tipress
+2
CANTONE
07.06.19 - 14:550

Divieto di fumo nelle stazioni, spuntano i cartelli

I divieti, con l'introduzione di zone per fumatori ben delimitate, si concretizzeranno gradualmente

LUGANO - Da sabato primo giugno le stazioni ferroviarie svizzere sono diventate luoghi in cui vige il divieto di fumare. Aveva però, negli scorsi giorni, fatto discutere l'assenza della dovuta segnaletica, giustificata da quella che è stata definita poi una «transizione soft».

I ritardi, dovuti a «motivi logistici», si stanno gradualmente recuperando, come si evince dai cartelli comparsi, ad esempio, a Bellinzona e Lugano.

I divieti, con l'introduzione di zone per fumatori ben delimitate, arriveranno passo a passo. Qua e là si potrà continuare ad accendersi una sigaretta fino a metà 2020.

tipress
Guarda tutte le 6 immagini
TOP NEWS Ticino
CANTONE
16 min
«Dopo 93 giorni mia figlia ha riabbracciato il papà e i nonni»
Il racconto di una mamma: «Il bene di mia figlia è più forte delle incomprensioni fra genitori». E anche del coronavirus
CANTONE
2 ore
«Aveva perso la fiducia di tutti»
L'ex comandante Antonini sconfessato dal Tribunale amministrativo federale. Confermata la sospensione
CANTONE
3 ore
Il ballottaggio per il Consiglio degli Stati è valido
Lo ha stabilito il TRAM, che ha respinto il ricorso presentato lo scorso novembre dall'avvocato Gianluca Padlina
CANTONE/CONFINE
3 ore
Ticinese fermato in dogana, rischia la multa per un giornale
Nel caso specifico si è chiuso un occhio. Niente multa, ma l'acquisto è stato lasciato oltre confine.
CANTONE/BERNA
4 ore
Non chiamateli omicidi "passionali"
Femminicidio: le deputate ticinesi Gysin e Carobbio chiedono una svolta linguistica (ma non solo) nel codice penale
CANTONE
5 ore
Covid: un positivo e zero decessi
Dall'arrivo del coronavirus nel nostro cantone si registrano complessivamente 3'316 contagi
CAMORINO
7 ore
Danni e sporcizia alla Capanna Cremorasco
Atti di vandalismo da parte di alcuni ignoti. Il Patriziato di Camorino ha sporto denuncia.
MORBIO INFERIORE
7 ore
«Il Covid si è preso mio papà a 67 anni, questo brano è per lui»
Federico Perpignano è morto il 14 marzo, è il sesto ticinese deceduto per coronavirus. L’iniziativa del figlio Davide.
CANTONE
8 ore
La critica di Suter: «Al ristorante seduti, in discoteca in 300»
Il presidente di Gastrosuisse Ticino fa notare alcuni «paradossi» nelle scelte operate da Berna
CANTONE
9 ore
La casa dei sogni post Covid? Di certo quella col giardino
Interessati soprattutto francesi e italiani. L'analista: «Tutto dipenderà dai flussi migratori in Italia».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile