Rescue Media (archivio)
In 4 giorni sono state riscontrate ben 183 potenziali infrazioni in zona pedonale e 185 per circolazione sul marciapiede.
LUGANO
11.06.19 - 09:180

Quanti ciclisti "distratti" sui marciapiedi luganesi

Si è conclusa la campagna di prevenzione MARCIA-A-PIEDI” promossa dalla Polizia Città di Lugano

LUGANO - Sono ancora troppi i ciclisti che ogni giorno si “dimenticano” di rispettare il divieto di circolazione sui marciapiedi o in zona pedonale. A rivelarlo è l’esito della campagna di prevenzione “MARCIA-A-PIEDI” promossa dalla Polizia Città di Lugano in collaborazione con Pro Velo Ticino.

Su un totale di 371 utenti controllati (246 bici, 104 e-bike 25 km/h, 5 e-bike 45 km/h a cui si aggiungono 12 monopattini elettrici e 4 sedie a rotelle elettriche) - dal 21 al 24 maggio - sono state infatti riscontrate ben 183 potenziali infrazioni in zona pedonale e 185 per circolazione sul marciapiede, per le quali l’autorità ha proceduto (a fine di sensibilizzazione) al solo ammonimento. Tre invece le contravvenzioni elevate per mancato rispetto del semaforo rosso.

L’operazione ha coinvolto 24 agenti - che hanno controllato già 134 veicoli il primo giorno, 99 il secondo, 71 il terzo e 67 l’ultimo - e si è concentrata prevalentemente nella zona pedonale del centro cittadino, sui suoi accessi principali e lungo i marciapiedi adiacenti. Da notare che nell’arco dei 4 giorni sono pure state effettuate delle verifiche tecniche sui diversi veicoli fermati che hanno permesso di constatare alcune piccole manchevolezze, da ricondurre perlopiù alla mancanza di catarifrangenti e luci.


Le infrazioni più frequenti per velocipedi e ciclomotori.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
mela morsicata 8 mesi fa su tio
Lugano dovrebbe creare dei percorsi cittadini per Pedoni e ciclisti separati, in modo da potersi spostare in tutta la citta!
lollo68 8 mesi fa su tio
A scuola insegnano ad attraversare la strada. Bisognerebbe anche insegnare ad andare con le bici sulla strada come fanno in CH tedesca.
dilandog 8 mesi fa su tio
Lugano è divendata una città Universitaria e molti studenti vanno in bici, bisogna aumentare le piste ciclabili, il confronto con la Svizzera Interna è enorme, siamo indietro anni luce eppure la Nazione è la stessa! Sostenere la mobilità lenta è la priorità se vogliamo ridurre almeno un po l' inquinamento nelle nostre città. Almeno per il Sabato e Domenica e festivi si dovrebbe attuare il divieto di circolazione per auto e moto sul Lungo Lago (LAC - Ciani) o almeno parziale, una solo corsia per le auto proveninenti da Lugano Sud, l'altra a doppio senso per le bici dal Ciani al Lac. ed obbligo di prendere l'autostrada a Lugano Nord!
sedelin 8 mesi fa su tio
@dilandog la svizzera interna (altopiano) ha una conformazione diversa, é quasi piatta, leggermente collinosa. pretendere di affiancare ovunque piste ciclabili alle strade in un luogo montagnoso e ripido é chiedere troppo. penso che laddove sia possibile, benvengano le piste ciclabili, altrimenti i ciclisti si devono adattare alle regole della circolazione, come chiunque.
dilandog 8 mesi fa su tio
@sedelin Iniziamo a limitarci alle zone pianeggianti del luganese. Come già specificato in un post precedente, correlato a questo, ci sono ciclisti e ciclisti, mi concentro più sul lato passeggio/famiglia in zone pianeggianti del luganese e siamo messi veramente male!
Bacche80 8 mesi fa su tio
Lugano dovrebbe imparare da Bellinzona: oltre a imporre divieti bisognerebbe anche creare spazio dove i ciclisti possono circolare. Sulle strade è molto pericoloso. Ho provato e rischi la vita: strade strette, auto posteggiate ovunque. Quindi, lasciamo tutti la bici a casa?
sedelin 8 mesi fa su tio
mah, vedremo se si riesce a farli mettere finalmente in riga. io ne ho piene le scatole di vedermeli zigzagare fra le auto incolonnate, di vedermeli scendere improvvisamente dal marciapiede, di vederli utilizzare le strisce pedonali, di vederli passare con il rosso! marco vitali, mi dispace ma non sei oggettivo.
Arrosto72 8 mesi fa su tio
I ciclisti fanno quello che vogliono: semafori IGNORATI, marciapiedi come se fossero piste ciclabili. Se li incontri sul marciapiedi si offendono pure se devono spostarsi ... Alcuni giorni fa addirittura uno in contromano sulla ciclabile. Ovviamente l'attenzione della polizia è sulle automobili.
jena 8 mesi fa su tio
gli autisti distratti vengono puniti... ma non ho mai visto un ciclista fermato, anzi fan finta di non vederli...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
LIVE
Il contagiato è un 70enne ticinese, ricoverato alla clinica Moncucco
Nuovi dettagli sul primo caso di coronavirus in Svizzera. L'uomo è ricoverato in isolamento, ma «sta bene»
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus: c'è un primo caso, ed è in Ticino
Lo ha comunicato l'Ufficio federale della Sanità. A breve comunicazioni dal medico cantonale
CANTONE
2 ore
Niente acqua benedetta, né scambio della pace
La Diocesi di Lugano ha deciso di adottare alcune drastiche misure per evitare il propagarsi del coronavirus
CANTONE
2 ore
«Siamo sommersi dalle chiamate dal Ticino»
Isteria coronavirus. La helpline attivata da Berna è sotto assedio. E Aldi intanto prepara le scorte
LOCARNO
2 ore
Città più pulita del solito con la Stranociada senza usa e getta
Oltre 5'000 presenze al carnevale locarnese che ha avuto luogo lo scorso weekend
CANTONE
6 ore
Vento e una spruzzata di neve in arrivo
Allerta meteo per la giornata di domani con correnti che in pianura potranno raggiungere gli 80 km/h
SONDAGGIO
CANTONE
7 ore
In treno attraverso l'Europa? «Ci vuole un solo biglietto elettronico»
La prenotazione di un collegamento ferroviario che passa da più paesi «è complicato». L'ATA lancia una petizione
FOTO E VIDEO
LUGANO
8 ore
Sbanda e si scontra con un camion, chiusa la Vedeggio-Cassarate
Un SUV con un rimorchio carico di legname si è rovesciato nel tunnel, che è rimasto chiuso per oltre due ore
MENDRISIO
11 ore
La maestra resta... anzi no
Dietrofront dell'asilo per la docente accusata di maniere brusche. Non potrà rientrare fino a indagini concluse
LUGANO
11 ore
«Mediaset addio, e ora mi do ai fumetti in Ticino»
Luca Tiraboschi, per 13 anni direttore di Italia 1, ha scelto la Svizzera per ripartire: «Ora mi godo la famiglia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile