Ti Press
CANTONE
23.05.19 - 11:220
Aggiornamento : 14:10

«I manager di Kering non hanno ingannato le autorità»

Non luogo a procedere sul caso delle presunte residenze fittizie. Garzoni: «La Legge federale sugli stranieri si applica unicamente a cittadini che non fanno parte della comunità europea»

BELLINZONA - Lo scorso 20 marzo, Matteo Pronzini aveva segnalato al Procuratore Pubblico Capo Arturo Garzoni il caso delle presunte residenze fittizie in Ticino di manager del gruppo Kering.

A due mesi di distanza, Garzoni ha emanato un decreto di non luogo a procedere, «non sussistendo i presupposti per ipotizzare un reato penale, in particolare quello di inganno nei confronti dell'autorità».

L'art. 118 della Legge federale sugli stranieri si applica infatti unicamente a cittadini terzi, non facenti parte della comunità europea (cfr. art. 2 LStrl), mentre ai cittadini UE occorre applicare le disposizioni dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera da una parte e la Comunità europea ed i suoi Stati membri dall'altra

Per verificare la regolarità della residenza di cittadini UE (non soggetti a contingentamento) - si legge nella nota del Ministero pubblico - non vanno quindi considerati i criteri della LF sugli stranieri, ma quelli dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone e quelli degli accordi bilaterali, «ritenuto che un'eventuale violazione di queste normative avrebbe, semmai, comportato una multa, di competenza dell'autorità amministrativa».

4 mesi fa Una ventina di manager con falsa residenza: «Come vi sono sfuggiti?»
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA / BIASCA
8 min

Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»

La polizia conferma il ferimento di una persona sul treno tra Bellinzona e Biasca. Le indagini sono in corso per far luce sull'accaduto

CANTONE
1 ora

Addio ad Antonio Snider

L’avvocato locarnese è stato stroncato da un male incurabile a 96 anni

CANTONE
2 ore

Finanze cantonali in nero, il preconsuntivo fa ben sperare

Dal Consuntivo 2019 potrebbe risultare un avanzo di 73.3 milioni di franchi. Incidono (anche) i 9.6 milioni di franchi di restituzione da parte di AutoPostale

SANT'ANTONINO
5 ore

Doppio tentativo di furto a un bancomat, in manette un 35enne

L'uomo, che per due volte non è riuscito nel suo intento, si era dato alla fuga ma è stato arrestato dalla Polizia cantonale. Ancora latitanti i suoi complici

CANTONE
6 ore

Ricercato in Italia, pacificamente in Ticino: «Come mai?»

Fiorenzo Dadò e Giorgio Fonio interpellano il Governo sulla vicenda del 42enne italiano che nonostante un ordine di carcerazione pendente ha ricevuto per almeno 10 mesi l'assistenza nel nostro Cantone

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report