DECS
Da sinistra Corrado Coltella amministratore delegato, il Consigliere di Stato Manuele Bertoli e Luca Sudanti Presidente del CDA con alcuni apprendisti.
CANTONE
05.07.19 - 13:030

La formazione professionale resta il «percorso privilegiato» dai giovani

In Ticino la scelgono due terzi degli allievi del post-obbligatorio. Oltre 2500 aziende mettono posti a disposizione

BELLINZONA - Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) ha presentato oggi i risultati dei sondaggi condotti negli scorsi mesi sui giovani che hanno concluso la scuola media a giugno, nonché sugli apprendisti diplomandi alla fine del tirocinio.

Nell’anno scolastico appena concluso sono entrate nel percorso formativo professionale 3'626 persone: circa la metà erano giovani uscenti direttamente dalla scuola media, l’altra metà erano ragazze e ragazzi provenienti da altri percorsi (misure di sostegno alla transizione, altre formazioni, riqualificazioni, ecc.). Questo dato, se confrontato con la fotografia dei desideri dei ragazzi che stanno finendo la scuola media, permette di evidenziare come nessuna scelta sia definitiva.

Nel 2019 sono oltre 2500 le aziende in Ticino ad aver messo a disposizione posti di apprendistato (ben 6’600 nel complesso). Nel nostro Cantone la formazione professionale risulta essere un percorso privilegiato, scelto dai due terzi degli allievi del post obbligatorio (10’146 su un totale di poco superiore ai 15mila allievi). Per la maggior parte di questi la formazione avviene in modalità duale, mentre il numero di studenti che hanno frequentato a tempo pieno una scuola professionale è stato di 3’531.

Una bilancia tra desideri e disponibilità - La collaborazione tra le aziende e la Divisione della formazione professionale resta un tassello fondamentale per «far in modo che i giovani possano trovare il lavoro che hanno scelto e i datori di lavoro contare su manodopera qualificata locale».

Quello delle scelte e opportunità è un gioco di equilibrio tra il desiderio dei giovani e la disponibilità di posti di tirocinio da parte delle aziende, come ha evidenziato Rita Beltrami, direttrice dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale (UOSP), presentando il rilevamento di giugno 2019 delle scelte prospettate dai 3'200 ragazzi che stavano terminando la quarta media. Sul totale degli 893 ragazzi che avevano espresso il desiderio di intraprendere un apprendistato, poco meno della metà aveva già sottoscritto un contratto, mentre gli altri erano ancora in trattativa. A inizio luglio vi erano ancora 419 posti di apprendistato liberi.

I ragazzi che sono ancora senza una soluzione possono contattare l'UOSP o consultare sul sito www.orientamento.ch la banca dati dei posti liberi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
3 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
LUGANO
4 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
CANTONE
7 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
9 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
9 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
13 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
1 gior
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
1 gior
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
1 gior
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile