Tipress
LUGANO
25.06.19 - 06:000
Aggiornamento : 09:05

«Spariscono i parcheggi per disabili e l’accesso al centro e al lago è tabù»

La denuncia di un’automobilista che racconta la propria odissea alla ricerca di un posto auto al Lido: «Ma anche il centro è fuori portata. Sembra non vogliano vedere le persone con andicap»

LUGANO - Da un lato ci sono gli spazi riservati virtuali, su cui aggiorna in particolare il sito www.parcheggiodisabili.ch e che sembrano anche numerosi sulla mappa. Dall’altro, invece, c’è l’odissea per trovarne uno vero, quando serve. A lanciare il sasso nello stagno dell’indifferenza è Gilda Degiorgi, 69 anni e un problema di salute che la obbliga a usare il deambulatore, ma non le impedisce di guidare la propria auto.

La riga da gialla a bianca - Domenica scorsa aveva un appuntamento alla Foce, ma la strada lungo il fiume Cassarate - dove ci sono due stalli appositi - era chiusa per un evento sportivo. Si è ricordata allora dei parcheggi per disabili del Lido. «Dove sono finiti? Il posteggio davanti alla porta del Lido - racconta la donna - è diventato uno spazio con la scritta “ambulanza”. Ho cercato allora i due posti sulla destra, vicino ai campi da tennis e l’altro più lontano. Non ce n’era più uno. La riga gialla è diventata bianca! In pratica sono dovuta tornare a casa. Furente».

Il centro off limits - Un’arrabbiatura che la signora Degiorgi ha affidato ai social dove ha ampliato la sua critica alle principali città ticinesi. Ma il cattivo esempio, sostiene, arriva principalmente da Lugano: «È un problema che riscontro in particolare nel centro. In zona Casinò ci sono due parcheggi per disabili sempre occupati. Sono davvero pochi e i cantieri attualmente aperti complicano la situazione. Ho come l’impressione che Lugano non voglia vedere le persone portatrici di andicap». Il problema è acuto per chi, come la signora, non riesce a compiere lunghi tragitti a piedi. Ad esempio, ce ne sono due in Piazza Monte Ceneri, «ma - osserva - sono troppo lontani da Piazza Riforma. Pedonalizzare va bene, ma lasciate delle possibilità d’accesso a chi non cammina con le proprie gambe! Invece è diffusa l’idea che il disabile debba essere sempre accompagnato».

E anche nella capitale… - La donna lamenta una diffusa improvvisazione: «Per esempio in centro a Bellinzona tempo fa per accedere con l’auto alla zona di Piazza Collegiata mi è successo di non trovare più chi riaprisse la barriera alla mia amica che mi doveva riportare a casa. È stata un’avventura camminare nella notte con il deambulatore». Tutte esperienze che fanno dire a Gilda Degiorgi quanto la realtà ticinese sia «lontana anni luce dai buoni propositi di inclusione andicap e che i politici dovrebbero pensare anche a chi ha difficoltà motorie quando pedonalizzano le città. Ricordate anche l’invecchiamento della popolazione e il diritto di tutti ad accedere al centro e al lago!».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
39 min
Lavoro da casa negato "per principio"
Fiscalità nel mondo professionale. La denuncia del sindacalista Giorgio Fonio e dello specialista Andrea Martone.
FOTO
AIROLO
3 ore
Incidente sulla Tremola, serie ferite per due confederati
Il 49enne circolava in direzione di Airolo a bordo di un trike, con una passeggera di 52 anni
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Swisscom: il guasto è stato risolto
I servizi di telefonia fissa e mobile sono rimasti indisponibili per oltre 3 ore
CANTONE / OBVALDO
6 ore
99 ticinesi andranno in vacanza (quasi) gratis
Sono stati estratti a sorte i vincitori delle settimane di vacanza a Engelberg. Parecchi i ticinesi.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Problemi alla rete Swisscom anche in Ticino
Internet, telefonia e tv interrotti per alcuni clienti. Guasti segnalati in tutta la Svizzera
CONFINE
10 ore
Lombardia e Piemonte potrebbero non riaprire il 3 giugno
Muro delle regioni del Sud contro una libertà di movimento senza controlli. L'anticipo aveva stupito anche Berna.
CANTONE
10 ore
Due nuovi casi e nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati nel nostro Cantone si attestano a 3'308. I morti restano 348
LUGANO 
13 ore
Un tampone pagato a caro prezzo
Un infermiere indipendente finisce in quarantena, ma non gli concedono l'indennità
CANTONE
14 ore
Lockdown più “felice” con le videochiamate, ma ora ci vuole «igiene digitale»
L'impiego dello smartphone è aumentato, anche per attività che in precedenza ritenevamo come secondarie
CANTONE
22 ore
«In casa anziani 75enni morti, Marco Solari è stato curato»
Botta e risposta in Gran Consiglio tra Matteo Pronzini e Raffaele De Rosa. Dibattito acceso sui morti in casa anziani.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile