puff tutto da sola?
anndo76 3 mesi fa su tio
@Zico forse non sai che per essere amministratore devi essere residente, almeno permesso b e autorizzato ad "attivita'" lucrativa. Ergo i puff li vanno i ticinotti residenti ( italiani, svizzeri,serbi, kosovari etc ma SEMPRE residenti qui ) Le leggi sono sbagliate. comincia a bannare e dargli interdizione per 5 anni a uno che fallisce, e accertati se bancarotta fraudolenda lo cacci in carcere. Fino a che le leggi qui sono "chiudo una e apro a mio nome un altra" sono inattacabili. Sai quanti in tutta la svizzera campano cosi ? non ne hai idea...... restano impuniti
Zico 3 mesi fa su tio
@anndo76 lo so. ma un permesso B resta unb permesso B. inoltre con autocertificazione. perchè come scrivi sopra il Gobbi (che non capis nagot?!), voleva per iscritto il carico delle pendenze. Ma tutti a Berna hanno detto che non era necessario. Quindi non sparare su chi proprio ha il minimo delle colpe solo per ideologia politica. per il resto d'accordo con te.
Alan Casahorran Brugnoli 3 mesi fa su fb
Ticino = Italia ...
Paolo Mac 3 mesi fa su fb
Alan Casahorran Brugnoli direi peggio perché qui i soldi ci sono!
Paolo Scarduelli 3 mesi fa su fb
Brutto segno, quando in paese chiudono gli esercizi commerciali o negozi, come volete chiamarli, il paese muore.....peggio ancora quando sono le imprese che producono reddito e danno lavoro......No questo non va bene...😠😠😠
Elvo Corti 3 mesi fa su fb
Con tutti i CAVALIERI D'INDUSTRIA che girano è più che normale e pi la legge è fatta si MISURA per questa "gente" che lo sa benissimo ...!!!
Sonia Merzaghi 3 mesi fa su fb
Bela fadiga
matteo2006 3 mesi fa su tio
E quanti di questi hanno già riaperto con un altro nome?
anndo76 3 mesi fa su tio
@matteo2006 leggi sbagliate e da cambiare. ma interpellanze di questo genere non ne ho mai viste....chiassa' perche'
Dioneus 3 mesi fa su tio
@anndo76 Chiedete a Robbiani, magari riesce a partorirne una sensata
Zico 3 mesi fa su tio
@Dioneus non oer difendere Robbiani, ma tu cosa proponi? i 'tuoi ' cosa propongono? e non tirami la solita bufala che tu non voti, che non hai partito e bla e bla
anndo76 3 mesi fa su tio
ennesima dimostrazione che il ticino e' morto...niente commercio al dettaglio ( vedi i molti storici locali e negozi di lugano ) imprese ( molte aprono all'estero per i costi ) e sempre piu' in disoccupazione. Se non si svegliano a rilanciare il ticino, sara' un paradiso per anziani....cs e le sue costruzioni ( rigorosamente in affitto, vedi chiasso ) sono la dimostrazione .
Mag 3 mesi fa su tio
"... 238 il numero di società chiuse per motivi organizzativi." ovvero, NON rispettavano la legge.
anndo76 3 mesi fa su tio
@Mag tua deduzione....io leggo che sempre piu' non fa' nulla la politica per incentivare imprese e commercio ne tantomeno i negozianti e lavoratori ( dalle 8-17 e' finito da un pezzo, per non parlare del sabato ....) x cui altri disoccupati da mantenere etcetc , ma farci furbi con incentivi fiscali come Bulgaria, Malta etcetc no ? troppo difficile ?
Monello 3 mesi fa su tio
@anndo76 Come fanni i Bulgari ed i Maltesi ?
Tato50 3 mesi fa su tio
@anndo76 Come lo Stato ha aiutato con incentivi la Pramac che dopo poco tempo è sparita nel nulla ?
anndo76 3 mesi fa su tio
@Monello bulgaria tassazione fissa al 10 % sugli utili, infatti un sacco di imprese internazionali hanno aperto li e assunto residenti. Malta , se metti offshore come socia paghi il 5% ( e raggirono la legge europea sulle tassazioni ) con un fortissimo incremento del pil negli ultimi 6/7 anni ( puoi verificarlo dalle fonti ufficiali ). Paradossalmente a Malta manca il personale, specie settore finanziario, alberghiero etcetc
anndo76 3 mesi fa su tio
@Monello da noi invece sempre piu' restrizioni e burocrazia, ma cambiamenti,politiche attrattive per imprese etc e creare cosi lavoro niente ! Poi aggiungi che qui alle 17 tutt a ca'.....fai tu...se ti sembra normale nel 2019 chiudere alle 16 i negozi il sabato....poi non ci si lamenti se l'economia va' altrove
Tato50 3 mesi fa su tio
@anndo76 Sindacatiiiiiiiiiiiii ;-)))
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
3 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
LUGANO
5 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
6 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
VIDEO
CANTONE
8 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
CANTONE
11 ore
«I radar? No agli accanimenti»
Norman Gobbi spezza una lancia a favore degli automobilisti. E insiste sulla distinzione tra «prevenzione e far cassetta»
FOTO E VIDEO
COMANO
12 ore
Esplosione al bancomat: «Ad agire? Presumibilmente più di una persona»
Per la Polizia è prematuro parlare della stessa mano dei precedenti colpi. Il portavoce: «Attendiamo i rilievi»
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Le frane bloccano il Lucomagno e la Novena
Diversi metri cubi di roccia sono precipitati sulla carreggiata in territorio di Disentis. Smottamenti anche a Ulrichen e in via Valmara a Brissago
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile