Deposit
LOCARNO
29.05.19 - 06:340
Aggiornamento : 08:03

Denuncia penale per l’“ex cuoco di Berlusconi”

Varie le accuse che gli vengono mosse da un cittadino del Locarnese. Ma il 48enne, che oggi si occupa di serramenti, si difende con forza: «Quel tizio non ci voleva pagare»

LOCARNO – Scatta una denuncia penale al Ministero pubblico per Salvatore Carpinteri, “ex cuoco di Silvio Berlusconi”, che oggi si occupa di una ditta di serramenti in Ticino. A inoltrarla, un cittadino del Locarnese evidentemente non soddisfatto del suo operato. Diverse le accuse che vengono mosse contro l’imprenditore 48enne. Truffa, violazione di domicilio e falsità in documenti, unitamente a eventuali.

Una questione personale – Carpinteri, che ha un permesso B provvisorio e che risulta regolarmente registrato con la sua impresa, non si è sottratto neanche stavolta alle domande di Tio/ 20 Minuti. «Adesso basta. Noi avevamo già denunciato a metà maggio questo nostro cliente. La sua, adesso, è una contro denuncia. Lui ci ha fatto iniziare i lavori, a un certo punto non era contento e si è impuntato: non vuole pagarci, neanche il materiale».

In Svizzera per ripartire – Carpinteri, che in Italia è stato protagonista di diverse vicende giudiziarie, sostiene di essere arrivato in Svizzera per voltare pagina. E per ricostruirsi una vita. «Non è possibile che certa gente si attacchi a quello che trova su Google per giudicarmi. Io qui mi sto facendo in quattro. Lavoro bene. E la maggior parte della clientela è contenta. Solo quest’uomo mi sta dando grattacapi. Usa le informazioni che trova sul mio conto in internet, per fare leva sulle autorità. È scorretto. Mi ha fatto anche mandare i controlli presso la mia ditta perché sosteneva che non fossi in regola. Mi spiace deluderlo. Hanno trovato tutto a posto».   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
12 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
12 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
13 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
14 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
15 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
17 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
17 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
18 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile